Avanzi

LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Signbo10

Unisciti al forum, è facile e veloce

Avanzi

LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Signbo10

Avanzi

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


3 partecipanti

    LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO


    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Sab Dic 02, 2023 2:59 pm

    GODZILLA X KONG: IL NUOVO IMPERO, IL TRAILER È VICINO: ECCO I NUOVI POSTER

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Dopo l’ultimo post su Instagram per Godzilla x Kong, sono stati pubblicati due nuovi poster ufficiali che ci avvicinano sempre di più al trailer del film.

    Il trailer verrà mostrato in anteprima al CCXP 2023 di San Paolo per poi essere rilasciato subito dopo, il 3 Dicembre, online. I due nuovi poster mostrano le impronte, rispettivamente di Godzilla e Kong, che si sovrappongono al volto dei due Kaiju.

    La trama del film recita: “Questo nuovo film fa seguito all'esplosiva resa dei conti di Godzilla vs. Kong con un'avventura cinematografica completamente nuova, che contrappone l'onnipotente Kong e il temibile Godzilla a una colossale minaccia sconosciuta nascosta nel nostro mondo, che mette in discussione la loro stessa esistenza - e la nostra. Il nuovo film epico approfondirà la storia di questi Titani, le loro origini e i misteri dell'Isola del Teschio e oltre, scoprendo la mitica battaglia che ha contribuito a forgiare questi esseri straordinari e li ha legati per sempre all'umanità.

    Rebecca Hall (Dr. Ilene Andrews), Brian Tyree Henry (Bernie Hayes) e Kaylee Hottle (Jia) riprenderanno i loro ruoli dal film precedente, mentre Millie Bobby Brown e Alexander Skarsgård non torneranno. L’uscita del film è prevista per il 12 aprile 2024.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Fandango   @Fandango
    New character posters for #GodzillaXKong. Unite in theaters April 2024.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Lun Dic 04, 2023 2:54 pm

             -   Godzilla e Kong - Il Nuovo Impero | Trailer Ufficiale   -


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mar Dic 05, 2023 3:22 pm

    GODZILLA X KONG, PERCHÉ GODZILLA È ROSA NEL NUOVO TRAILER?

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Dopo l’uscita del trailer ufficiale di Godzilla x Kong: il nuovo impero, a molti fan è sorto un dubbio riguardante l’aspetto di Godzilla.

    Se avete visto il trailer della nuova pellicola in uscita, avrete potuto notare verso la fine della clip il nuovo aspetto del famoso Kaiju. Il mostro appare difatti con una sorta di “cresta” rosa dietro la schiena. Alcuni fan hanno apprezzato, alcuni no, ma in molti si sono chiesti il motivo dietro questa scelta stilistica. Purtroppo, non esiste alcuna ragione canonica dietro la colorazione rosa di Godzilla, o almeno nulla è stato ancora rivelato a tal proposito.

    Di conseguenza, circolano sul web due teorie che tentano di spiegare il “nuovo look” del kaiju. La prima si ricollega agli eventi del primo film: alla fine della storia Godzilla rimane ibernato, e sembra che ciò gli permetta in qualche modo di evolversi. Sembra quindi che questo periodo di ibernazione abbia permesso al mostro di “sbloccare” la sua “forma rosa”, forse conferendogli nuovi poteri. L’altra ipotesi guarda invece al lato commerciale del film: Se il look di Godzilla rimane sempre lo stesso, è difficile produrre nuovo merchandising da poter vendere. Di conseguenza il nuovo aspetto rosa del mostro da la possibilità di produrre gadget e giocattoli esclusivi per Godzilla x Kong: il nuovo impero.

    Due ipotesi molto interessanti, e non resta che aspettare l’uscita del film per chiarire questo piccolo dubbio.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mar Dic 05, 2023 3:28 pm

    Il duro del Road House: Jake Gyllenhaal furioso perché Amazon non vuole far uscire il remake nei cinema

    La pellicola diretta da Doug Liman arriverà direttamente in streaming su Prime Video.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Nel corso di un articolo di Variety che si occupava dell'addio di Joel Silver a parecchi progetti targati Amazon Studios, si fa riferimento anche al fatto che Jake Gyllenhaal sia furioso con lo studio per la decisone di non distribuire al cinema il remake de Il duro del Road House.

    Anche Silver pare si sia "infuriato" per l'intenzione di Amazon di distribuire Road House direttamente in streaming piuttosto che dare al remake un'uscita nelle sale. Questo nonostante il film abbia ottenuto un ottimo punteggio nelle proiezioni di prova e sia stato segnalato come uno dei film con il più alto indice di gradimento di sempre per il regista Doug Liman.

    Secondo un successivo rapporto di Puck News, Liman e Gyllenhaal sarebbero altrettanto scontenti della strategia di distribuzione di Road House.

    Liman e Gyllenhaal sarebbero "furiosi" per il rifiuto di Amazon di distribuire il film nelle sale e pare che i due abbiano fatto di tutto per ribaltare la situazione, arrivando a organizzare personalmente una proiezione del film per l'amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos sullo yacht del miliardario.

    Sfortunatamente, la proiezione non ha cambiato nulla e il remake è ancora destinato a una distribuzione in streaming.
    Fonte: MoviePlayer.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mar Dic 05, 2023 3:33 pm

    300: Zack Snyder realizzerà il sequel Blood and Ashes, storia d'amore gay su Alessandro Magno

    Il regista ha riottenuto i diritti di sfruttamento del suo script inizialmente proposto come sequel di 300 alla Warner.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Zack Snyder ha riottenuto i diritti di sfruttamento di Blood and Ashes, ovvero lo script da lui firmato e proposto inizialmente a Warner Bros. come idea per il sequel di 300, l'epic movie con Gerard Butler uscito nel 2006.

    Il film, infatti, è nato come sequel di 300 e 300 - L'alba di un impero ed è stato uno degli ultimi progetti a cui Snyder ha lavorato prima di lasciare ufficialmente la Warner Bros. dopo la debacle di Justice League. Ma il risultato si è allontanato molto dall'idea iniziale di sequel di 300.

    Blood and Ashes, che Snyder ha scritto parzialmente mentre girava Army of the Dead per Netflix nel 2019, si concentra sulla relazione tra Alessandro Magno e il suo secondo in comando, Haphaestion. Si tratta di una storia d'amore gay che è anche un'epopea di guerra dell'antica Grecia, una storia che, secondo l'autore, era piaciuta all'allora dirigente della Warner Courtenay Valenti.

    Lo studio, dato l'argomento e le tensioni con il regista dopo la sua uscita da Justice League, alla fine non ha dato il via libera, ma il progetto, co-scritto dal collaboratore di lunga data Kurt Johnstad, potrebbe presto diventare un film: Snyder ha infatti recentemente dichiarato a THR che lui e la moglie e socia produttrice Deborah Snyder hanno riavuto i diritti dallo studio - e sono liberi di proporlo altrove.

    "Abbiamo riavuto i diritti e quindi possiamo realizzarlo se vogliamo", ha detto Snyder durante l'intervista. "Non so quale sia il mercato per un film incredibilmente omoerotico, super violento e super sessuale. Ma forse è perfetto".
    Fonte: MoviePlayer.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mer Dic 06, 2023 9:33 am

    Godzilla e Kong – Il nuovo impero: il regista preannuncia intere sequenze con i mostri prive di dialoghi

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    In occasione del CCXP di San Paolo in Brasile, come abbiamo visto, la Warner Bros ha diffuso finalmente il primo trailer di Godzilla e Kong – Il nuovo impero, nuovo capitolo del Monsterverse della Legendary Pictures diretto nuovamente da Adam Wingard.

    Il regista ha parlato del progetto con IGN spiegando di aver appreso molto dal capitolo precedente:

    "Le abilità richieste per creare un film di mostri gigantesco sono così specifiche che devi per forza acquisirle. È stato soltanto alla fine delle riprese [del film precedente] che ho detto: “Oh, aspetta, adesso ho capito”. Mi sono venute tantissime idee su cosa avrei voluto fare la volta successiva e come migliorare."

    Ha poi preannunciato la presenza di scene di combattimento prive di dialoghi:

    "Moltissime scene del film sono intere sequenze realizzate in digitale, moltissime cose sono frutto dell’immaginazione. Ci sono scene che durano fino a otto minuti in cui ci sono solo i mostri in azione, perciò il film permette loro di raccontare una storia in maniera visiva e non verbale."

    Godzilla e Kong – Il nuovo impero sarà distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 12 aprile 2024.
    Fonte: BadTaste.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mer Dic 06, 2023 9:39 am

    GODZILLA MINUS ONE, RECORD AL BOX OFFICE PER LA SAGA: TUTTI I NUMERI

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Godzilla Minus One è al cinema in tutto il mondo, Italia compresa grazie a Nexo Digital, ma come sta andando il Re dei Mostri al box office? I numeri sono ottimi, e in alcuni casi perfino da record.

    Come segnalato dalla rivista Deadline, infatti, Godzilla Minus One ha aperto al botteghino USA con 11 milioni di dollari, una cifra che stabilisce il nuovo record per la più grande apertura del 2023 per un film straniero: curiosamente, il precedente detentore del record negli Stati Uniti era un altro titolo giapponese, il film d'animazione Demon Slayer: Kimetsu No Yaiba, che a marzo scorso aveva esordito con un bottino di 10,1 milioni di dollari sul mercato USA. Considerato che l'anno sta per volgere al termine, è improbabile che un altro titolo straniero riuscirà a fare meglio di Godzilla Minus One.

    Questo nuovo primato in terra americana segna l'ennesimo record al box office per il film di Godzilla, che aveva stabilito un nuovo primato di incasso anche in Giappone quando aveva debuttato con 7,8 milioni di dollari durante i suoi primi tre giorni di programmazione. Di questi, 1,2 milioni di dollari sono arrivati da 49 sale IMAX, la grande più distribuzione di sempre per un film live-action giapponese in questo formato.

    Nel frattempo, in Italia, Godzilla Minus One è al decimo posto della classifica con un totale di 77mila euro: il film, distribuito in lingua originale sottotitolata, è in programmazione come evento per una settimana dall'1 al 6 dicembre.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mer Dic 06, 2023 2:46 pm

    GODZILLA X KONG, CHI È IL VILLAIN DEL NUOVO FILM DEL MONSTERVERSE?

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Dopo lotte interminabili, è successo: Godzilla e King Kong hanno un nemico comune da combattere in Godzilla x Kong, nuovo capitolo del MonsterVerse che vede per la prima volta i due mostri pronti a unire le forze. Ma quanto è grande la minaccia che incombe sul mondo?

