Avanzi

Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    BLASTEMA

    Condividere
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 15, 2013 3:01 pm

    I BLASTEMA nascono nel 1997 tra i banchi di scuola. Oggi della formazione iniziale restano Matteo Casadei alla voce e Alberto Nanni alla chitarra,
    mentre dietro i tamburi siede Daniele Gambi dal 2002, alle tastiere Michele Gavelli dal 2004 e nell’estate 2012 arriva Luca Marchi a sostituire
    Luca Agostini, fondatore e componente storico dei Blastema.

    I brani prodotti nei primi anni danno vita ad un EP autopodotto nel 2003 ed a seguire arrivano i primi riconoscimenti, la partecipazione al Tim Tour nel 2004,
    la vincita di SanRemo Rock con il pezzo OPPIO TV e la partecipazione come band rivelazione al MEI di Faenza col singolo THC nel 2005.

    Dopo una breve pausa i Blastema tornano in attività nel 2007 autoproducendo un disco (mai edito) col quale riescono a catturare l’attenzione di nuovi circuiti
    musicali tra cui quello della ormai storica Casa 139 di Milano, che negli anni e fino alla chiusura del 2011 diventa un ritrovo importante per i fan del gruppo.
    Nel 2008 vincono il Rock4Peace SummerEnd Festival in Veneto e si affermano anche in altre zone del centro-nord. Nel 2009 si esibiscono
    all’Italia Wave Love Festival di Livorno come portabandiera ufficiale del network di Radio Popolare. Alla fine dello stesso anno inizia la produzione di
    “Pensieri Illuminati” che esce nell’aprile 2010 grazie anche alle mani di Alberto Nanni, per la prima volta dietro al mixer come produttore.

    Il singolo omonimo riscuote notevole successo su internet. Nello stesso anno i Blastema partecipano all’Heineken Jamming Festival, in qualità di vincitori del
    contest di Rock tv (sesti su 3600 gruppi).Suonano alla mostra IT’S NOT ONLYROCK’NROLL, BABY! in cartellone a fianco di artisti internazionali come Patty Smith.
    Sono invitati al WOODSTOCK 5 STELLE di Beppe Grillo, a Cesena, al quale aderiscono con grande entusiasmo e suonano di fronte a oltre 30mila persone.

    Il tour seguente rafforza il consenso dei Blastema grazie a concerti dalla forte carica sonora ed emotiva. La chiusura del Tour invernale è suggellata
    al Blues House di Milano con una festa/concerto che vede la presentazione del video “Spero ci sia”, il primo raduno del neonato FAN CLUB
    e la partecipazione straordinaria di Mario Riso (RockTV, Rezophonic), Ketty Passa (Radio Popolare, Toxic Tuna) e Andrea Ferro (Lacuna Coil).

    Nel 2011 i Blastema si chiudono in salaprove a lavorare sul secondo disco e nel 2012 incontrano l’interessamento di ‘Nuvole Production‘,
    casa discografica di Fabrizio De André© diretta da Dori Ghezzi e Luvi De André. Con Nuvole nasce una collaborazione basata su stima reciproca e nel
    pieno rispetto delle prerogative artistiche del gruppo. A maggio esce SYNTHAMI, primo singolo presentato a Roma al concertone del Primo Maggio
    (in diretta RaiTre e davanti a 150mila spettatori), estratto dal disco LO STATO IN CUI SONO STATO in uscita il 16 ottobre. Durante l’estate i Blastema
    presentano il singolo in alcuni appuntamenti importanti tra cui l’Arezzo Wave e l’Ichnusa Festival di Cagliari al fianco di Litfiba e Cristicchi.
    A settembre esce il secondo singolo TIRA FUORI LE SPINE e presentano ufficialmente il disco LO STATO IN CUI SONO STATO al MEI Supersound
    di Faenza. Mentre il brano ‘DOPO IL DUE’ è in rotazione da Virgin Radio.

    sito ufficiale
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 15, 2013 3:03 pm

    agli studi di virgin radio


    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 15, 2013 3:04 pm

    cover del disco:

    Matteo Casadei
    esibizione a Sanremo
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 15, 2013 3:06 pm

    dal disco'pensieri illuminati'

    tra le mie prefeite InnamoratoPerso InnamoratoPerso PinguLove :
    Testo di Spero Ci Sia

