Avanzi

Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    Giochi olimpici invernali

    Condividi

    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Mar 09, 2018 9:41 am

    Paralimpiadi invernali 2018, l'Italia in pista senza donne

    Ventisei gli atleti azzurri in gara chiamati a riscattare l'assenza di podi di Sochi 2014. Ma non ci sono quote rosa

    Seul, 9 marzo 2018 - E' giusto segnalare subito un’anomalia. Meglio ancora: una differenza sostanziale sulla quale sarà il caso di sviluppare una riflessione svincolata dalla cronaca nuda e cruda. All’Olimpiade invernale di Pyeongchang, l’Italia della neve e del ghiaccio ha espresso il meglio grazie alle sue donne. Le medaglie d’oro di Sofia Goggia in discesa, di Arianna Fontana nello short track e di Michela Moioli nello snowboard hanno legittimamente alimentato la convinzione che qualcosa sia cambiato e stia cambiando nella cultura profonda di un Paese finalmente avviato a valorizzare l’altra metà del cielo. In breve. Quando lo sport è donna, una nazione si rende conto di essere in fuga dal pregiudizio, dalle imbarazzanti appartenenze a modelli di pensiero che simboleggiavano una civiltà arcaica e triste (tradotto: le ragazze stiano in casa a fare la calza, eccetera eccetera). Per questo, è triste constatare che alle Paralimpiadi invernali 2018, che vengono inaugurata oggi, l’Italia non ha iscritto nemmeno una donna. Zero. Significa che persino Luca Pancalli, generoso presidente del movimento paralimpico azzurro, deve continuare a fare i conti con una realtà non semplice. E ci sta di auspicare, d’intesa con il diretto interessato, che sarebbe poi sempre Pancalli, che questa sia l’ultima volta. Fra quattro anni, a Pechino nel 2022, di italiane Paralimpiche in gara dovranno essercene tante. In caso contrario, lo stupore odierno si tradurrebbe in sgomento.

    Tornando a bomba, come direbbe dalla sponda nord della Corea il paffuto Kim Jong-un, i Giochi che oggi vengono inaugurati saranno agonisticamente difficili per gli azzurri. Scontiamo un atavico problema in infrastrutture, reclutamento, promozione. Non per caso al movimento paralimpico ‘invernale’ fin qui sono mancati personaggi trainanti, figure popolari come Alex Zanardi e come Bebe Vio. E il volano dei Campioni è indispensabile, per mettere benzina nel motore della macchina paralimpica. La squadra di hockey non può aspirare a una medaglia. Sinceramente, già un piccolo progresso rispetto al sesto posto di quattro anni fa accontenterebbe atleti e tecnici. Considerando che a Sochi nel 2014 non trovammo ospitalità nel medagliere, segnando un record negativo dopo oltre trent’anni, ecco, se almeno un podio saltasse fuori tra sci alpino e snowboard, be’, sarebbe una gran cosa. Ma è difficile...
    Fonte: Quotidiano.Net
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Mar 09, 2018 9:51 am

    Le cose da sapere sulle Paralimpiadi Invernali 2018, che iniziano oggi

    Alle 12, ora italiana, ci sarà la cerimonia d'apertura a Pyeongchang, in Corea del Sud: l'Italia partecipa con 26 atleti


    L'atleta croato Anton Bosnajakovic durante un allenamento di sci nordico ai Giochi paralimpici di Pyeonghchang.

    Alle 12 di venerdì 9 marzo inizieranno ufficialmente le Paralimpiadi Invernali 2018, che si svolgeranno interamente a Pyeongchang, in Corea del Sud: come sempre arrivano dopo le Olimpiadi invernali, tenute lo scorso febbraio, anche se secondo qualcuno andrebbero fatte prima delle Olimpiadi per far sì che siano seguite come meritano.

    Le Olimpiadi invernali avevano visto al primo posto nel medagliere la Norvegia, con l’Italia arrivata 12esima, dopo il Giappone e prima degli atleti russi, che hanno partecipato senza rappresentare ufficialmente la Russia, esclusa dalle competizioni per un grande scandalo legato al doping.