    Nel trailer di Godzilla x Kong: The New Empire abbiamo un primo assaggio di Skar King, un gigantesco orango dal pelo arancione che appare molto, molto arrabbiato. Pur essendo simile a Kong, Skar King appare più magro e presenta braccia e gambe molto lunghe ma ciò che colpisce maggiormente sono i suoi occhi blu luminosi. Proprio il dettaglio degli occhi potrebbe rivelarsi un'arma (forse nucleare), non ancora svelata, ma molto importante nel conflitto contro i kaiju più famosi del cinema.

    Skar King, però, ha dimostrato nelle clip estratte dall'anteprima, una certa intelligenza: l'orango dal ruggito profondo, infatti, indossa con fierezza la spina dorsale di un altro mostro sfoggiandola come un trofeo e come monito per chiunque osi sfidarlo. L'arduo compito toccherà a questo duo d'eccezione ma il vero potenziale di Skar King potrebbe rimanere nascosto fino all'arrivo del film nelle sale.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mer Dic 06, 2023 3:07 pm

    DEADPOOL 3, CHI È DOGPOOL E QUALI SONO I SUOI POTERI?

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Negli ultimi anni l'MCU non sta vivendo effettivamente un periodo roseo, molti prodotti per il piccolo schermo hanno incontrato il disappunto degli appassionati, e come dimenticare il clamoroso flop al botteghino del recente The Marvels. In tutto questo però, una vecchia conoscenza sta per debuttare in questo universo proprio in Deadpool 3.

    Ecco quindi che cerchiamo di approfondire il poco materiale ufficiale che abbiamo al momento sul nuovo film con Ryan Reynolds.

    Grazie ad una recente foto pubblicata online infatti, possiamo dare una prima occhiata a Wade Wilson nella nuova pellicola, questa volta però in compagnia di un dolce cagnolino e si tratterebbe proprio di Dogpool.

    Per chi ha letto i fumetti sicuramente non sarà una nuova conoscenza, si tratta infatti di una delle varianti del super mercenario e può disporre di alcune abilità uniche. Tra queste anche la possibilità di autorigenerarsi. Il personaggio nella versione cartacea appartiene alla terra -103173, ed una volta che è stato sottoposto ad una serie di esperimenti genetici si è ritrovato sfigurato ed ha acquisito doti particolari.

    Voi che ne pensate? Non resta che attendere l'arrivo nelle sale di Deadpool 3 per saperne di più.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Gio Dic 07, 2023 2:57 pm

    Johnny Mnemonic | Keanu Reeves, la pandemia e quelle profezie sul futuro

    Una pandemia globale nel 2021? Sì. Ecco perché Johnny Mnemonic ci ha visto (molto) lungo.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    MILANO – L’anno è il 2021 (!), la popolazione è messa alle strette da una pandemia causata da un virus (!!) e la tecnologia governa la vita delle persone (!!!). Suona famigliare? Ironicamente, ma nemmeno troppo, questo non è solo il riassunto del periodo che stiamo vivendo, ma è anche l’ambientazione alla base dell’universo di Johnny Mnemonic – lo trovate in streaming su NOW e Prime Video – film del 1995 diretto da Robert Longo con Keanu Reeves e Dolph Lundgren (ma nel cast ci sono anche Takeshi Kitano, Henry Rollins, Udo Kier e Ice T). Ancora più incredibile se si pensa che la storia sia stata ideata quindici anni prima, quando William Gibson – il padre del cyberpunk in letteratura – la pubblicò nel maggio del 1981 sulla rivista OMNI come Johnny Mnemonico, oggi inserita nella raccolta di racconti La notte che bruciammo Chrome (in Italia edita da Mondadori). E più si va a fondo nel mondo ideato da Gibson, più le similitudini diventano inquietanti.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    A partire dal virus che dilaga per il mondo: è il NAS (Nerve Attenuation Syndrome) – che pare sia causato dalla sovraesposizione alle onde degli apparecchi elettronici disseminati per il globo –, terribilmente fatale e senza una cura. Ma non solo. È appena iniziata la seconda decade del ventunesimo secolo e le corporazioni sono al potere e sono contrastate da un movimento di resistenza formato da pirati della rete e hackers che hanno dato vita a delle vere e proprie guerre di informazioni. È il caso del nostro Johnny (Keanu Reeves, reduce dal successo di Speed pochi mesi prima e che qui sembra prepararsi per quello che sarà poi il suo grande ruolo in Matrix), un corriere che come tanti altri ha un hard disk piantato nel cervello e trasporta dati e informazioni sensibili e informazioni.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Certo, la pellicola è del 1995, quindi ora fa quasi sorridere pensare che la capacità massima a cui si potesse arrivare allora fosse 160 GB, ma a quel tempo era una capacità di memoria dati enorme. E la storia segue Johnny mentre, durante la consegna di dati aziendali importanti, si ritrova inseguito dalla Yakuza, la mafia giapponese, in una corsa per la sopravvivenza e per non far cadere le informazioni nelle mani sbagliate. Fantascienza a parte, anche questo aspetto non ricorda qualcosa? Eppure non siamo così lontani dai nostri anni, anni che hanno visto lo scandalo Snowden, quando Chelsea Manning e Edward Snowden hanno diffuso preziose informazioni politiche e segreti di Stato a cui avevano avuto accesso negli Stati Uniti, scatenando un acceso dibattito sulla circolazione di queste in rete.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Insomma, diciamo che Johnny Mnemonic è uno di quei film destinati ad essere apprezzati solo con il tempo. Quando uscì, infatti, venne stroncato sia dalla critica che dal pubblico e bollato come uno dei peggiori film di quell’anno. Incasso? 19 milioni di dollari. Ne era costato 26. Nonostante si proponesse come il titolo che avrebbe riportato alla ribalta (meritata) il cyberpunk, tra fantascienza e distopia, i piani non andarono come previsto – tanto che Robert Longo, dopo questa prova alla regia, sparì dal cinema e tornò all’arte – e sarebbe toccato al celebre Matrix quattro anni dopo ritentare la fortuna. Oggi Johnny Mnemonic rimane un film dimenticato, ma è diventato terribilmente attuale. Alla distopia di fine Novecento piaceva guardare al futuro, immaginare come avrebbe vissuto l’umanità, ed è il caso di dire che questa volta ci hanno visto fin troppo bene. Profetico.


    Fonte: HotCorn.Com


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Ven Dic 08, 2023 3:11 pm

    Oscar 2024: Oppenheimer escluso dalla shortlist per i migliori effetti visivi, c’è Godzilla Minus One

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Tra pochi giorni si apriranno le votazioni per selezionare i film delle categorie tecniche che poi i membri dell’Academy voteranno per le nomination agli Oscar.

    Le votazioni da parte dei membri di otto categorie tecniche si terranno dal 14 al 18 dicembre, e il 21 dicembre verranno annunciate le shortlist di 10 titoli per categoria, dalle quali poi tutti i membri dell’Academy voteranno i cinque nominati dall’11 al 16 gennaio (le nomination verranno annunciate il 23 gennaio).

    Nel caso dell’Oscar ai migliori effetti visivi, un comitato di esperti ha già selezionato i 20 finalisti tra i quali dovrà essere scelta la shortlist che verrà annunciata il 21 dicembre, e Variety ha rivelato ieri in esclusiva quali sono questi film. Li elenchiamo:
    • “Ant-Man and the Wasp: Quantumania” (Marvel Studios)
    • “Aquaman and the Lost Kingdom” (Warner Bros.)
    • “Barbie” (Warner Bros.)
    • “The Boys in the Boat” (Amazon MGM Studios)
    • “The Creator” (20th Century Studios)
    • “Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves” (Paramount Pictures)
    • “Godzilla: Minus One” (Toho)
    • “Guardians of the Galaxy Vol. 3” (Marvel Studios)
    • “Indiana Jones and the Dial of Destiny” (Walt Disney Pictures)
    • “Killers of the Flower Moon” (Apple Original Films/Paramount Pictures)
    • “The Marvels” (Marvel Studios)
    • “Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One” (Paramount Pictures)
    • “Napoleon” (Apple Original Films/Sony Pictures)
    • “Nyad” (Netflix)
    • “Poor Things” (Searchlight Pictures)
    • “Rebel Moon: Part One – A Child of Fire” (Netflix)
    • “Society of the Snow” (Netflix)
    • “Spider-Man: Across the Spider-Verse” (Sony Pictures)
    • “Transformers: Rise of the Beasts” (Paramount Pictures)
    • “Wonka” (Warner Bros.)

    Tra le pellicole escluse anche Oppenheimer di Christopher Nolan, uno dei favoriti alla corsa agli Oscar, che tuttavia è stato al centro delle conversazioni qualche mese fa circa il fatto che non contenesse effetti visivi digitali, mentre mancano anche Killers of the Flower Moon e Napoleon, così come cinecomic come The Flash e kolossal come La Sirenetta.

    Tra i film presenti, invece, si fa notare Godzilla Minus One, film giapponese acclamato dalla critica e attualmente in testa alla classifica degli incassi negli USA. Sono poi presenti i tre film dei Marvel Studios, Barbie, Wonka, Aquaman e il Regno Perduto, The Creator, Indiana Jones 5 e diversi altri film ricchi di effetti visivi. Presenti anche tre film Netflix: Nyad, La società della neve e Rebel Moon. Sorprende poi la presenza tra i finalisti di The Boys in the Boat di Amazon, così come Spider-Man: Across the Spider-Verse, che potrebbe diventare il terzo film d’animazione della storia (dopo Nightmare Before Christmas e Kubo e la spada magica) a ottenere la nomination all’Oscar per i migliori effetti visivi.
    Fonte: BadTaste.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!

    A APUMA piace questo messaggio.

    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Ven Dic 08, 2023 3:22 pm

    Flop favoloso | La fallimentare svolta ideologica della Disney

    La multinazionale dell’intrattenimento sta affrontando un calo di ricavi e popolarità a livello globale. Le storie influenzate dalla cultura woke hanno prodotto personaggi poco convincenti e trame deboli, allontanando il pubblico tradizionale senza guadagnare nuovi spettatori.

    Secondo un detto latino, gli dei fanno impazzire chi vogliono distruggere; una frase che ben si adatta al declino della Disney che è stato determinato in gran parte dalle scelte artistiche della compagnia. Prima di tutto una premessa, la Disney è il più grande colosso mondiale nella industria dei media; una multinazionale che include società quali la Pixar, la GeorgeLucas e la Marvel. Come è possibile che questo gigante dell’intrattenimento veda un declino a livello globale? La risposta è che, per quanto il potere finanziario sia forte, non può vincere contro un’altra grande forza: la cultura pop che è fatta di storie che hanno un valore per il pubblico. E questo valore non è modificabile a piacere da una società, per quanto influente.