    Incantevole idea quella di stare a guardare senza agire

    Incantevole e mia, per non rischiare ogni volta di soffrire

    Spero ci sia qualcuno che ascolterà il mio lamento
    grido lontano e pieno di sé, con un messaggio
    io sono qui
    Spero ci sia qualcuno che ascolterà il mio lamento
    grido lontano e pieno di sé, con un messaggio
    io sono qui
    esisto anch’io

    Non ti accorgi di me, mentre disteso nel fango ti sorrido

    Non ti accorgi che è l’unico modo che ho per sentirmi vivo

    Perché ciò che chiedo non è mai abbastanza
    E tutto ciò che ho già non basta

    Spero ci sia qualcuno che ascolterà il mio lamento
    grido lontano e pieno di sé, con un messaggio
    io sono qui
    esisto anch’io
    per cui ti prego guardami

    Che valore ti dai, quando potresti in un attimo scomparire

    Che impressione ti fa essere solo un riflesso e non capire

    perché ciò che chiedi non è mai abbastanza
    e tutto ciò che hai già non basta

    Spero ci sia qualcuno che ascolterà il mio lamento
    grido lontano e pieno di sé, con un messaggio
    io sono qui
    esisto anch'io
    per cui, ti prego, guardami.

    Spero ci sia qualcuno che ascolterà il mio lamento
    grido lontano e pieno di sé, con un messaggio
    io sono qui
    esisto anch'io
    per cui, ti prego, salvami.
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 15, 2013 3:30 pm

    InnamoratoPerso
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Sab Mar 16, 2013 7:08 pm

    intervista a 'zoom musica libera' con MATTEO CASADEI
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Sab Mar 16, 2013 7:09 pm


    pazzesca!!!!
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Dom Mar 17, 2013 1:00 pm

    Salvare il Rock in Italia? Ci Pensano i Blastema
    (Simona Martini 13 novembre 2012)

    Blast in inglese significa scoppio, esplosione, raffica. E i Blastema (nome che invece significa “germoglio” in greco) con Lo stato in cui sono stato, il loro secondo album uscito il 16 ottobre, hanno fatto il botto. Negli ultimi anni il quintetto di Forlì si è fatto apprezzare in maniera crescente nei circuiti indipendenti – anche grazie a performance live intense e travolgenti – e ha messo a punto una miscela di pezzi pronta a infiammare palchi sempre più importanti. Il sound energico, potente e raffinato dei Blastema è un rock che, soprattutto col nuovo lavoro, si mescola all’electro-rock: il gruppo ama utilizzare anche sintetizzatori e tastiere, pur mantenendosi fedele alla linea della melodia e dell’armonia. «È un disco che ci rappresenta in tutto e per tutto, una specie di superuomo bionico musicale», ha affermato il cantante Matteo Casadei. Il quintetto delle meraviglie è completato dal talentuoso chitarrista Alberto Nanni, a cui si deve anche l’ottimo lavoro di produzione dell’album, Michele Gavelli, che dona estro e precisione alle tastiere, e il cuore pulsante della sezione ritmica: Daniele Gambi (batteria e percussioni) e Luca Marchi (basso). Il cd appena pubblicato, disponibile anche negli store digitali, segue di due anni l’ottimo esordio Pensieri illuminati, del quale non si può non dire nulla. A parte consigliarne l’ascolto, è d’obbligo citare una canzone che è simbolo della perizia dei Blastema, tanto nella creazione di splendide melodie quanto nella scrittura di testi che svettano sulla stragrande maggioranza di quanto ascoltabile nelle produzioni italiane. Il brano s’intitola Paura mi fai: una ballata che è desiderio, è aspirazione, è mancanza, è invocazione, è timore, è preghiera, una preghiera tutta terrena, però. Cos’altro è la preghiera, in effetti, se non tutto quello che abbiamo appena elencato? E non serve neanche un dio in una ballata i cui versi sono un capolavoro di intertestualità in cui convergono Cappuccetto Rosso e il Padre Nostro, perché anche questo è possibile se l’amata diventa al contempo lupo famelico e divinità da invocare. Nelle liriche di Lo stato in cui sono stato scorgiamo la decostruzione e rielaborazione di miti e modelli della cultura moderna. Sono poesia e attualità trattate, filtrate e riproposte con guizzi arguti che destano sempre particolare attenzione e interesse. I testi dei Blastema si piazzano subito fra i più belli nell’attuale panorama italiano. E se possiamo già dirlo anche con solo due album all’attivo, vuol dire che qui la stoffa c’è davvero. Non è un caso, infatti, che la band abbia riscosso l’immediato entusiasmo di due addette ai lavori che con testi-poesie di altissimo livello convivono da sempre, dato che si chiamano Dori Ghezzi e Luvi De André, che ci hanno confermato: «È stato amore al primo ascolto». Ed è stato così che i Blastema, attivi già dal 1998, hanno pubblicato Lo stato in cui sono stato con la Nuvole Production, casa discografica di Fabrizio De André, ricevendo la piena fiducia di Dori e Luvi.