    Le Paralimpiadi sono l’equivalente delle Olimpiadi a cui partecipano gli atleti con disabilità fisiche, ammessi secondo i criteri stabiliti dal Comitato Paralimpico Internazionale (CPI). Alle varie competizioni possono partecipare atleti con disabilità motorie, amputazioni, cecità e problemi neurologici. A Pyeongchang è prevista l’assegnazione di 80 medaglie in totale. Quest’anno parteciperanno 567 atleti da 48 paesi, in sei discipline sportive previste:

    • sci alpino
    • snowboard
    • para-hockey
    • curling su sedia a rotelle
    • cross country
    • biathlon



    La cerimonia d’apertura si preannuncia grandiosa, con esibizioni spettacolari e fuochi d’artificio: probabilmente avrà poco da invidiare a quella principale organizzata a febbraio per le Olimpiadi Invernali. Inizierà alle 12 ora italiana (le 21 a Pyeongchang) e sarà trasmessa in chiaro sul canale Rai Sport del digitale terrestre. Si terrà nello stesso stadio olimpico dei Giochi Invernali e avrà come tema “la passione che ci fa muovere”. È previsto, tra le altre cose, un discorso del presidente sudcoreano Moon Jae-in.

    Per la prima volta ai Giochi paralimpici parteciperà anche una piccola delegazione della Corea del Nord, ma a differenza delle Olimpiadi Invernali, in questa occasione gli atleti concorreranno separatamente e senza confluire nelle squadre della Corea del Sud. I due paesi si sono però presi l’impegno di collaborare più strettamente in futuro, per lo meno in ambito sportivo, segno di un ulteriore tentativo di distensione diplomatica avviata ormai da qualche mese.



    Alle Paralimpiadi Invernali 2018 di Pyeongchang, l’Italia sarà rappresentata da 26 atleti che concorreranno in varie discipline. Ci sono molte aspettative nei confronti di Manuel Pozzerle, che dice di avere l’obiettivo di vincere l’oro nella sua specialità, lo snowboarding. Per lo sci nordico concorrerà Cristian Toninelli, e ci sarà anche una squadra per il para-hockey.



    L’origine delle Paralimpiadi Invernali è simile a quella dei Giochi paralimpici estivi. I soldati feriti di ritorno dalla Seconda guerra mondiale vedevano nello sport un’opportunità per competere e al tempo stesso fare terapia per guarire, o almeno alleviare, gli effetti delle ferite subite. Tra i più convinti promotori di queste competizioni ci fu il britannico di origini tedesche Ludwig Guttmann, che nel Regno Unito organizzò competizioni sportive per i reduci di guerra e gli altri convalescenti ospedalieri tra il 1948 e il 1960. E proprio in quell’anno, dopo le Olimpiadi estive di Roma, furono organizzati quelli che sono considerati i primi Giochi paralimipici. Sedici anni dopo, in Svezia, si tennero invece le prime Paralimpiadi Invernali della storia.
    Fonte: Il Post



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Mar 09, 2018 3:00 pm

    Paralimpiadi invernali 2018 al via, Planker portabandiera Italia

    Un doodle di Google per ricordare quest'occasione

    Al vio oggi i giochi paralimpici a PyeongChang. Il campione paralimpico Florian Planker, che vive e si allena a Selva Val Gardena, è stato scelto come portabandiera per l'Italia in occasione della cerimonia di apertura. Planker, 40 anni, ha gareggiato come sciatore alpino nei suoi primi tre Giochi paralimpici invernali e come giocatore della squadra di hockey su ghiaccio negli ultimi due. Quelli di PyeongChang 2018 saranno i suoi sesti Giochi paralimpici. "Pratico sport da quando ho quattro anni", racconta Florian, che a soli 17 anni subì l'amputazione della gamba sinistra in seguito a un incidente in moto. "Lo sport - aggiunge - mi ha aiutato nella fase di riabilitazione dopo l'incidente e mi ha offerto la possibilità di viaggiare per il mondo e di conoscere altre persone con disabilità. Lo sport è stato davvero un valore aggiunto nella mia vita".