    Partiamo dall’ultimo caso eclatante, il film “The Marvels”, che è stato uno dei più grossi fallimenti della casa del topo; costato oltre trecento milioni di dollari (spese di marketing escluse) ha finora incassato meno di duecento milioni complessivi (meno di ottanta sul mercato statunitense) e ha collezionato ogni sorta di record negativi a partire dal crollo di spettatori di oltre l’ottanta per cento dopo il primo weekend (primi di novembre). Non ci interessa qui entrare nel merito del disastro artistico di una pellicola che è nata fra mille polemiche ed è stata persino disconosciuta dalla sua regista Nia DaCosta; ciò che ci interessa è che questo disastro è l’epilogo di una storia iniziata circa venti anni fa (anzi di due storie, come vedremo) e che oggi stanno portando la più grande casa mediatica al mondo (la Disney) a crollare sotto il peso di una serie di fallimenti a catena.

    La Marvel ha costruito un modello mediatico che, a partire del primo “Iron Man” nel 2008 è stato una garanzia di successo. La formula era semplice: portare gli eroi classici dei fumetti della Marvel in un universo cinematico (da cui il fortunato acronimo MCU, Marvel Cinematic Universe) coerente dove ogni film terminasse annunciando qualche futura avventura; un trucco realizzato grazie alle famose scene dopo i titoli di coda (post credit scene o credit cookie) che stimolavano il desiderio dei fan. Tutto è andato per il meglio al punto che la concorrenza ha spesso cercato di realizzare qualcosa di analogo (un caso fra tutti: la WarnerBros con il DC Comics Cinematic Extended Universe o DCEU) senza riuscire a emulare la magia della Marvel.

    Tutto è andato bene fino a quando Disney ha iniziato a mescolare alle sue storie l’ideologia in voga oggi in California, una ideologia che mescola il femminismo di terza generazione con la cosiddetta cultura woke: una visione della società secondo cui le figure femminili sarebbero ingiustamente messe in secondo piano e asservite a una visione del mondo maschile. La Disney, desiderosa di assecondare questa cultura, si è così mossa cercando di correggere la rotta e di dare maggiore spazio a personaggi femminili al posto di quelli maschili.

    Tuttavia qui c’è un equivoco di fondo. Un conto è dare spazio a personaggi femminili come più di una volta è successo (Ripley di Alien, Katniss Everdeen di Hunger Games, Alice in Resident Evil, Eleven in Stranger Things e così via). Un’altra cosa è modificare trame che avevano già una loro logica e tradizione per riscriverle e modificarle secondo una visione del mondo imposta a forza.

    Purtroppo questa tendenza a voler riscrivere stalinianamente il proprio passato mediatico è diventata una tendenza dominante all’interno della Disent. Prendete l’altra grande società della Disney, ovvero la Lucasfilm ceduta dal suo creatore nel 2012 per quattro miliardi di dollari e da allora guidata da Kathleen Kennedy. Improvvisamente, con grande sgomento dei fan tradizionali della saga di Star Wars, i vecchi personaggi, colpevoli di essere maschi e bianchi, sono stati poco cerimoniosamente eliminati (Ian Solo ucciso da suo figlio, Luke Skywalker prima umiliato in una serie di scene patetiche e poi eliminato senza una reale catarsi) per mettere al centro delle vicende una ennesima figura femminile forte, Rey, che, senza un reale percorso narrativo, è imposta come eroina. Guardiamo al box office. Questa scelta di imporre figure femminili in sostituzione di ruoli maschili ha pagato? Si direbbe proprio di no: i proventi si sono dimezzati nel giro di tre pellicole (la prima aveva raccolto due miliardi e l’ultima poco più di uno).

    In modo analogo gli spin off centrati su figure femminili (“Ahsoka”) non sono stati ben accolti dal pubblico e anche altre produzioni collegate hanno avuto un riscontro sempre minore (“The Mandalorian”, “The book of BobaFett”). Kathleen Kennedy, la Ceo di della Lucasfilm è stata responsabile anche di un altro caso di omicidio mediatico: l’ultima pellicola dedicata all’ormai ottantenne Indiana Jones, ovvero “Indiana Jones and the dial of destiny”. Anche in questo caso, non differentemente dagli eroi di guerre stellari, il coraggioso e anticonvenzionale archeologo è stato umiliato e messo da parte da un nuovo personaggio femminile, Helena Shaw interpretata da Phoebe Mary Waller-Bridge, che ne mostra limiti e difetti e, alla fine, lo congeda in un pensionamento forzato dove dovrà riparare alle sue mancanze coniugali. Il risultato commerciale di questa pellicola è stato (come stupirsene) disastroso.

    Uno potrebbe vedere una regola che si ripete e che non ha colpito solo la Disney, ma anche altre celebri franchise. Ne cito solo un paio: la saga di Star Trek e il Doctor Who. Si tratta in entrambi i casi di veri e propri mondi creati negli anni Sessanta e Settanta, il primo negli Stati Uniti e il secondo in Inghilterra. Con fortune alterne sono passati attraverso numerose generazioni di spettatori e hanno conosciuto numerose reincarnazioni che ne hanno tenuto vivo l’anima pur in contesti e con linguaggi diversi. Poi, negli ultimi dieci anni, hanno dovuto subire il restyling woke, ovvero vedere il protagonista sostituito da una figura femminile forte (nel caso di Star Trek il nuovo capitano è Michael Burnham (intrepretato da Sonequa Chaunté Martin-Green) e il nuovo Doctor Who è stato interpretato da Jodie Whittaker. Entrambe le serie hanno visto un deciso crollo degli ascolti.

    L’elenco potrebbe essere molto lungo – “She-Hulk: Attorney at Law”, “Wanda Vision”, “Black Widow”, “Black Panther: Wakanda Forever”, “Star Trek: Picard”, “Ghostbuster 2016″, “WonderWoman 1984” – dove si ripete lo stesso schema revisionistico: si prendono storie che avevano avuto al loro centro personaggi maschili (e tendenzialmente bianchi) e vengono riscritte sostituendo poco cerimoniosamente questi personaggi con personaggi considerati più inclusivi (spesso l’inversione è di genere con un personaggio femminile, altre volte è etnico come nel caso de “La Sirenetta”, oppure è di orientamento sessuale). Un caso emblematico è stata la costosissima serie di Amazon ispirata al signore degli anelli “The Rings of Power” centrata su una figura femminile, l’elfa Galadriel interpretata da Morfydd Clark, che è stata un ennesimo immancabile fallimento mediatico.

    A questo punto, potremmo chiederci come mai queste case cinematografiche insistono su una formula che sembra far perdere loro il pubblico tradizionale e non gli fa guadagnare nuovo pubblico? Possiamo identificare alcuni fattori ricorrenti. Il primo è la sensazione che le società coinvolte si sentano depositarie di una visione del mondo superiore a quella del loro pubblico. Purtroppo nel mondo dei media è molto pericoloso reputarsi migliori dei proprio spettatori. Il secondo è che l’ideologia è sempre nemica della creatività e che l’intenzione di imporre forzatamente degli schemi alle storie porti inevitabilmente a scrivere brutte storie e brutti personaggi. Il terzo è che queste cosiddette figure femminili forti non sono affatto tali, ma sono caricature di figure maschili forti interpretate da personaggi del sesso opposto. Il quarto è che in molti di questi film il successo da parte di un personaggio femminile è imposto non da dinamiche interne alla narrazione, ma dall’esterno del film stesso, creando dei personaggi che sono stati definiti delle Mary Sue, un soprannome che identifica qualcuno che ha successo non per i propri meriti ma per una decisione degli sceneggiatori.

    Infine, molti di questi film sembrano giustificare il successo dei personaggi femminili controbilanciandoli con una concezione negativa dei personaggi maschili che sono quasi sempre deboli, impacciati, inutili quando non cattivi, crudeli, insensibili: una misandria diffusa che appesantisce trame e fa perdere spettatori (di entrambi i sessi): così come al pubblico maschile non piace vedere storie dove le donne vengono umiliate, così al pubblico femminile non piace vedere trame che presentano delle figure maschili patetiche e infelici.

    Questo fallimento mediatico della cultura woke, ufficialmente inclusiva e femminista ma in pratica spesso misandrica e fondamentalista, è diventato il punto centrale di una vera e propria guerra culturale che, negli Stati Uniti, si manifesta anche in sedi più sofisticate delle sale cinematografiche, come le università e i seggi elettorali; al punto da aver coniato il detto «get woke get broke» («diventa woke e poi fallisci»). A novembre, questa guerra è diventata persino il tema della popolarissima serie “South park” con l’episodio ormai celebre “Joining the panderverse” dove la protagonista è proprio Kathleen Kennedy che, con la scusa di presentare versione inclusive e attente alla diversità, non fa altro che rimbambire il suo pubblico presentando versione ricicciate dei classici Disney e Lucas dove l’unica differenza è che i protagonisti maschili sono sostituiti con versioni femminili, gay e possibilmente etnicamente non caucasiche. Nell’episodio si riassume tutto questo con il motto «Put a chick in it and make her lame and gay» («Metti una donna e rendila noiosa e gay») che poi è esattamente quello che si è contestato a “The Marvels”, ovvero di scegliere una cinematografia ruffiana (come ha scritto Lorenza Negri).

    Insomma, quello che si vede oggi nel mondo mediatico non è nuovo. Si vede come l’ideologia non sia un terreno fertile per la creatività e come la libertà non possa esprimersi in un mondo preoccupato – attraverso l’inclusività e la presunta difesa della diversità – di essere prima buoni e corretti e poi veri e interessanti. Voler veicolare a tutti costi un messaggio spegne l’anima dei racconti che hanno, per decenni, intrattenuto generazioni di spettatori. Ma la vera domanda, alla fine, non può che essere una: se le grandi case cinematografiche vedono ridursi i profitti, che cosa le spinge a privilegiare l’ideologia sulla creatività e sul valore delle storie? E questa domanda non può che farci riflettere sulla direzione di una società dove la pretesa ipocrita di essere migliori domina sulla realtà.
    Fonte: Linkiesta.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Ven Dic 08, 2023 3:27 pm

    Godzilla Minus One, il nuovo spettacolare film sul Re dei Kaiju avrà un sequel? Cosa ha detto il regista

    In attesa della risposta americana, Godzilla x Kong: The New Empire, il nuovo film della Toho sta conquistando pubblico e critica. E potrebbe essere protagonista anche ai prossimi premi Oscar.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    In un modo o nell’altro, Godzilla trova sempre il modo di tornare. Non potrebbe essere altrimenti, considerando che parliamo della saga cinematografica che detiene il Guinness World Record per longevità, ribadita in questi giorni dall’uscita nelle sale di Godzilla Minus One e in futuro dalla risposta americana, ovvero il quinto film del MonsterVerse intitolato Godzilla x Kong: The New Empire. Ma ci sarà un sequel dell’ultimo titolo giapponese targato Toho?