    Arthur Rimbaud diceva: «Lavoro per rendermi veggente». E la band forlivese sa creare grandi canzoni, dalla poesia maledetta all’osservazione della realtà. Istinto, destino, necessità, hanno tramato insieme per darci la fortuna di ascoltare anche il loro secondo album, per il quale davvero si fatica a trovare parole riassuntive e sintetiche. Rock italiano figlio di una viscerale passione per la musica e per la vita, che viene osservata e trasfigurata in liriche potenti e immaginifiche, concrete ma anche eteree, decise e nette, oneste e uniche. Rock italiano frutto dell’ascolto di tanto rock americano sin dall’adolescenza, quando poi i Marlene Kuntz e gli Afterhours hanno indicato la via, segnando un’altra strada, una bella strada, che si poteva percorrere per andare dove i nostri connazionali difficilmente vanno. E, come suggerisce la celebre poesia di Robert Frost, la strada meno battuta è spesso la migliore. Su questa strada oggi troviamo i Blastema, che ci regalano un gioiello assoluto, capace di ergersi sull’italico panorama musicale che offre un mainstream agonizzante. Sarebbe il caso di non concludere il 2012 senza aver ascoltato questo disco, per me il più bell’album dell’anno. La sveglia arriva con Intro: sin dalla prima nota vieni colpito da un blast, appunto. E non è per giocare col titolo del disco che ti domandi: “Ma in che Stato mi trovo?”, perché non è l’Italia a cui si è abituati, il sound viene dall’altrove, è un’esplosione di fuoco e meraviglia, con la voce di Matteo Casadei che dà solo un assaggio di ciò di cui è capace. Un minuto e mezzo di Blastema “at full blast”, cioè a tutto volume. Se il buon disco si vede dalle prime note, già i primi secondi di questa Intro (è proprio il caso di dire, “breve ma intensa”) infondono molte speranze. Meno speranze appaiono nel testo, che ci dice che a te, caro povero mondo, resta solo da subire un’ecatombe, un’apocalisse palingenetica necessaria prima di poterti dichiarare guarito. Arriva subito Synthami, che già conoscevamo perché è il primo singolo che ha anticipato l’uscita dell’album. Elettronica, synth, bellissima chitarra che non tradisce le attese, e un cantato con un incedere ipnotico che procede quasi come una marcia e un po’ filastrocca, e non esce più dalla testa. E ciò è un bene, data la qualità del pezzo, sia per il tappeto sonoro che regge strofa e ritornello-ponte sia per la qualità del testo, che si appoggia alle assonanze e alla plurisemanticità della parola “stato”. Il tutto dosato con sapiente abilità e un velo ironico che rende ancora più acuta la consapevolezza di quanto si dice: «Anima mia non sei più tornata / te ne sei andata dallo stato in cui sono nato e che mi è costato quasi tutto».

