Avanzi

Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    MANIE-MANIE I Racconti del Labirinto

    Condividere
    avatar
    APUMA
    Buone Feste
    Buone Feste

    Messaggi : 124255
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    MANIE-MANIE I Racconti del Labirinto

    Messaggio Da APUMA il Mar Dic 11, 2012 10:32 am

    Manie-Manie I Racconti del Labirinto
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

    Manie-Manie - I racconti del labirinto (Manie-Manie 迷宮物語, Manie Manie Meikyû monogatari?) è un film d'animazione giapponese prodotto nel 1983 dalla Kadokawa (ma presentato solo nel 1987 al Festival Internazionale del Cinema di Fantascienza di Tokyo) e composto di tre racconti di altrettanti registi.

    Trama
    Vengono qui presentate le trame dei tre racconti che compongono l'opera.

    Labyrinth (Labyrinth)
    Il primo 'racconto', Labyrinth, che apre e chiude il film, è diretto da Rintarō. L'animazione, come del resto anche negli altri racconti, è ricca di dettagli e curatissima. Lo stile è molto diverso da quello degli anime giapponesi classici, in effetti ricorda più lo stile di animazione europeo che quello asiatico. Labyrinth è una sorta di sogno, in cui l'occhio si perde in giochi di immagini, in cui ombre diventano strane forme e domina l'illusione. Una bambina, con il suo gatto, si ritrova ad esplorare questo strano mondo.

    L'uomo che correva (Hashiru otoko)
    Con questo racconto ci ritroviamo in un futuro non meglio specificato, in cui il pubblico assiste a delle gare automobilistiche estreme e all'ultimo sangue, in cui i piloti si sfidano al limite della sopportazione fisica, e in cui la volonta di vittoria di un pilota vince persino la morte. La storia è incentrata soprattutto sull'aspetto dell'animazione e dei disegni, incredibilmente curati, che fanno di questo piccolo gioiello d'animazione di Yoshiaki Kawajiri uno degli esempi di più alto livello del mecha design giapponese.

    Interrompete i lavori! (Koji chushi meirei)
    Questo racconto ci tuffa nella foresta Amazzonica, in cui un supervisore è stato inviato a controllare lo stato dei lavori nel Progetto 444, immenso cantiere interamente automatizzato, il cui supervisore capo risulta irrintracciabile. Il nuovo supervisore scoprirà una situazione paradossale, in cui lo zelo e l'efficienza del robot capo si traduce in distruzione e assenza di controllo. In questo racconto Katsuhiro Otomo presenta in tono sarcastico attraverso disegni e animazioni di altissimo livello una forte critica contro l'abuso della tecnologia e i disastri che ne possono conseguire.

    Fonte: WIKIPEDIA


    _________________
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]          [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]          [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

      La data/ora di oggi è Dom Dic 17, 2017 11:14 pm