    Molti fan se lo stanno chiedendo, soprattutto perché il finale lascia spazio ad un proseguo della storia. Una scelta per la verità obbligata, considerando lo status della creatura e la sua storia, che potrebbe non necessariamente tradursi in un nuovo film. A sperarci però è Takashi Yamazaki, regista di Minus One. Durante un’intervista con Sanpo, ha espresso così il suo pensiero:

    "Ho sempre desiderato fare un film su Godzilla, quindi questo è stato il momento che sogno da 50 anni. Chissà se me ne faranno fare un’altro."

    Parole che non risolvono gli interrogativi sul futuro relativo al film, che per la gioia dei fan italiani ha prolungato al sua permanenza nelle sale inizialmente programmata solo per pochi giorni. Minus One sta andando molto bene al botteghino: ha incassato circa 50 milioni di dollari a fronte di un budget di circa 15 milioni, un successo quindi per la nuova iterazione del Re dei Kaiju, che a quanto pare punta ad essere protagonista anche agli Oscar 2024.

    Nelle ultime ore è stata infatti rilasciata la lista dei 20 finalisti che puntano ad ottenere la nomination e la statuetta nella categoria Migliori effetti speciali. Insieme a Barbie, Rebel Moon, Ant-Man and the Wasp: Quantumania, Aquaman and the Lost Kingdom, The Creator, Wonka e tanti altri, c’è anche Godzilla Minus One. Il design della creatura omaggia la versione del 1954, ma nonostante qualche pecca dovuta al budget gli effetti speciali sono sicuramente tra gli elementi di pregio di questo film.

    Cosa ne pensate? Vi piacerebbe vedere un sequel di questa versione della creatura giapponese più famosa della storia del cinema?
    Fonte: BestMovie.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Ven Dic 08, 2023 3:34 pm

    Napoleon, ancora polemiche sugli errori storici del film di Ridley Scott «Sputa in faccia ai francesi»:

    Due esperti dell'età napoleonica non si sono trattenuti dal criticare gli aspetti più controversi del film con Joaquin Phoenix e Vanessa Kirby.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    A qualche settimana dall’uscita nelle sale, Napoleon di Ridley Scott continua a far discutere – gli esperti, soprattutto. Al film dedicato alla figura del condottiero e imperatore francese non vengono perdonate infatti alcune licenze storiche che si è preso per raccontare la sua storia. Sono numerose le critiche che sono state mosse alla verosimiglianza storica di certi eventi e tra queste trovano spazio ora quelle di due esperti dell’età napoleonica.

    Variety ha intervistato con lo storico Patrice Gueniffey e il giornalista Romain Marsily, per capire meglio perché Napoleon – del quale ora si attende la director’s cut – sta diventando sempre più il film che «i francesi amano odiare». Per cominciare, allo storico non sorprende il fatto che le persone si siano fiondate in sala per vedere il film di Ridley Scott, perché secondo i sondaggi il 74% di loro ammira ancora la figura di Napoleone Bonaparte. «Stanley Kubrick ha provato e fallito nel fare il suo film – ha sottolineato – Quindi facevamo il tipo per Ridley Scott, ma è stato una grossa delusione».

    Vengono poi ricordate le critiche mosse dallo storico Dan Snow in un video TikTok nel quale ha contestato soprattutto alcuni fatti storici, come ad esempio il bombardamento delle piramidi. «In Napoleon è tutto sbagliato, a cominciare dalle età» ha sottolineato Gueniffey. Bonaparte aveva 35 anni quando è diventato imperatore francese, mentre Phoenix lo sta interpretando a 49: «Non hanno cercato nemmeno di farlo più giovane, sembra stanco e poco ispirato».

    Sotto accusa anche la differenza di età con Giuseppina, interpretata da Vanessa Kirby e protagonista di alcune strane scene di sesso con Joaquin Phoenix. «Non sono contro le scene inventate – ha aggiunto – Ma quando vedo Napoleon che mette le mani in un cavallo ferito per recuperare il proiettile e darlo alla madre, lo trovo grottesco, perché aveva una relazione molto fredda e distante con lei».

    Non è meno critico il parere di Romain Marsily, che insegna Scienze politiche in una prestigiosa università francese e che punta il dito contro non tanto contro alcune esagerazioni – come appunto la scena in Egitto – quanto il modo in cui è stato rappresentato proprio Napoleon: «Il film sputa in faccia ai francesi perché sembra che Ridley Scott abbia ridicolizzato sia Napoleone che la storia della Francia». Una parte del pubblico francese, aggiunge, sarebbe delusa dal film «perché non riesce a far capire la sua eredità, buona o cattiva che sia». Lo stesso, definisce scioccanti e ridicole le cifre che appaiono alla fine del film sulle vittime delle guerre napoleoniche: «Sfortunatamente, in quei tempi, le guerre causavano molti morti».

    Le critiche vanno ancora avanti, ma sappiamo benissimo cosa avrà da dire Ridley Scott stesso: quando sono emerse le prime critiche, il regista de Il Gladiatore (altro film che presenta numerose “licenze creative storiche”, si era limitato a dire al giornalista di «farsi una vita». Voi cosa ne pensate? È giusto evidenziare questi errori?
    Fonte: BestMovie.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Ven Dic 08, 2023 3:43 pm

    TIM ALLEN ACCUSATO DA CASEY WILSON: "COMPORTAMENTO SCORRETTO SUL SET"

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    La star di Nuovo Santa Clause cercasi, Casey Wilson, ha criticato il protagonista della serie Tim Allen di comportamento scorretto sul set dello show. Nel corso di un episodio del suo podcast, Wilson ha raccontato un aneddoto spiacevole delle riprese dell'episodio pilota della serie televisiva, spin-off dei film con Allen.

    "Tim Allen era un tale str***o. È stata davvero la peggior esperienza che abbia mai avuto con un co-protagonista" ha dichiarato Casey Wilson, come riporta Variety. Su Everyeye potete godervi il trailer di Nuovo Santa Clause cercasi 2.

    "Allora, sono in una scena. Siamo solo io e Tim Allen e dovrei lanciargli delle cose. Penso che sia un ladro, quindi sta scendendo dal camino, ovviamente nei panni di Babbo Natale, e mi sono svegliata pensando che ci fosse un intruso, praticamente come in una scena di home invasion. Gli sto lanciando delle cose" spiega Wilson.

    A quel punto il comportamento di Tim Allen non sarebbe stato dei migliori: "Si avvicina al produttore, che è ad un metro da me, e lo sento dire 'Devi dirle di smetterla di calpestare le mie battute'. Il produttore si gira verso di me con l'orrore sul suo volto, si avvicina a me e dice 'Uhm, Tim ti chiederebbe di smettere di calpestare le sue battute'".

    Casey Wilson ha dichiarato che, finita la scena, Tim Allen ha continuato a comportarsi male, non l'ha mai guardata negli occhi e non le ha mai rivolto la parola:"Ha fatto sentire tutti a disagio".
    Lo scorso anno il cast di Nuovo Santa Clause cercasi ha raccontato la serie, disponibile su Disney+.
    Fonte: Serial.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Dom Dic 10, 2023 9:11 am

    QUANTO È COSTATO GODZILLA MINUS ONE? NON CREDERETE MAI AL BUDGET DEL FILM

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Quanto è costato Godzilla Minus One? Il nuovo film della saga giapponese della Toho Godzilla Minus One è da record al box office, ma qual è stato il suo budget di produzione?

    Al momento della stesura di questo articolo, la Toho non ha rivelato ufficialmente quanto sia costato realizzare Godzilla Minus One, ma secondo i report il budget del film è stato di appena di 15 milioni di dollari. Questa informazione, riportata da tutte le principali riviste di settore nelle scorse settimane, ha avuto origine inizialmente da un rapporto di Variety, che definiva Godzilla Minus One "un'impresa da 15 milioni di dollari".

    In base a questa informazione, il budget di Godzilla Minus One risulta significativamente inferiore a quello dei blockbuster di Hollywood, anche gli stessi film di Godzilla realizzati da Legendary Pictures per il MonsterVerse, con tutti i film della saga che hanno avuto un budget almeno dieci volte più grandi. Da segnalare, inoltre, che il budget di Godzilla Minus One potrebbe essere inferiore ai 15 milioni riportati da Variety: in una recente intervista con NBC, infatti, il regista Takashi Yamazaki ha commentato la cosa dicendo: "Magari avessi avuto davvero 15 milioni...".

    Ricordiamo che il successo planetario ottenuto dal film ha permesso a Godzilla Minus One di restare al cinema più del previsto, con una nuova settimana di proiezioni annunciate anche in Italia dal distributore Nexo Digital.
    Fonte: Cinema.EveryEye.t


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mar Dic 12, 2023 2:47 pm

    GLI ANIME ARRIVANO AGLI OSCAR 2024: IL RAGAZZO E L'AIRONE TRA I PROBABILI CANDIDATI

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Il 2023 è stato un anno formidabile per il cinema d'animazione giapponese. Un dato certificato anche dall'inclusione di ben cinque anime nella shortlist dell'Academy, tra cui Il ragazzo e l'airone di Hayao Miyazaki. Dalla lista di questi 33 lungometraggi sarà poi tratta la cinquina dei nominati al “miglior film d'animazione” agli Oscar 2024.

    L'inclusione nella shortlist permette ai film di risultare eleggibili per la prossima cerimonia degli Oscar, che si terrà come di consueto a Los Angeles nel mese di marzo. Naturalmente il fatto di rientrare in questa (limitata?) lista di possibili candidati non equivale ad ottenere una sicura nomination, soprattutto se consideriamo la nota riverenza che l'Academy ha nei confronti dei prodotti Disney. Ma il numero decisamente alto di film giapponesi – l'anno scorso, ad esempio, ne erano stati inclusi solamente tre nella shortlist – e soprattutto la loro indiscutibile qualità, apre la porta a scenari interessanti.

    Dei cinque film nipponici inclusi nella shortlist, cioè The First Slam Dunk, Suzume, Blue Giant, Il castello invisibile e Il ragazzo e l'airone, il più quotato ad entrare nella cinquina dei nominati nella categoria dedicata al “miglior film d'animazione” degli Oscar 2024 è naturalmente l'opera ultima di Miyazaki. D'altronde il celebre maestro è universalmente considerato un autore, alla pari dei grandi cineasti che l'Academy è solita celebrare, tanto che alcuni ritengono possibile anche una candidatura nella categoria più ambita: quella per il miglior film. Un'impresa per nulla impossibile, dato anche l'enorme successo di Il ragazzo e l'airone al box-office americano in questi stessi giorni.