    Lo stato in questione è la condizione in cui ci si trova al termine della frequentazione di non precisate compagnie sintetiche. Da qui, ipotizzeresti che il titolo possa essere una crasi francese di “synthétique” + “ami” (amico) o un imperativo del neoconiato verbo “synthare” cioè rendere sintetico. Niente di così cervellotico: si tratta, come afferma Casadei, di «una semplice sostantivizzazione di “synth”. Un luogo immaginario dell’essere, dove ti svegli la mattina e dici: “Ma cosa è successo ieri sera? Dove sono stato?”, poi ti prendono e ti ributtano sulla strada e ti dici che devi andare avanti». E se anche voi, dopo due-tre ascolti, vi scoprirete a usare “santo Brufen” come nuova imprecazione quotidiana, tranquilli: siete sulla giusta via, la blastemite vi sta infettando il cuore. Segue l’altrettanto veloce Dopo il due, in cui svetta un’ottima costruzione melodica di Alberto Nanni, energica e in grado di far trasparire rabbia e forza vitale al contempo. L’ambientazione del brano sembra quella del video di Pure Morning dei Placebo, di cui ti sembra di vedere il protagonista intento a cantare, stavolta, la pena che prova per alcune categorie di soggetti finto-attoniti, i cui argomenti spaziano da «Nick Cave-Eraclito» agli «indici puntati contro di me / proprio me che non conto niente ma conterò fino a tre». È poi la volta di Miss Allegria, energia pura che scorre velocissima su un testo bilanciato da rapidi giochi di parole, cambiamenti di stato… d’animo e un’interessante sovrapposizione di voci distorte che recitano come da un megafono: «La base d’ogni volere è bisogno, mancanza, ossia dolore. La sua vita oscilla quindi come un pendolo fra il dolore e la noia, che sono in realtà i suoi veri elementi costitutivi». Argomentazione tratta da Il mondo come volontà e rappresentazione di Schopenhauer, che introduce una condizione finale di illusoria assenza di dubbi. Con Tira fuori le spine la lacrimuccia è in agguato: ballata intensa e delicata, dove una voce cristallina e limpidissima canta un testo toccante. È il secondo singolo estratto dall’album, accompagnato da un video che merita di essere visto perché ha offerto anche alla stessa band una chiave di lettura nuova e totalizzante del brano. Il titolo è ormai un motto per i Blastema, che ci tengono a dirci che siamo una rosa che deve proteggere le proprie fragilità.

    In Carmilla la melodia minimal, magnetica e ariosa, e la voce limpida e chiara contrastano con un testo cupo e velato da zone d’ombra. Nel ritornello sale la tensione con un bel dialogo fra Nanni alla chitarra e Gavelli al piano. Ma è sul finale che la prima prende il sopravvento, con una splendida coda che accompagna il “disvelamento” del titolo. Casadei propone infatti la vampira Carmilla, l’antesignana assoluta del genere, creata dall’irlandese Le Fanu ben prima del più famoso Dracula di Stoker. Carmilla è un brano di assoluta classe, che arricchisce ulteriormente l’album mostrando quanto i Blastema siano a proprio agio anche nelle più consistenti variazioni di stile e registro. Ne è la riprova la canzone successiva, la riuscitissima Caos 11, uno dei pezzi maggiormente vibranti di energia e fuoco. Anche qui la premiata ditta Nanni-Gavelli sfodera melodie che non vanno più via, sostenute da una sezione ritmica martellante con Gambi e Marchi in gran spolvero. Casadei irrompe con forza, sottolineando l’interessantissimo lavoro fatto per le liriche. In un brano che inevitabilmente porta alla mente la primavera araba, non riesci a toglierti dalla testa il richiamo nientemeno che alla Mattinata fiorentina di Rabagliati (sì, quello di «È primavera… svegliatevi bambine»), in un contesto di sicuro effetto. Lo abbiamo già detto che questi ragazzi hanno qualche marcia in più della media? Per non parlare del potere delle immagini evocate da Matteo, come i bimbi-soldato che marciano sotto mitragliatori più grossi di loro, che quindi fanno ombra. In un album così riuscito è difficile individuare un eventuale podio di brani. Di sicuro, però, ci sarebbe Quale amore, dove il quintetto di Forlì esplode letteralmente, in un incedere quasi alla Soundgarden che è un piacere riscontrare in una rock band che è assolutamente italiana. L’intensa ossessione del quasi-loop del testo fa il paio con un impianto melodico e una cavalcata sostenuta da un Nanni in gran forma, qui nelle vesti del miglior Tom Morello (RATM), ma suggerisce anche, per brevi tratti, e assieme all’ottimo lavoro di Gambi e Marchi, un’idea del mood di base che colora Bullet the Blue Sky degli U2. Magari sono echi solo immaginati, ma la ricchezza delle sfumature di questa canzone è direttamente proporzionale alla varietà di colori che Alberto sa dare alla sua chitarra e all’intero sound del gruppo.