    Il doodle di Google dedicato ai Giochi

    Florian Planker ha gareggiato come sciatore a Nagano 1998, a Salt Lake City 2002 e a Torino 2006 e come giocatore di hockey su ghiaccio a Vancouver 2010 e Sochi 2015. Ha vinto una medaglia di bronzo nel Super G a Salt Lake City e, dopo esser passato dallo sci all'hockey su ghiaccio, ha vinto un oro ed un argento europeo con la squadra italiana.
    Fonte: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Sab Mar 10, 2018 9:54 am

    Paralimpiadi, inizio da sogno per gli azzurri: è bronzo per Bertagnolli

    Si tingono subito di azzurro i XII Giochi Paralimpici Invernali di Pyeongchang 2018. Nella discesa libera di sci alpino Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal hanno ottenuto la medaglia di bronzo nella categoria visually impaired. Pancalli: "Una partenza così l'avevamo solo sognata"

    L'AVVENTURA è iniziata alla grande, e per la precisione con un bellissimo bronzo. La prima gara degli atleti italiani alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 si è infatti conclusa con il podio di Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal, i due talenti azzurri dello sci alpino paralimpico, categoria visually impaired.

    Si tingono dunque subito di azzurro i XII Giochi Paralimpici Invernali. I due, con Casal a fare da guida all'amico Bertagnolli, ipovedente, entrambi del '99, hanno disputato una gara non semplice, cimentandosi col tracciato olimpico di Jeongseon con una partenza in sordina, per poi distaccarsi velocemente nella seconda metà della gara, fino a trovarsi a 33/100 dal leader momentaneo, conquistando il bronzo col tempo di 1.26.46.

    L'oro è andato all'attesissimo canadese Marcoux, che ha chiuso col tempo di 1.23.93, con 1"42 di vantaggio sullo slovacco Krako e 2"53 sugli azzurri. Giù dal podio lo spagnolo Santacana Maiztegui, con un distacco di 3"47.

    "Meglio di così non poteva andare - ha dichiarato a fine gara Bertagnolli - sapevamo che potevamo fare bene ma non speravamo in un risultato così importante. Ora speriamo di fare ancora meglio e di migliorare questa medaglia, noi daremo il massimo".

    "Sono emozionato, un inizio così lo avevamo solo sognato. Giacomo è Fabrizio hanno dimostrato grande maturità nel gestire la pressione e oggi ci hanno regalato una medaglia che aspettavamo da tanto", ha esordito il presidente del Cip Luca Pancalli.

    "Siamo stati fortunati - ha aggiunto Casal- non sentivamo la pressione addosso, forse paradossalmente la sentiremo più adesso. Questa avventura non poteva iniziare in modo migliore, questa medaglia ci dà la carica per affrontare le altre gare che ci attendono".

    Grande soddisfazione anche per la squadra di hockey, che ha battuto la Norvegia per 3-2.
    Fonte: La Repubblica



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Lun Mar 12, 2018 9:16 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: Giacomo Bertagnolli è ARGENTO in supergigante nella seconda giornata



    La seconda giornata di competizioni alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 ha visto l’assegnazione di otto nuovi titoli, sei nello sci alpino e due nello sci di fondo, oltre a prevedere la prosecuzione dei tornei di wheelchair curling e sledge hockey.

    Dopo la medaglia di bronzo vinta ieri in discesa, l’azzurro Giacomo Bertagnolli ha rinnovato l’appuntamento con il podio: accompagnato dalla guida Fabrizio Casal, l’atleta della categoria ipovedenti si è infatti issato in seconda posizione nel supergigante, gara che l’aveva visto anche bronzo iridato lo scorso anno. Il giovane azzurro ha terminato a soli diciotto centesimi dal vincitore, lo slovacco Jakub Krako (guida Stanislav Brozman), mentre un altro slovacco, Miroslav Haraus (guida Maroš Hudík) ha terminato in terza posizione. Vincitore della discesa di ieri e favorito anche quest’oggi, il canadese Mac Marcoux è uscito a metà gara.

    Nella categoria standing, Davide Bendotti ha terminato ventottesimo ad oltre dieci secondi dallo svizzero Theo Gmur, che come in discesa libera ha preceduto il francese Arthur Bauchet e l’austriaco Markus Salcher. Alla prima gara in queste Paralimpiadi, René De Silvestro è invece uscito di pista nel tratto finale della prova riservata alla categoria sitting, vinta dal sorprendente canadese Kurt Oatway davanti allo statunitense Andrew Kurka ed al francese Frédéric François.

    Nelle prove femminili, dove non erano presenti italiane, le vincitrici della discesa libera sono tutte riuscite a confermarsi anche in supergigante: tra le ipovedenti si sono imposte le slovacche Henrieta Farkašová / Natália Šubrtová, mentre la francese Marie Bochet ha conquistato l’oro standing e la tedesca Anna Schaffelhuber ha trionfato tra le sitting.