    Discorso diverso per le altre opere. The First Slam Dunk ha superato ogni incasso in Giappone, ma negli Stati Uniti sono stati davvero in pochi a vederlo in sala, nonostante i grandi elogi della critica. E quando si parla di Oscar, bisogna sempre tenere in considerazione la risonanza che un dato film, specialmente se straniero, ottiene sul suolo statunitense. In questo senso un'opera come Suzume potrebbe conoscere un esito diverso, dal momento che il lungometraggio di Shinkai si porta dietro anche il successo della proiezione a Cannes. Per gli altri due film, invece, una nomination sembra fuori discussione.
    Fonte: Anime.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Gio Dic 14, 2023 2:42 pm

    GODZILLA X KONG, PERCHÉ IL GODZILLA ROSA È COSÌ FORTE? LA TRASFORMAZIONE SPIEGATA

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    I due kaiju più popolari nella storia del cinema torneranno presto sul grande schermo con Godzilla x Kong: The New Empire e mentre il MonsterVerse si espande sempre di più emerge un'importante novità sul mostro nucleare Godzilla che cambia muta e non solo!

    Nel trailer di Godzilla x Kong non possiamo evitare di notare come il lucertolone nucleare abbia cambiato colore! Godzilla è rosa e la sua "cresta" appuntita rosata potrebbe essere la conseguenza di un'evoluzione molto importante per il mostro! Oltre il nuovo "look", infatti, Godzilla appare decisamente in forma portando i fan a chiedersi quanto questa evoluzione possa aver inciso sulla potenza del kaiju e il rosa, in tutto ciò, sarebbe una naturale conseguenza di qualcos'altro.

    Un utente su X (ex Twitter) ha postato uno spettro elettromagnetico, ipotizzando che il colore rosa non sia altro che indicativo della maggiore potenza nucleare che potrà raggiungere il raggio che esce dalla bocca del mostro (trovate il tweet in calce all'articolo). Se così fosse, ci troveremmo di fronte alla versione più potente di Godzilla che riuscirebbe a raggiungere persino i raggi Gamma!

    L'evoluzione del mostro sarà decisiva nella lotta contro un nuovo potente villain in Godzilla x Kong: The New Empire che costringerà Godzilla e Kong a collaborare, per la prima volta sul grande schermo, per la salvezza del mondo!
    Fonte: Cinema.EveryEye.It

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    The_Genetic_Monster03 | Kaiju Arc   @genetic_monster
    Something really cool i'd like to point out about Godzilla's 'Evolved Form' in #GodzillaxKongTheNewEmpire .. The pink could be more than just aesthetic. There is a good chance that due to his mutation something else at play..

    Our big boy's gone GAMMA!

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Gio Dic 14, 2023 2:50 pm

    DEADPOOL 3, NUOVA IMMAGINE UFFICIALE! SPOILERATO IL RITORNO DI UN FAMOSO X-MEN?

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Le foto leak dal set di Deadpool 3 hanno svelato molti segreti sull'attesissimo film Marvel Studios in arrivo nel 2024, ma in queste ore anche Total Film ha seguito il trend pubblicando una foto promozionale ufficiale dentro la quale è nascosto uno spoiler abbastanza significativo.

    Come potete vedere nel post in calce all'articolo, infatti, Total Film ha pubblicato sull'edizione cartacea della nota rivista un artwork promozionale ufficiale di Deadpool 3, realizzato appositamente per abbellire un articolo di approfondimento e anticipazioni sul film (che in verità non anticipa granché, confermando sostanzialmente tutte le più recenti novità già arrivate dai soliti noti insider nelle scorse settimane). Tuttavia, l'immagine nasconde un piccolo grosso dettaglio che i fan hanno immediatamente notato: in alto nel cielo sopra Deadpool e Wolverine vola la figura di un angelo, una sagoma che per i fan dei fumetti può significare solo una cosa, ovvero Warren Worthington III, alias Angelo.

    Ricordiamo che i rumor hanno anticipato diversi camei dal mondo degli X-Men in Deadpool 3, e questa immagine è il primo pezzo di materiale promozionale ufficiale a spingere verso questa direzione. Stando alle voci di corridoio, Deadpool 3 sarà uno dei film principali della Saga del Multiverso e fornirà un ponte tra gli eventi di Loki 2 e Avengers: Secret Wars, con Wolverine scelto dalla TVA per guidare un nuovo gruppo di supereroi per combattere Kang il Conquistatore e Deadpool imprigionato per i viaggio nel tempo 'illegali' visti in Deadpool 2.

    La data d'uscita è fissata per il 26 luglio 2024.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    X-Men Updates   @XMenUpdate
    New 'DEADPOOL 3' promotional artwork.

    It appears Archangel is in the sky! 👀

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Gio Dic 14, 2023 2:57 pm

    DEADPOOL 3, INSIDER SICURO: NEL FILM CI SARÀ ANCHE DAKEN, IL FIGLIO DI WOLVERINE

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Dopo la conferma del ritorno di Morena Baccarin in Deadpool 3, nuove indiscrezioni dal web anticipano la presenza nel film del Marvel Cinematic Universe di un personaggio a dir poco inaspettato: Daken, il figlio di Wolverine.

    In nuovo post esclusivo per i fan abbonati alla sua sottoscrizione, il famoso insider e scooper Can we get some toast, tra le più note 'gole profonde' del settore, ha anticipato che il figlio di Wolverine sarà presente in Deadpool 3: non è dato sapere chi interpreterà il personaggio né quanto sarà esteso il suo ruolo, né tanto meno se il Daken del MCU sarà raccontato come una Variante di Wolverine oppure se sarà effettivamente il figlio della nuova versione del supereroe interpretato da Hugh Jackman.

    Daken, il cui vero nome è Akihiro, è apparso per la prima volta in Wolverine: Origins #10 nel 2007. Daken è il figlio di Wolverine e di sua moglie Itsu e possiede molte delle abilità del padre, incluso un fattore di guarigione, artigli retrattili (sebbene i suoi artigli si estendano dai polsi, non dalle nocche) e sensi potenziati.

    L'elenco dei cameo per Deadpool 3 di cui parlano le indiscrezioni è apparentemente infinito e recentemente è stato rivelato che anche Dafne Keen dovrebbe apparire come X-23, riprendendo il ruolo interpretato nell'acclamato film del 2017 Logan.

    Deadpool 3 uscirà il 26 luglio 2024.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    CanWeGetSomeToast   @CanWeGetToast
    Just shared some 🍞TOASTY🍞 details on ‘DEADPOOL 3’ specifically for Wolverine fans, with my subscribers…👀

    Link below! ⬇⬇⬇

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Gio Dic 14, 2023 3:14 pm

    DEADPOOL 3, VANESSA DIVENTERÀ COPYCAT? "CI SARÀ UN NUOVO TIPO DI RELAZIONE"

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Deadpool 3 includerà il ritorno di Vanessa, con l'attrice Morena Baccarin che in questi giorni ha confermato ufficialmente il suo coinvolgimento nel film, ma alcuni fan ora sono convinti che il personaggio diventerà la supereroina Copycat nel Marvel Cinematic Universe.

    Questa teoria non nasce solo dal fatto che, nei fumetti originali della Marvel, Vanessa è in realtà la mutante nota come Copycat, un dettaglio che è stato totalmente trascurato dai precedenti due film della Fox con Ryan Reynolds, ma anche da una nuova intervista della stessa Morena Baccarin, che ai microfoni di ScreenRant ha promesso che Deadpool 3 offrirà una reinvenzione totale del rapporto tra Wade e la donna.

    "Penso che sia bello che Wade e Vanessa siano dei personaggi che il pubblico conosce molto bene, li abbiamo visti in diversi aspetti delle loro vite finora. Il fumetto è così. Quindi penso che, con questo nuovo capitolo del franchise, Ryan e il regista Shawn Levy abbiano fatto davvero un ottimo lavoro nel reinventare quel rapporto per renderlo più interessante, mantenendo però un elemento fondamentale, che è ciò che li spinge a tornare sempre insieme. Quindi penso che ci sarà qualche elemento in più in questo nuovo film."

    Deadpool 3 uscirà il 26 luglio 2024. Per altre indiscrezioni sul film, secondo un noto insider vi ricordiamo che la storia di Deadpool 3 includerà anche Daken, il figlio di Wolverine.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Ven Dic 15, 2023 3:28 pm

    QUALE SARÀ IL TITOLO DI DEADPOOL 3? NUOVI AGGIORNAMENTI DAL MARKETING

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Cresce sempre di più l’attesa per Deadpool 3 e, mano a mano che la data d’uscita ufficiale si avvicini, il terzo film dedicato al Mercenario Chiacchierone prende forma in tutti in suoi dettagli. La Disney ha ufficialmente cancellato il nome cambiandolo in uno provvisorio che indica che presto arriverà quello definitivo da promuovere.

    Dopo aver parlato delle indiscrezioni che vorrebbero Daken presente in Deadpool 3, torniamo ad occuparci del film del Marvel Cinematic Universe per riportare il fatto che il titolo provvisorio ha abbandonato definitivamente il progetto in attesa di quello con cui sarà presentato al pubblico.

    Il regista Shawn Levy aveva già confermato, durante un’intervista, il fatto che quello che abbiamo usato fino a questo momento non sarebbe stato quello finale: “No, non c’è ancora un titolo. A volte mi riferisco al film come Deadpool vs Wolverine, Deadpool e Wolverine o Deadpool 3 con Wolvie. Abbiamo un po’ di titoli che abbiamo vagliato, ma ragazzi, è una scelta difficile”.

    La nuova e attesissima opera del Marvel Cinematic Universe ha ripreso la produzione in seguito al lungo stop causato dagli scioperi che hanno bloccato l’industria nella scorsa estate mentre Ryan Reynolds sta facendo di tutto sui propri profili social per confondere le acque su Deadpool 3 in modo da annacquare e disinnescare qualsiasi tipo di leak.
    Fonte: Cinema.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Sab Dic 16, 2023 2:52 pm

    Aspettando Godzilla e Kong – Il nuovo impero, 20 personaggi dal monsterverse: dal migliore al peggiore

    La popolarità del Re dei mostri continua a crescere, tornato alla ribalta nel 2014 con il film firmato da Gareth Edwards, ora vive in Monarch: Legacy of Monsters e Godzilla Minus One. E tornerà nel 2024 con un nuovo capitolo insieme a Kong. Ma è una lunga storia quella dei kaiju e similari che sono passati dal grande schermo, da King Ghidorah a SpaceGodzilla passando per lo scimmione del '33. Ecco la classifica di The Hollywood Reporter.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Quando ci si chiede quale sia il personaggio con la migliore galleria di nemici, la maggior parte delle persone pensa subito a Batman o a Spider-Man. Alcuni dei più esperti potrebbero addirittura scegliere The Flash. Ma vi invitiamo a pensare più in grande, molto più in grande. Più o meno quanto Godzilla.