    In assoluto una delle più belle canzoni dei Blastema, Sole tu sei dovrebbe far innamorare chiunque, a partire dalla intro dai vaghi echi pinkfloydiani di One of These Days che poi si tuffano immediatamente nel vibrante corpo del brano. Qui comandano le percussioni pulsanti come un battito di cuore e il tappeto elettronico, con una chitarra davvero notevole, dal suono luminoso un po’ à la Edge, specialmente nel ritornello. Pregevole il lavoro di Daniele e Luca nella sezione ritmica, che sul finale lascia spazio a uno splendido duetto fra Alberto e Michele che con poche, decise note, pennella la conclusione di un brano assolutamente ipnotizzante. Matteo canta sensuale un testo evocativo e immaginifico che si armonizza alla perfezione con la musica, rendendo questa canzone una vera perla. Arriva La vita sognata, con il suono del piano che domina la scena. Melodia italiana? Sì, ma… di una raffinatezza e una classe indicibili. Arrivi al brano numero 10 e ti accorgi che, traccia dopo traccia, i Blastema ti hanno messo di fronte al loro status di songwriter di livello eccellente. Una roba che ti fanno sentire stupido a inanellare una serie prossima all’infinito di superlativi assoluti. Ma come fai a evitarlo? Pensi ad esempio alla sapienza con cui il gruppo mescola parole e suoni che mantengono tutti la propria identità senza confondersi: percepisci ogni ingrediente, nessuno copre l’altro ma lo valorizza. Al testo scritto da Matteo Casadei non manca niente per essere considerato una poesia. Lo splendido piano de La vita sognata è accompagnato da una voce tersa, luminosa, pura. Assolutamente commovente. L’ultima traccia dell’album è Tristi giorni, che si apre con degli archi che accompagnano tutto il pezzo. Anche qui il testo si sposa alla perfezione con l’impianto melodico: ascolti questa canzone che ancora non ti sei ripreso da La vita sognata e dalle emozioni di tutto l’album e senti che il rock italiano che porta verso il primo ventennio del 2000 dovrebbe davvero suonare così, è davvero racchiuso in questo album. Con Tristi giorni senti che i Blastema hanno messo tutta l’Italia in questa canzone.

    Ma Lo stato in cui sono stato non è ancora finito: c’è il regalino finale, la ghost track, Cara la notte. Un arpeggio delicato e incessante accompagna Casadei in una dolce ed assolutamente non banale ninna nanna in cui il risveglio al mattino è visto come una resurrezione. Adesso l’album si è davvero concluso. La ghost track ti lascia con un velo di commozione che ti mantiene lì, interdetto. Già finito? Sì. 35 minuti che in teoria uno potrebbe dire che siano filati via in un niente, ma non è vero. Non sono stati 35 minuti veloci. Sono stati densi come inchiostro, intensi e ti hanno lasciato lì, inebetito e meditabondo, perché non hai appena ascoltato un divertissement, una prova scialba o piatta come troppo spesso succede: non c’è un riempitivo, niente di “skippabile”. Hai appena ascoltato un lavoro cesellato in cui c’è tutto, ci sono la pancia e il labor limae, l’istinto e la raffinatezza, c’è una qualità indiscutibile che ti fa venire voglia di prendere questi ragazzi e abbracciarli uno ad uno e ringraziarli per aver dimostrato che diavolo di cavalli di razza si nascondono nelle viscere dell’Italia. E mi piace l’idea di togliere per un attimo questi cinque eroi dalla “provincia” che è la loro terra, e consegnarli (per ben più di un attimo) a una platea molto più estesa, che è quello che meritano senza ombra di dubbio.



    Le fotografie inserite in questo articolo sono di Marco O
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Mer Mar 20, 2013 4:31 pm

    oggi ho acquiSTATO: 'LO STATO IN CUI SONO STATO'
    ovvero l'ultimo capolavoro dei BLASTEMA...SOSTENIAMO IL BUON ROCK ITALIANO!!!! ok2
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 29, 2013 9:01 pm

    Blastema @ Circolo degli Artisti – 20 Marzo 2013
    Pubblicato il 24 marzo 2013 da Emanuela Bonetti