    Per quanto concerne lo sci di fondo, anche in questo caso non abbiamo visto italiani all’opera, con l’ucraino Maksym Yaorvyi e la statunitense Kendall Gretsch che hanno conquistato le medaglie d’oro delle gare sitting su lunga distanza (rispettivamente 15 km e 12 km).

    La giornata paralimpica dell’Italia non è tuttavia ancora finita: dopo la vittoria agli shoot-out sulla Norvegia (3-2), la squadra azzurra di sledge hockey tornerà infatti sul ghiaccio quest’oggi, per affrontare la fortissima compagine canadese.
    Fonte: OASport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Lun Mar 12, 2018 3:00 pm

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: Manuel Pozzerle rimpingua il medagliere con un argento. Il canadese Brian McKeever da leggenda



    La terza giornata di competizioni alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 ha visto l’assegnazione di nove nuovi titoli, quattro nello sci di fondo e cinque nello snowboard, oltre a prevedere la prosecuzione dei tornei di wheelchair curling e sledge hockey.

    Dopo le due medaglie arrivate dallo sciatore ipovedente Giacomo Bertagnolli, sempre accompagnato dalla guida Fabrizio Casal, l’Italia ha conquistato un argento anche nello snowboardcross, grazie a Manuel Pozzerle, atleta della categoria UL (upper limbs, ovvero disabilità agli arti superiori). Il trentanovenne azzurro si è arreso solamente in finale all’australiano Simon Patmore, mentre lo statunitense Mike Minor ha ottenuto il bronzo, dopo aver fatto segnare il miglior tempo delle qualificazioni. In gara c’erano anche altri due azzurri: Paolo Priolo è stato eliminato ai quarti di finale da Minor, mentre Jacopo Luchini si è classificato quarto, perdendo dallo stesso statunitense nella sfida per il bronzo.

    Per quanto riguarda le altre categorie dello snowboard, gli Stati Uniti hanno dominato la categoria LL1, con la vittoria di Brenna Huckaby al femminile e quella di Mike Schultz al maschile. Nella categoria LL2, invece, le medaglie d’oro sono andate all’olandese Bibian Mentel-Spee ed al finlandese Matti Suur-Hamari.

    Unico italiano impegnato nello sci di fondo, Cristian Toninelli si è classificato diciassettesimo nella 20 km standing, accusando quasi un quarto d’ora di ritardo dal vincitore, l’ucraino Ihor Reptyukh, che in classifica ha preceduto il francese Benjamin Daviet, già oro nel biathlon, ed il norvegese Håkon Olsrud. Da segnalare anche la vittoria, nella gara degli ipovedenti, del leggendario canadese Brian McKeever (guida Graham Nishikawa), noto per aver partecipato anche ai Giochi Olimpici, che raggiunge così quota undici titoli paralimpici. Tra le donne, che hanno gareggiato sulla distanza dei 15 km, le medaglie d’oro sono andate ad Ekaterina Rumyantseva, russa che gareggia sotto bandiera neutra, ed alla bielorussa Sviatlana Sakhanenka (guida Raman Yashchanka).

    La giornata paralimpica dell’Italia si concluderà con lo sledge hockey, dove la nazionale azzurra affronterà la Svezia in un incontro che potrebbe risultare decisivo per il passaggio del turno, visto che la prima posizione del girone è oramai acquisita per il Canada.
    Fonte: OASport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mar Mar 13, 2018 9:19 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: Giacomo Bertagnolli out in una combinata ricca di sorprese, terzo oro per Henrieta Farkašová



    La quarta giornata di competizioni alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 ha visto l’assegnazione di ben dodici nuovi titoli, sei nello sci alpino ed altrettanti nel biathlon, oltre a prevedere la prosecuzione dei tornei di wheelchair curling e sledge hockey.

    Dopo le due medaglie conquistate in discesa e supergigante, lo sciatore ipovedente Giacomo Bertagnolli, accompagnato come al solito dalla guida Fabrizio Casal, era atteso alla prova di combinata alpina, disciplina nella quale la coppia azzurra ha conquistato la medaglia d’oro ai Mondiali di Tarvisio lo scorso anno. Il percorso della manche di supergigante, tuttavia, si è rivelato particolarmente impegnativo, provocando numerose uscite in tutte le gare. A farne le spese, oltre alla coppia Bertagnolli / Casal, anche l’azzurro della categoria standing Davide Bendotti, oltre ad alcune stelle assolute come la francese Marie Bochet e lo svizzero Theo Gmur, entrambi reduci dalla doppia medaglia d’oro nelle gare veloci in piedi, o i canadesi Mac Marcoux, che con la guida Jack Leitch aveva vinto la discesa libera ipovedenti, e Kurt Oatway, oro nel supergigante sitting.