    In 59 anni e quattro epoche – Showa, Heisei, Millennium e Reiwa – il Re dei mostri ha affrontato molte minacce. Sebbene alcune si siano rivelate più memorabili di altre, tutte hanno contribuito alla longevità e al retaggio del personaggio. Gran parte della storia Godzilla, e il modo in cui è diventato famoso nella cultura pop, è dovuto al popolare concetto di “Godzilla contro”, che ha visto alcuni dei suoi più grandi avversari riproposti e reimmaginati nel corso delle epoche, insieme alla creazione di nuovi nemici – un’impresa più difficile ma non meno necessaria.

    La popolarità di Godzilla continua a crescere, irradiata da recenti uscite come Monarch: Legacy of Monsters, Godzilla: Minus One e l’imminente Godzilla x Kong: The New Empire, è il momento perfetto per ripercorrere i più grandi mostri contro cui ha combattuto, e con cui si è alleato.

    1. King Ghidorah
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    King Gidorah in una scena di Godzilla II: King of Monsters (Courtesy of IMDB)

    Ghidorah porta il titolo di re per un motivo. Fin dalla sua prima apparizione in Ghidorah! Il mostro a tre teste (1964), il drago a tre teste si è affermato come l’arcinemesi di Godzilla e una vera minaccia al suo dominio sulla Terra. Il co-creatore Ishiro Honda basò il design di Ghidorah sul drago mitologico giapponese Yamata no Orochi e dotò la creatura di raggi gravitazionali e, in seguito, di attacchi elettrici a catena.

    Ogni volta che i due lucertoloni si affrontano, il pubblico assiste a una brutale resa dei conti e, grazie alla sua popolarità, è apparso in un totale di nove film. L’origine del mostro è cambiata nel corso degli anni, a seconda dell’epoca dei film di Godzilla. È stato un alieno, il risultato di un esperimento di viaggio nel tempo e un dio extradimensionale. Ma a prescindere da queste origini, Ghidorah è sempre stato rappresentato come un estraneo innaturale, in contrapposizione al frequente status di Godzilla come giusta furia della Terra.

    Le tre teste permettono anche alcune delle battaglie più creative del franchise, come quelle viste in Gli eredi di King Kong (1968) e Godzilla contro King Ghidorah (1991). Godzilla II – King of the Monsters (2019) ha migliorato la situazione dando a ciascuna delle teste di Ghidorah una personalità distinta, un aspetto che si spera continuerà nelle apparizioni future.

    2. Biollante
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Biollante in Godzilla contro Biollante. (Courtesy of IMDB)

    Probabilmente uno dei kaiju meglio disegnati nella storia del cinema, Biollante è una vera e propria opera d’arte, con una storia d’origine incredibile. In Godzilla contro Biollante (1989), il mostro è il risultato della fusione delle cellule di sua figlia con quelle di una rosa e, successivamente, con quelle di Godzilla, dando vita a un processo evolutivo sbalorditivo che potrebbe avvicinarsi di più al territorio di Cronenberg.

    Fuori dallo schermo, il mostro è stato il risultato di un concorso per la proposta di una storia per un film su Godzilla. Il vincitore, Shinichiro Kobayashi, un dentista che aveva presentato disegni e proposte di storie al liceo, sviluppò il concetto di Biollante dopo aver contemplato l’ipotetica morte di sua figlia.

    Il mostro è stato sottoposto a un processo di progettazione molto documentato, che ha incorporato i disegni di Kobayashi e quelli dei concept artist, tenendo conto del budget del film e del design pratico della tuta. Il risultato si è rivelato iconico e ha avuto ripercussioni durature per il resto dell’era Hesei, nonostante non sia mai più apparso in un film.

    3. Destoroyah
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Destoroyah in Gojira vs. Desutoroiâ. (Courtesy of IMDB)

    La bestia che ha quasi abbattuto il Re dei Mostri. L’origine di Destroyah risale a Godzilla (1954) e a un’arma nota come Oxygen Destroyer, utilizzata per sconfiggere il Godzilla originale. In Gojira VS Destroyer (1995), si scopre che l’Oxygen Destroyer ha avuto una conseguenza non voluta, come sempre accade con le armi di distruzione di massa, e ha liberato una colonia di crostacei precambriani intrappolati nella Terra.

    I crostacei sono mutati nel corso di 40 anni, prima di risalire in superficie, prima come creature mutanti separate e indipendenti guidate da una mente alveare e poi, con l’aiuto del DNA di Godzilla Jr, come una gigantesca mostruosità che sembra uscita dall’inferno.

    Non solo Destroyah è incredibilmente resistente e in grado di resistere alla scarica atomica di Godzilla, ma dimostra anche di essere più di un avversario fisico, entrando nella testa di Godzilla e uccidendo suo figlio, Godzilla Jr.

    4. King Kong
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    King Kong in una scena di Kong: Skull Island (Courtesy of Warner Bros.)

    Ghidorah non è l’unico re a contendere il trono a Godzilla. Il rapporto tra Kong e Godzilla è interessante, soprattutto perché è uno degli unici mostri non derivati dalla Toho. Il gorilla gigante, che ha debuttato per la prima volta in King Kong (1933), avrebbe ispirato la creazione di Godzilla dopo il successo della riedizione del film nel 1952. E proprio come Kong, la morte del personaggio nel suo film d’esordio non ha rallentato il franchise.

    I due mostri si sarebbero incrociati nel rispettivo terzo film, Il trionfo di King Kong (1962), che vide alla fine la vittoria di Kong. L’evento divenne quello che ancora oggi è il più alto incasso per un film su Godzilla nella storia del Giappone. La battaglia ha dato vita a una delle scene più famose dei mostri, poi trasformata in un meme, in cui Kong infila un tronco d’albero nella gola di Godzilla.

    Anche se Kong avrebbe avuto un altro film della Toho, King Kong – Il gigante della foresta (1967), senza Godzilla, i due si sarebbero scontrati di nuovo grazie al franchise Monsterverse di Hollywood. In Godzilla vs. Kong (2021), Godzilla finalmente vince. Ma i loro affari non sono finiti: i due si incontreranno di nuovo in Godzilla x Kong: The New Empire (2024).

    5. Mothra
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Mothra in una scena di Watang! Nel favoloso impero dei mostri (1964). (Courtesy of Toho)

    Prima di incrociare le strade con Godzilla, Mothra ha avuto una storia tutta sua. La dea falena gigante ha debuttato nel romanzo a puntate The Luminous Fairies and Mothra (1961), che è stato rapidamente adattato nel film Mosura (1961). La dea si affermò come il secondo mostro più popolare del Giappone, dopo Godzilla, guadagnandosi il titolo di Regina dei Mostri. Quando i due si incrociarono tre anni dopo, Mothra ebbe la prima parte in Watang! Nel favoloso impero dei mostri (1964). I due si scontrano quando il Re dei mostri minaccia le uova non ancora schiuse di Mothra.

    Mothra viene uccisa nella battaglia, ma sopravvive attraverso le sue larve gemelle che alla fine sconfiggono Godzilla. Una di queste larve cresce e matura per diventare la nuova Mothra, e alla fine aiuta Godzilla nelle sue battaglie contro Ghidorah e altri.

    A differenza della maggior parte degli avversari e degli alleati di Godzilla, Mothra non è il risultato di una scienza sbagliata, ma del misticismo. Spesso è accompagnata dalle Shobijin, due sacerdotesse gemelle che chiedono l’aiuto di Mothra per proteggere il mondo. Mothra è uno dei mostri di Godzilla più longevi, è apparsa in 13 film di Godzilla e negli anni Novanta ha dato vita a una propria trilogia, Rebirth of Mothra.

    6. Hedorah
    Hedorah è spazzatura. No, letteralmente: è un gigantesco mostro di spazzatura. Una microscopica forma di vita aliena arrivata sulla Terra attraverso una cometa, Hedorah si è nutrito dell’inquinamento e della spazzatura terrestre, crescendo in dimensioni e sviluppando la capacità di diffondere smog tossico in tutto il Giappone, oltre a un tocco acido.

    Apparso per la prima volta in Godzilla – Furia di mostri (1971), Hedorah è stato il modo in cui il regista Yoshimitsu Banno ha esplorato una crisi contemporanea potenzialmente in grado di porre fine al mondo attraverso mostri giganti, proprio come aveva fatto Godzilla (1954). Ma Godzilla – Furia di mostri è più di un semplice messaggio cinematografico. Nonostante i cori hippy, il film presenta anche una delle battaglie più brutali di Godzilla.

    Hedorah non solo prende uno degli occhi di Godzilla, ma gli brucia anche la mano fino all’osso. È una lotta cruenta, a cui Godzilla riesce a sopravvivere solo grazie all’aiuto delle JSDF (Forze di Autodifesa Giapponesi). Ma alla fine, anziché ringraziare, il Re dei mostri lancia uno sguardo di disgusto e di biasimo agli umani per aver messo ancora una volta in pericolo la Terra.

    Hedorah apparirà di nuovo in un ruolo minore in Godzilla: Final Wars (2004), ma se c’è un mostro in questa lista che si presta a un’interpretazione moderna, è proprio Hedorah.

    7. Mechagodzilla
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Mechagodzilla in una scena Gojira X Mekagojira (2002)

    È più macchina che mostro? In ogni caso, Mechagodzilla è uno degli avversari più forti e popolari di Godzilla. Il co-creatore di Godzilla e produttore del franchise durante l’era Showa e Hesei, Tomoyuki Tanaka, fu ispirato a creare Mechagodzilla dopo l’apparizione di Mechani-Kong in King Kong – Il gigante della foresta e l’aumento delle serie di anime sui robot.

    Aggiuntosi tardivamente ai nemici più riconoscibili di Godzilla, Mechagodzilla ha fatto il suo debutto in Godzilla contro i robot (1974), che si è rivelato un tale successo che la mostruosità meccanica è stata riportata nel successivo sequel, Distruggete Kong! La Terra è in pericolo! (1975).

    In origine, Mechagodzilla era un’arma progettata dagli alieni per mettere prima il pubblico contro Godzilla, che a quel punto era emerso come protettore, e poi distruggerlo. Negli anni Novanta, quando Godzilla fu rebootato e tornò alla sua rappresentazione originale di cattivo, Mechagodzilla fu reimmaginato come un’arma del governo giapponese pilotata da umani.

