Avanzi

Fotografia d'Arte Signbo10

Unisciti al forum, è facile e veloce

Avanzi

Fotografia d'Arte Signbo10

Avanzi

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    Fotografia d'Arte

    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272984
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 24
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Fotografia d'Arte Empty Fotografia d'Arte

    Messaggio Da APUMA Lun Lug 17, 2023 2:05 pm

    Fotografia d'Arte

    Possiamo parlare di fotografia d'arte come parliamo di pittura e di scultura. L'immagine fotografica è considerata da gran parte dei critici al pari delle discipline pittoriche, nonostante l'evidente differenza caratteristica. Negli ultimi anni le quotazioni dei maestri internazionali, come quelle degli artisti emergenti sono andate alle stelle. Il panorama si è allargato ed è stato rivoluzionato dall'avvento del digitale che ha moltiplicato in maniera esponenziale le possibilità di ogni artista.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Una macchina istantanea Polaroid 900

    Elementi
    La prima mostra fotografica della storia si tenne a Parigi nel 1839, dove Louis Hippolite Bayard espose 30 immagini positive su carta, riscuotendo parecchio successo. Nel gennaio del 1839 William Henry Fox Talbot espone i suoi "disegni fotografici" nella biblioteca della Royal Institution a Londra. Le fotografie vengono ammesse al Salone della Pittura di Parigi nel 1859 suscitando l'irritazione di Baudelaire.

    L'oggetto trova una sua dignità, specialmente quando si tratta di un'opera prodotta in tiratura limitata numerata, firmata e certificata. Le Polaroid sono molto ambite, perché garantiscono l'unicità del prodotto, mantenendo prezzi contenuti.

    Il vero collezionista dovrebbe verosimilmente affiancare alle tele degli artisti favoriti, anche stampe di autori più o meno famosi.

    Il costo dell'opera d'arte tiene anche in considerazione della tecnica di stampa: pari dignità viene data a una stampa su alluminio come ad una stampa ink-jet. In edicola si moltiplicano le riviste dedicate all'arte fotografica, e molte case editrici e produttori di macchine fotografiche organizzano: corsi, concorsi e mostre fotografiche. Sul web, sono ormai migliaia i fotografi che espongono le loro gallerie virtuali. L'autorevole rivista Arte ha dedicato un numero speciale (quello di agosto 2005) alla fotografia per celebrarne il secolo. Ne è uscito un ritratto molto promettente che apre buone prospettive per la dignità di questa forma d'arte che, in passato, difficilmente è stata considerata tale.

    Nel periodo compreso tra le due grandi guerre, grazie ai processi tecnici nel campo della fotografia, fu possibile scattare delle prime istantanee e realizzare i primi reportages: fotografi professionisti documentavano la realtà attraverso le immagini che venivano diffuse ai giornali. I fotografi di allora si possono quindi paragonare ai veristi, che narravano i fatti senza inserirvi impressioni personali.

    Parallelamente, soprattutto a partire dall'inizio degli anni settanta, alla comparsa delle prime carte politenate multigradazione e al contemporaneo abbandono di molte carte pregiate per stampa da parte dell'industria fotografica, alcuni fotografi hanno adottato le tecniche storiche già care ai pittorialisti per guadagnare quella libertà espressiva che era giudicata compromessa dal mercato.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Foto di sculture a Firenze, anche il David di Michelangelo, reinterpretata da Augusto De Luca, uno dei giovani fotografi che espose al Diaframma di Milano

    La fotografia d'arte vera e propria, viene chiamata anche fotografia di ricerca e ha inizio in Italia verso la fine degli anni '60. Il punto di riferimento per i giovani fotografi artisti dell'epoca era la galleria Il Diaframma di Milano (una delle più antiche gallerie fotografiche d'Europa), che chiuderà la sua storica sede di via Brera, nel luglio del 1997, con la mostra di fotografie tratte dal libro Roma nostra del fotografo Augusto De Luca. È in questo periodo che la ricerca fotografica in Italia raggiunge la sua massima espressione.

    Dal punto di vista tecnico la dicotomia tra fotografia analogica e digitale è sostanziale e almeno inizialmente, la fotografia digitale è stata snobbata come inferiore a quella chimica. In effetti i primi risultati di stampa digitale erano modesti ma col tempo ha raggiunto una qualità elevata che si differenzia da quella analogica per alcune caratteristiche: immediatezza, facilità d'uso, cromatismi ecc. Moltissimi professionisti ormai si avvalgono per la fine art di stampanti fotografiche professionali con risultati eccellenti sia in qualità che in durata (oltre 200 anni con il bianco e nero).