    Unico italiano in grado di completare la prova di supergigante, René De Silvestro, tredicesimo a metà gara, è invece uscito in occasione della manche di slalom della gara sitting. Ad imporsi è stato l’olandese Jeroen Kampschreur, che grazie alle sue doti di slalomista è riuscito a rimontare dalla terza posizione, superando il francese Frédéric François, argento, ed il norvegese Jesper Pedersen, bronzo.

    La gara degli ipovedenti, dopo le numerose uscite, ha premiato la coppia slovacca Miroslav Haraus / Maroš Hudík, che ha preceduto gli spagnoli Jon Santacana Maiztegui / Miguel Galindo Garcés ed i russi Valery Redkozubov / Evgeny Geroev, facenti parte della delegazione degli atleti paralimpici neutrali. Nella prova standing, invece, il russo Alexey Bugaev è andato a conquistare il titolo davanti al francese Arthur Bauchet ed al neozelandese Adam Hall.

    Per quanto riguarda i titoli del settore femminile, la slovacca Henrieta Farkašová ha conquistato la terza medaglia d’oro in altrettante gare disputate nella categoria ipovedenti, accompagnata dalla guida Natália Šubrtová. Successi a sorpresa, invece, per la canadese Mollie Jepsen (standing) e per la tedesca Anna-Lena Forster, che tra le sitting ha battuto in rimonta la connazionale Anna Schaffelhuber, già vincitrice delle due gare veloci.

    Non erano presenti italiani, invece, nel biathlon, dove l’Ucraina ha conquistato due ori con l’ipovedente Oksana Shyskova (guida Vitaliy Kazakov) e Taras Rad (sitting maschile). Le altre medaglie d’oro sono andate alla tedesca Andrea Eskau (sitting femminile), la russa sotto bandiera neutrale Ekaterina Rumyantseva (standing femminile), il francese Benjamin Daviet (standing maschile) e l’ipovedente bielorusso Yury Holub (guida Dzmitry Budzilovich).

    Nello sledge hockey, la nazionale azzurra osservava oggi una giornata di riposo, dopo aver sconfitto ieri la Svezia per 2-0. L’Italia si è qualificata come seconda forza del girone alle spalle del Canada, e tornerà sul ghiaccio giovedì per affrontare gli Stati Uniti, mentre la nazionale della foglia d’acero sfiderà dall’altra parte del tabellone i padroni di casa della Corea del Sud.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Gio Mar 15, 2018 10:02 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal conquistano l’oro nello slalom gigante. I risultati di giornata



    La quinta giornata di competizioni alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 ha visto l’assegnazione di ben dodici nuovi titoli, sei nello sci alpino ed altrettanti nello sci di fondo, oltre a prevedere la prosecuzione dei tornei di wheelchair curling e sledge hockey.

    Lo slalom gigante della categoria ipovedenti ha regalato la prima medaglia d’oro all’Italia, grazie alla coppia formata da Giacomo Bertagnolli e dalla guida Fabrizio Casal, già medagliati sia in discesa che in supergigante. Gli azzurri hanno infatti dominato la gara in entrambe le manche, andando a precedere di oltre cinque secondi gli slovacchi Jakub Krako / Branislav Brozman e di sette i canadesi Mac Marcoux / Jack Leitch, due delle coppie più forti della categoria e già plurimedagliate a livello paralimpico.

    Nella categoria standing, Davide Bendotti ha terminato in diciannovesima posizione, staccato di oltre quattordici secondi dal vincitore, lo svizzero Theo Gmur, capace di battere il russo Aleksei Bugaev ed il canadese Alexis Guimond. Bella gara da parte di René De Silvestro nella categoria sitting: l’azzurro si è classificato ottavo a 5”66 dal norvegese Jesper Pedersen, che ha preceduto in classifica lo statunitense Tyler Walker ed il polacco Igor Sikorski.