    Nell’era Millenium del 2000, Mechagodzilla fu nuovamente reimmaginato come un cyborg il cui corpo metallico era stato costruito sulle ossa del Godzilla originale e ne ospitava le memorie genetiche. Questa iterazione del personaggio è emersa pienamente come eroe, guadagnandosi anche un nome più personale, Kiryu.

    8. Gigan
    Gigan è caos e violenza allo stato puro e svolge essenzialmente il ruolo del Joker di Godzilla, anche se appare molto meno frequentemente del Principe del Crimine della DC. Il mostro non ha alcun senso logico dal punto di vista anatomico, ma nonostante ciò Gigan è riuscito a mettere Godzilla sotto torchio come pochi altri avversari.

    Il mostro ha fatto il suo debutto in Godzilla contro i giganti (1972), un film che non solo vedeva Godzilla affrontare il sadico lucertolone cyborg, ma anche King Ghidorah. Il risultato rimane una delle battaglie più sanguinose di Godzilla. Gigan ha il primato di essere il primo mostro a far sanguinare Godzilla sullo schermo.

    Arma degli alieni Nebula, creature simili a scarafaggi che assumono l’identità di civili deceduti, Gigan sfoggia uncini metallici al posto delle mani, una gigantesca sega elettrica nell’addome e un ciclopico occhio laser. Nonostante il suo design memorabile e il fatto di essere una vera minaccia per l’esistenza di Godzilla, Gigan è stato poco utilizzato, essendo apparso solo in tre film di Godzilla, il più recente dei quali è Godzilla: Final Wars (2004). Sembra che il suo ritorno sia ormai prossimo.

    9. Rodan
    Come Mothra, Rodan ha avuto un ruolo da solista prima di incrociarsi con Godzilla. Debuttando per la prima volta in Rodan (1956) di Ishiro Honda, il gigantesco pteranodonte irradiato e la sua partner femminile hanno creato scompiglio in Giappone prima di essere sepolti in un cratere. Il maschio di Rodan riuscì a sopravvivere e si incrociò per la prima volta con Godzilla in Ghidorah! Il mostro a tre teste.

    Sebbene i due siano originariamente nemici, Mothra convince Godzilla e Rodan a lavorare insieme per combattere King Ghidorah. Pur trovandosi in una posizione difficile, dovendo distinguersi tra l’onnipotenza e la popolarità di Godzilla e Ghidorah, e non potendo mai comparire in un film Godzilla vs Rodan come gli altri mostri più popolari del Re, Rodan è riuscito a ritagliarsi uno spazio come alleato amato durante i film dell’era Showa.

    Dopo l’era Showa, Rodan è stato nuovamente messo nella posizione di alleato. In Godzilla contro i robot (1993), Rodan veglia sull’uovo di Baby Godzilla. Nonostante un malinteso iniziale e la conseguente battaglia tra i due, Rodan soccombe alle ferite riportate nell’attacco di Mechagodzilla e dona a Godzilla la sua forza vitale residua per sconfiggere il gigantesco robot militare, cementando il suo status di alleato più potente di Godzilla.

    10. Orga
    L’era Millenium ha preso il via con una minaccia del tutto originale per Godzilla e, sebbene condivida elementi con i suoi precedenti avversari, in particolare con quelli dell’era Hesei, Orga rappresenta comunque una minaccia memorabile. In Godzilla 2000 (1999), una razza aliena avanzata nota come i Millennians (la Toho sottolinea l’imminente fine del secolo, se non si fosse capito) combina la propria massa genetica in un unico essere.

    Incapaci di sopravvivere nell’atmosfera terrestre, gli alieni cercano una sequenza genetica che non solo permetta loro di sopravvivere, ma anche di conquistarla. Naturalmente, quella sequenza genetica appartiene a nientemeno che Godzilla. Assorbendo il DNA di Godzilla, i Millennians speravano di diventare un suo clone perfetto. Ma, dato che il DNA di Godzilla è irradiato, l’assorbimento li trasforma in una mostruosità enorme.

    Per assorbire completamente Godzilla, l’Orga, che possiede mascelle giganti simili a serpenti, tenta di divorare Godzilla. Una volta che Godzilla è nelle fauci della bestia, scatena il suo soffio atomico e annienta la metà superiore dell’Orga, uccidendo il mostro alieno.

    11. SpaceGodzilla
    Eccoci arrivati al livello intermedio dei mostri di Godzilla. Conosciuto come uno degli avversari più astuti del Re dei mostri, SpaceGodzilla è apparso per la prima volta in Gojira VS Space Gojira (1994). Nel film si ipotizza che le cellule di Godzilla si siano spostate nello spazio, come risultato delle sue precedenti battaglie con Biollante o Mothra, e siano entrate in un buco nero, prima di emergere da un buco bianco ed evolversi sviluppando la struttura cristallina degli organismi che lo circondano.

    Questo è un modo molto stupido di spiegare perché SpaceGodzilla ha dei cristalli giganti che sparano raggi di energia che sporgono dalle sue spalle. La spiegazione più breve è semplicemente che i cristalli sono belli… fino a un certo punto. Le cose iniziano a diventare un po’ folli quando SpaceGodzilla inizia a rivelare altre abilità, come uno scudo di cristallo, l’evocazione di cristalli dal terreno e il volo grazie a – avete indovinato – altri cristalli.

    Inoltre, possiede la telecinesi e può lanciare Godzilla con il suo “Tornado gravitazionale”. Il fatto che SpaceGodzilla sia così potente rende ancora più piacevole la vittoria del Re su di lui, anche se è vero che il robot MOGUERA della JSDF ha svolto la maggior parte del lavoro distruggendo i cristalli della spalla di SpaceGodzilla.

    12. Baragon
    Baragon, a volte chiamato “Godzilla rosso”, ha fatto il suo debutto in Frankenstein alla conquista della Terra (1965). La versione di Toho del mostro di Frankenstein è un gigante a causa del cuore irradiato dalla bomba atomica sganciata su Hiroshima.

    Baragon, che può scavare e muoversi nel sottosuolo, inizia a uccidere e mangiare bestiame in Giappone, azioni per le quali Frankenstein viene incolpato. Alla fine i due vengono alle mani e Baragon rimane intrappolato nella terra. Il mostro fa poi il suo debutto nel franchise di Godzilla in Gli eredi di King Kong (1968), dove viene controllato dagli alieni e costretto ad attaccare Parigi.

    Il vero momento di gloria del personaggio arriva però in Gojira Mosura King Gidora – Daikaijū sōkōgeki (2001), in cui Baragon ha finalmente una battaglia degna di nota contro Godzilla, che perde, ma si rivela anche uno dei tre spiriti guardiani del Giappone, aumentando il suo status nel regno dei mostri.

    13. Ebirah
    Un altro avversario poco presente nella storia cinematografica di Godzilla, e che ha destato grande impressione, è Ebirah, un crostaceo gigante irradiato dalle attività dell’organizzazione terroristica Red Bamboo. Originariamente doveva essere l’avversario del film in solitaria di Kong della Toho, che divenne King Kong – Il gigante della foresta, ma i detentori dei diritti Rankin e Bass volevano una storia più vicina alla loro serie televisiva animata, King Kong.

    Così, invece, Godzilla fu inserito nel ruolo di Kong ed Ebirah fece il suo debutto in Il ritorno di Godzilla (1966). Data l’ambientazione isolana e il tono da avventura pulp, incentrata su un gruppo di ragazzi alla ricerca del loro amico scomparso, è abbastanza ovvio che Il ritorno di Godzilla doveva essere un film su Kong. E lo stesso Ebirah avrebbe funzionato meglio e rappresentato una minaccia maggiore per Kong rispetto a Godzilla, che non solo lo sconfigge due volte, ma gli strappa anche entrambi gli artigli.

    Ma se il film di King Kong della Toho non avesse preso la direzione che ha preso, forse Mechagodzilla non sarebbe mai stato concepito. Sebbene Ebirah abbia fatto solo brevi apparizioni, sembra l’opzione perfetta per combattere finalmente contro Kong nel franchise del Monsterverse.

    Certo, non è il combattente più abile, ma si colloca più in alto di altri in questa lista perché non si può sbagliare con una gigantesca mostruosità simile a un granchio e un’aragosta.

    14. MUTOs
    Godzilla (2014) ha riportato il lucertolone gigante a Hollywood e con lui sono arrivati nuovi avversari, cioè i Massive Unidentified Terrestrial Organisms (o MUTOs). Si rivelano essere i discendenti adulti di parassiti preistorici che hanno spazzato via la maggior parte della specie di Godzilla, e che hanno deposto le uova nelle loro carcasse.

    Risvegliati da un’operazione mineraria nelle Filippine, i MUTO hanno iniziato a nutrirsi di reattori nucleari in tutto il mondo, in modo che la femmina MUTO più grande possa riprodursi. Avvertendo una minaccia alla sua esistenza e a quella del mondo, Godzilla emerge dagli oceani, rivelandosi al mondo moderno, e inizia a dare la caccia a questi organismi parassiti, seminando il caos e venendo affrontato dai militari lungo il percorso.

    Sebbene non siano certamente paragonabili agli avversari più iconici di Godzilla, hanno motivazioni fondate che si inseriscono nel tema costante del Monsterverse, ovvero il bilanciamento dell’ordine naturale del mondo. Il fatto che i MUTO creino uno squilibrio in quel sistema porta a una spettacolare resa dei conti con Godzilla, che lo vede usare il suo soffio atomico sullo schermo per la prima volta dopo dieci anni. Sebbene si discuta ancora sul fatto che i MUTO fossero la scelta migliore per il film invece di una nemesi familiare, si sono dimostrati il tipo di minaccia che ha permesso a Godzilla di essere il vero spettacolo.

    15. Anguirus
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Anguirus ha il primato di essere il primo mostro che Godzilla abbia mai combattuto sullo schermo. Il mostro rettiliano ispirato all’anchilosauro e all’armadillo ha debuttato nel primo sequel di Godzilla, Il re dei mostri (1955).

    Il film si discosta notevolmente dal film del 1954 per quanto riguarda il tono, il tema e la qualità, ma stabilisce anche la formula “Godzilla contro” che costituisce gran parte del franchise. Il combattimento tra i due in Il re dei mostri non è poi così entusiasmante, con Godzilla che strappa il collo ad Anguirus e poi gli dà fuoco con il suo soffio atomico in un atto fin troppo rapido di sopraffazione. Ma è il secondo Anguirus, apparso per la prima volta in Gli eredi di King Kong (1968), a essere ricordato meglio.

    Questa versione di Anguirus è l’amico del cuore e lo strenuo alleato di Godzilla. Affianca il Re dei mostri in alcuni dei suoi combattimenti più importanti e si scontra con King Ghidorah, Gigan e Mechagodzilla. Ora, nulla di tutto ciò significa che se la cavi particolarmente bene in questi scontri, ma è il pensiero e la volontà di andare in battaglia che contano. Gli amici servono a questo.