    L'Arte e la Fotografia
    Naturalmente, la differenza tra un'opera d'arte pittorica, creata sostanzialmente in toto dal Pittore, ed una fotografia, creata sostanzialmente dalla luce, è evidente fin dall'inizio dell'invenzione della fotografia stessa. L'irritazione di Baudelaire nel 1859, appare più che comprensibile anche oggi, in quanto la forma caratteristica della fotografia sembra precludere l'atto della creazione artistica dell'opera, come può essere per una scultura o un disegno a carboncino. Se però guardiamo i risultati, in molti casi notevoli dal punto di vista artistico (pensiamo ad esempio ai paesaggi di Ansel Adams, che nulla hanno da invidiare rispetto a pittori anche di grande rilievo, o alle composizioni di Man Ray, alle nuvole di Luigi Ghirri, ai giardini fatati di Fulvio Ventura...) ci rendiamo conto di come il processo di creazione artistica manuale venga sostituito da un percorso che ha ancora molto di manuale (la ricerca del soggetto, la posa, lo sviluppo a mano con le sue molteplici fasi ed elaborazioni) ma avviene principalmente nella testa (nell'animo, nella sensibilità, nella cultura) dell'artista; con una sua peculiarità certo, di essere sempre legata alla luce, al momento; ma è una caratteristica, non un limite. Ed apre anche inaspettate prospettive sul tempo, e talvolta sulla sua assenza.
    Fonte: Wikipedia


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!
    APUMA
    APUMA
    C'è un pò di Divino in te!
    C'è un pò di Divino in te!


    Messaggi : 272984
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 24
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Fotografia d'Arte Empty Re: Fotografia d'Arte

    Messaggio Da APUMA Lun Lug 17, 2023 2:35 pm

    COM'È STATA SCATTATA QUESTA FOTOGRAFIA DALL'ALTO NEL 1860? NON È COME PENSI

    James Black mosse i primi passi all'interno del mondo della fotografia grazie alla collaborazione con John Whipple, un grande fotografo che fu capace di catturare le prime fotografie della Luna e di produrre immagini di stelle.

    Tuttavia, si rese presto conto che la scienza e l'astronomia non fossero argomenti di suo interesse e fu per questo che nel 1859 decise di concludere la partnership con Whipple per dedicarsi a scatti fotografici completamente differenti.

    Il nome di James Black emerse grazie a delle fotografie che scattò ad una Boston completamente devastata dall'incendio del 1872. Da quel momento in poi, Black decise di intraprendere la carriera di fotografo solista, realizzando degli scatti che stupirono l'America.

    Nel 1860 Black decise di immortalare degli scatti di Boston da un altro punto di vista. Infatti, salì sulla mongolfiera di Samuel King, la Queen Of The Air, per scattare delle fotografie aeree che riprendevano la città dall'alto.

    Nonostante due anni prima il fotografo francese Nadar avesse già fatto la storia grazie alla realizzazione di scatti simili che ritraevano la città di Parigi, le fotografie di James Black stupirono i cittadini americani in quanto furono le prime fotografie aeree realizzate in America.

    Un poeta e professore di medicina ad Harvad, Oliver Wendell Holmes, rimase talmente affascinato da questo scatto, da dargli un titolo: "Boston, come la vedono l'aquila e l'oca selvatica". Sempre Holmes, inoltre, affermo che: "Come primo tentativo di fotografia aerea, è nel complesso un notevole successo; ma il suo più grande interesse è mostrare ciò che possiamo sperare di vedere realizzato nella stessa direzione".

    Due anni dopo la realizzazione delle fotografie aeree di James Black, questo tipo di fotografia venne utilizzata dalle forze armate dell'Union Army per spiare le truppe confederate, durante la campagna peninsulare in Virginia.

    Nonostante la sua evoluzione nel tempo, la fotografia è sempre stata un'arte ed uno strumento necessario per immortalare scene ed avvenimenti.
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    Fonte: Tech.EveryEye.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre qui!
    Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci.
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] La Fretta è nemica della Perfezione!

      La data/ora di oggi è Gio Giu 20, 2024 11:58 am