    ATTITUDINE E VISUAL: Reduci dalla kermesse più amata/odiata dagli italiani (finalisti della “Sezione Giovani” di Sanremo), i Blastema sono ora in tour.
    Ricordavo la loro esibizione lo scorso anno, al concertone del Primo Maggio: timidi i musicisti e già così aggressivo e maledettamente rock negli atteggiamenti il cantante, Matteo Casadei.
    Ma ciò che vidi quasi un anno fa in Piazza San Giovanni era tutt’altro rispetto allo spettacolo live del Circolo degli Artisti di ieri sera.
    Il rock dei Blastema può piacere come no, de gustibus – di certo, senza la presenza di Casadei le esibizioni live si ridurrebbero a qualcosa di già visto, assaggiato e commentato, ma soprattutto…piatto.
    Il palco vede gli strumenti posti su tre lati, come una cornice aperta per lasciare i dovuti spazi al cantante davanti e nel mezzo. Sullo sfondo impera uno schermo, sul quale viene proiettato il logo del gruppo.
    Puntuali alle 22, nessuno in apertura: ecco che entrano in scena e si inizia con lo spettacolo.
    AUDIO: Inizialmente ci sono dei problemi, non si sente bene la voce del cantante durante i primi due pezzi.
    Dopo le esitazioni iniziali, tuttavia, il concerto prende il volo e non c’è più nulla che ne può contrastare l’andamento della serata.
    SETLIST: L’apertura è affidata a 3 Puntini, per proseguire poi con Synthani e Dopo il due: è evidente che ci si concentra su Lo stato in cui sono stato, l’ultimo album.
    Non si disdegnano tuttavia i vecchi pezzi quali Canzone da tre euro e Sperma.
    MOMENTO MIGLIORE: Fra luci che si alternano dal blu al rosso, con qualche sprazzo illuminato, il live si è sviluppato attorno le folli movenze del cantante che sovente si è avvicinato al pubblico, partecipe, per cantare insieme.
    Forse, però il momento più interessante è stato quando Casadei è salito sul palco ad inizio serata, con molta scioltezza e ben poco equilibrio: l’atteggiamento da vecchia star consumata, in un giovane musicista, è qualcosa che mi regala sempre il sorriso.
    PUBBLICO: Forte la presenza femminile, sebbene in prima fila fossero numerosi più che altro i maschietti, armati di reflex e di polmoni d’acciaio: fra uno scatto e l’altro (rigorosamente con il flash, lo vogliamo sottolineare) si sentiva la partecipazione del pubblico, che sicuramente ha sorpreso per la fascia d’età coperta.
    Fermamente convinta di trovare orde di tenn ager, i Blastema hanno in realtà un seguito ben assortito e “maturo”: altro che musica da ragazzine, l’età media presente in sala era la mia. Ed io, ormai, ho raggiunto i 30.
    CONCLUSIONI: La serata non è andata male da un punto di vista numerico. Con le solite (dovute) riflessioni del mercoledì sera, poteva andare decisamente peggio. Invece i Blastema son riusciti a stanare da casa, nonostante la pioggia, un buon numero di fans. L’unica pecca?
    Non sarà stato il palco dell’Ariston, e poco importerà a chi ha cantato tutto il tempo con loro applaudendo e gridando di continuo. Detto ciò, resto dell’idea che un musicista che beve birra in quel modo, mentre è su un palco per cantare, non è un bello spettacolo, soprattutto se è già allegro all’inizio del live.
    Se pensiamo al poco equilibrio mostrato on stage, dopo un po’ svanisce il pensiero di “vabbé, è solo scena” ma subentra quello del “che fine hanno fatto i bravi ragazzi di un anno fa?”.
    Insomma, va bene godersi la vita, ma attenzione al messaggio che si trasmette.
    Soprattutto se lo si fa da un palco, ecco.
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 29, 2013 9:02 pm

    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mar 29, 2013 9:03 pm

    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Mar Apr 02, 2013 7:10 pm

    emozione...lacrime....

    poesia pura!!!!
    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mag 10, 2013 6:45 pm

    avatar
    Angel's Tears
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 451
    Data d'iscrizione : 17.06.12
    Età : 28
    Località : In Die Unendlichkeit

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Angel's Tears il Ven Mag 10, 2013 6:46 pm

    avatar
    Unbreakable
    Guardati le spalle Cacciatore!
    Guardati le spalle Cacciatore!

    Messaggi : 973
    Data d'iscrizione : 22.10.12
    Località : Craven Road 7, Londra

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Unbreakable il Dom Mag 18, 2014 8:54 pm

    MAGNIFICI... Non mi ero accorta di questo Topic, complimenti a chi lo ha aperto...   Up  Blastema dei GRANDI... musica e arrangiamenti magnifici e testi che sono poesia. Questa è forse la mia preferita ma mi piace TUTTO dei Blastema 

    Contenuto sponsorizzato

    Re: BLASTEMA

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato

      Argomenti simili

      -

      La data/ora di oggi è Sab Gen 20, 2018 5:08 pm