    16. Megaguirus
    Con Megaguirus raggiungiamo il livello più basso dei mostri di Godzilla. La regina degli insetti giganti ha debuttato per la prima volta in Gojira × Megaguirus – G shōmetsu sakusen. Quando le libellule preistoriche, chiamate Meganula, vengono portate nel presente da un esperimento di buco nero, emergono dalle acque alluvionali di Tokyo.

    Immediatamente, iniziano a creare scompiglio tra i civili, nutrendosi di loro. Questo fino a quando non trovano un bersaglio più grande. I Meganula assorbono anche l’energia di Godzilla e la trasferiscono alla loro regina, trasformandola in una gigantesca libellula rettiliana con un enorme pungiglione. Condivide una notevole somiglianza di design con la controparte maschile minore di Mothra, Battra, ed è probabilmente degna della stessa mancanza di investimento, a parte il fatto che viene citata nel titolo.

    Megaguirus cerca Godzilla per prosciugare il resto della sua energia, ma non è all’altezza del Re dei Mostri. Anche se il design di Megaguirus è visivamente maestoso, la battaglia finale tra i due lascia molto a desiderare ed è una delle meno emozionanti del franchise, consistendo per lo più in Megaguirus che vola avanti e indietro, cercando di confondere Godzilla fino a quando questi non la elimina con due soffi atomici.

    17. King Caesar
    L’antica divinità guardiana che si è alleata con Godzilla è apparsa per la prima volta in Godzilla contro i robot. Risvegliato da una statua mistica, King Ceasar ha aiutato Godzilla nella lotta contro Mechagodzilla, sconfiggendo alla fine il robot alieno.

    Sebbene in origine dovesse far parte di un trio di alleati nella lotta, insieme ad Anguirus e Godzilla, il ruolo di Anguirus nel film è stato significativamente ridotto, un risultato sfortunato per la sua fedeltà pluriennale. Sebbene King Caesar si dimostri un guerriero capace, è difficile superare l’aspetto del personaggio: il suo design non riesce a far sembrare minacciosa questa creatura canina rettile, né a farla sembrare composta da qualcosa di diverso da parti di parrucche usate.

    18. Titanosaurus
    Il dinosauro acquatico oggetto degli esperimenti di controllo dello scienziato pazzo Dr. Shinzo Mafune ha debuttato in Distruggete Kong! La Terra è in pericolo!. Dopo essere stato screditato dalla comunità scientifica, Mafune si allea con gli alieni di Black Hole Planet 3 che intendono usare Titanosaurus e Mechagodzilla 2 per conquistare la Terra e trasformarla in un’utopia di loro progettazione.

    Sebbene Titanosaurus si faccia notare per le sue pinne acquatiche e la sua pelle rossa, si rivela un nemico molto debole che Godzilla elimina facilmente gettandolo da una rupe. Da allora, il mostro non è più stato utilizzato, se non per filmati di repertorio, e si capisce perché.

    19. Megalon
    Megalon è il guardiano del regno sottomarino di Seatopia, ispirato ad Atlantide, ed è apparso per la prima volta in Ai confini della realtà (1973). Il mostro sembra assomigliare a una specie di insetto con trapani al posto delle braccia, il che lo rende un pasticcio anatomico, ma non in modo divertente come Gigan.

    Nessun disegnatore si è mai preso il merito di Megalon, il che già di per sé la dice lunga. Il film finisce per essere più un film di Jet Jaguar che di Godzilla, con il robot che combatte la maggior parte dei combattimenti contro Megalon, inviato dai Seatopiani per vendicarsi sull’umanità per i loro test atomici che hanno danneggiato il fondo marino.

    Megalon non si dimostra né particolarmente intelligente né capace e, anche se sostenuto da Gigan, riesce a essere sopraffatto dalla forza combinata di Jet Jaguar e Godzilla. Megalon ha accelerato la fine della serie Showa Godzilla, sopravvissuta solo per altri due film grazie all’arrivo di Mechagodzilla.

    20. Gabara
    Mostro immaginato dalla fantasia di un giovane ragazzo vittima di bullismo, Gabara apparve per la prima volta in Gojira Minilla Gabara – All kaijū daishingeki (1969), considerato da molti fan di Godzilla uno dei peggiori film del franchise. Quando Ichiro, un ragazzino che non ha un lavoro, è vittima di bullismo a scuola da parte di un compagno di classe di nome Gabara, immagina di visitare l’Isola dei Mostri dove aiuta Minilla, il figlio di Godzilla, ad affrontare il più grande dei bulli, Gabara, una creatura rettiliana simile a un troll con la capacità di incanalare l’elettricità attraverso il suo corpo.

    Minilla lo sconfigge attirandolo su un trampolino di dimensioni mostruose e lanciandolo in aria. Quando poi tenta di mordere Godzilla, il Re dei Mostri lo picchia, facendo scappare Gabara per la vergogna. Mentre molti film di Godzilla hanno cercato di attrarre un pubblico più giovane, Gabara sembra troppo infantile per essere preso sul serio come minaccia.

    E la storia che ruota attorno alla sconfitta dei bulli sembra troppo semplicistica per avere molto peso. Almeno il fatto che esista solo nell’immaginazione di un ragazzo offre un piccolo conforto nel fatto che non esiste affatto.
    Fonte: HollywoodReporter.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Dom Dic 17, 2023 3:19 pm

              -    IF - GLI AMICI IMMAGINARI (2024)    -


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mar Dic 19, 2023 9:29 am

    I Tre Moschettieri: Milady: il trailer originale del film

    Seconda parte del dittico di Martin Bourboulon iniziato con I Tre Moschettieri: D'Artagnan, il film che vede Eva Green nei panni del personaggio citato nel titolo arriverà nei cinema italiani nel corso del 2024 con Notorious in collaborazione con Medusa Film.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Quella della nuova versione cinematografica di "I Tre Moschettieri", leggendario romanzo di Alexandre Dumas più e più volte adattato per il grande schemro, è un'operazione di certo ambiziosa: due film, un budget molto alto, sopra i 70 milioni di euro complessivi, un cast di primissimo piano, la voglia di essere classici e contemporanei allo stesso tempo.

    I risultati del film visto al cinema lo scorso mese di marzo, I Tre Moschettieri: D'Artagnan, sono stati decisamente all'altezza di queste ambizioni, ed è quindi con grande curiosità che aspettiamo di vedere nelle nostre sale I Tre Moschettieri: Milady, la seconda e conclusiva parte di questo dittico firmato dagli sceneggiatori Matthieu Delaporte e Alexandre de la Patellière, e dal regista Martin Bourboulon.
    Una data d'uscita precisa ancora non c'è, ma la sensazione è che Notorious e Medusa, che portano congiuntamente questo film nel nostro paese, replicheranno l'uscita primaverile del primo film.

    In attesa di saperne di più, ecco qui un avvincente trailer ufficiale originale del film, con sottotitoli inglesi.
    A fare la parte della leonessa, ovviamente, la meravigliosa Eva Green, protagonista nei panni dell'infida e seducente Milady. Tornano nel cast, ovviamente, anche e Vincent Cassel (Athos), Romain Duris (Aramis), Pio Marmaï (Porthos) e François Civil (D’Artagnan).
    Ecco il trailer ufficiale originale di I Tre Moschettieri: Milady:


    Fonte: ComingSoon.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272134
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 23
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da APUMA Mar Dic 19, 2023 2:27 pm

    Jonathan Majors licenziato dai Marvel Studios: non sarà più Kang

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    I Marvel Studios hanno ufficialmente licenziato Jonathan Majors: non sarà più Kang il Conquistatore nell’Universo Cinematografico Marvel, un ruolo che lo avrebbe portato a essere il principale villain dei prossimi film della Multiverse Saga.

    La decisione è stata comunicata poche ore dopo la condanna dell’attore per due capi d’accusa di aggressione e molestie nei confronti di Grace Jabbari, la sua ex fidanzata, per la quale rischia di scontare fino a un anno di carcere.

    L’attore era stato arrestato il 25 marzo scorso, e da allora aveva perso numerosi lavori sia sul fronte pubblicitario che cinematografico / televisivo. La sua agenzia Entertainment 360 e il suo PR, Lede Company, hanno stracciato i contratti ed è stato licenziato dal film The Man in My Basement, mentre l’esercito americano e la squadra di baseball dei Texas Rangers hanno cancellato due importanti campagne pubblicitarie. Il suo coinvolgimento in film come Da Understudy di Spike Lee e 48 Hours in Vegas di Dennis Rodman rimane in un limbo.

    Il ruolo di Jonathan Majors nei Marvel Studios
    Majors ha fatto il suo debutto nei panni del villain Kang nel finale di Loki, nel 2021. L’intenzione era quella di avere un personaggio che attraversasse numerosi progetti televisivi e cinematografici dell’Universo Cinematografico Marvel: Kang è infatti presente in tutto il multiverso, e Majors avrebbe dovuto interpretare tutte le sue versioni, come già visto in Ant-Man and the Wasp: Quantumania e nella seconda stagione di Loki, culminando poi in Avengers: The Kang Dynasty, primo di due film sugli Avengers che avrebbero concluso la Multiverse Saga (l’altro è Secret Wars). Recentemente The Kang Dynasty ha perso il regista, Destin Daniel Cretton, ed è stato affidato alle mani di un nuovo sceneggiatore, Michael Waldron. I film peraltro sono slittati, Avengers: The Kang Dynasty uscirà il 1 maggio 2026, Avengers: Secret Wars il 7 maggio 2027.

    Dopo l’arresto di Majors, a maggio scorso, pare che Kevin Feige avesse discusso con i dirigenti Marvel di cambiare la storyline della Multiverse Saga, cambiando villain. L’impressione è che in questi mesi abbiano rinviato diversi film non solo per via del doppio sciopero che ha paralizzato Hollywood per sei mesi, ma anche per prendersi del tempo, attendere la sentenza e sviluppare una nuova strategia. Con il licenziamento di Majors, appare evidente che verranno presto prese decisioni creative importanti, sia che si tratti di trovare un nuovo attore (cosa già accaduta in passato nei Marvel Studios) sia che si decida di cambiare proprio personaggio su cui focalizzarsi. Al momento, però, secondo l’Hollywood Reporter The Kang Dynasty viene chiamato internamente Avengers 5.
    Fonte: BadTaste.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!

    Contenuto sponsorizzato


    LUCI  DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Pagina 17 Empty Re: LUCI DELLA RIBALTA :NEWS-ANTEPRIME-DAL MONDO DELLO SPETTACOLO

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Dom Feb 25, 2024 3:03 pm