    Le gare femminili di sci alpino hanno invece visto il quarto successo in quattro gare dell’ipovedente slovacca Henrieta Farkašová (guida Natália Šubrtová), mentre la francese Marie Bochet è tornata sul gradino più alto del podio nella categoria standing, dopo l’inconveniente dell’uscita in combinata. La giapponese Momoka Muraoka ha invece dominato la prova delle sitting.

    Unico azzurro presente nella sprint di sci di fondo, Cristian Toninelli si è classificato ventitreesimo nelle qualificazioni, mancando dunque il pass per le semifinali, riservato ai primi dodici. Già vincitore delle qualificazioni, il kazako Alexandr Kolyadin è andato a conquistare la medaglia d’oro con una grande rimonta finale, battendo sul traguardo il giapponese Yoshihiro Nitta ed il canadese Mark Arendz, terzo a pari merito con il finlandese Ilkka Tuomisto.

    Dominio statunitense nella categoria sitting, con le vittorie di Andrew Soule e di Oksana Masters, mentre nelle gare degli ipovedenti si sono imposti il leggendario canadese Brian McKeever (guida Russell Kennedy), al dodicesimo oro paralimpico in carriera, e la bielorussa Sviatlana Sakhanenka (guida Raman Yashchanka). Nella prova femminile standing, infine, la vittoria è andata alla russa battente bandiera neutrale Anna Milenina.

    Nello sledge hockey, la nazionale azzurra osservava oggi una giornata di riposo, dopo aver passato la prima fase con un bilancio di due vittorie su Norvegia e Svezia ed una sconfitta contro il Canada. L’Italia si è qualificata come seconda forza del girone alle spalle dei nordamericani e tornerà sul ghiaccio domani per affrontare gli Stati Uniti, mentre la nazionale della foglia d’acero sfiderà dall’altra parte del tabellone i padroni di casa della Corea del Sud.
    Fonte: OASport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Mar 16, 2018 8:54 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: Jacopo Luchini e Manuel Pozzerle ai piedi del podio nello slalom dello snowboard, oro a Mike Minor



    La settima giornata di competizioni alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 ha visto l’assegnazione di ben undici nuovi titoli, sei nel biathlon e cinque nello snowboard, oltre a prevedere la prosecuzione dei tornei di wheelchair curling e sledge hockey.

    I tre italiani in gara quest’oggi erano tutti impegnati nella stessa gara, lo slalom dello snowboard nella categoria UL (upper limbs, ovvero disabilità agli arti superiori). La prova ha però riservato un verdetto amaro ai colori azzurri, visto che Jacopo Luchini ha terminato quarto a soli tre centesimi dal podio, mentre Manuel Pozzerle, già argento nello snowboardcross, si è classificato quinto, seppur con un distacco più importante (oltre due secondi rispetto alla medaglia di bronzo). Entrambi gli atleti tricolori si sono trovati in zona podio nel corso della gara, ma alla fine a spuntarla è stato lo statunitense Mike Minor, che ha battuto di 59/100 il tempo stabilito in precedenza dall’austriaco Patrick Mayrhofer, mentre il bronzo è andato all’australiano Simon Patmore (+1”22). Il terzo azzurro, Roberto Cavicchi, si è invece classificato quindicesimo.

    Gli Stati Uniti hanno conquistato anche altre due medaglie d’oro nello snowboard, con Brenna Huckaby e Noah Elliott, entrambi rappresentanti della categoria LL1. Nella prova LL2, invece, i successi sono andati all’olandese Bibian Mentel-Spee ed al giapponese Gurimu Narita.

    Per quanto riguarda il biathlon, in programma quest’oggi c’erano le gare più lunghe del programma paralimpico: 15 km per gli uomini e 12.5 km per le donne. La Germania ha dominato le gare della categoria sitting, piazzando sul gradino più alto del podio Andrea Eskau e Martin Fleig. Gli altri due titoli femminili sono andati alle russe battenti bandiera neutrale Anna Milenina (standing) e Mikhalina Lysova (ipovedenti, guida Alexey Ivanov). Al maschile, infine, da segnalare le vittorie del canadese Mark Arendz (standing) e dell’ipovedente ucraino Vitaliy Luk’yanenko (guida Ivan Marchyshak).

    Per quanto riguarda il torneo di sledge hockey, l’Italia ha disputato ieri la semifinale, venendo sconfitta per 10-1 dagli Stati Uniti. Gli azzurri si giocheranno dunque la medaglia di bronzo con la Corea del Sud, che nell’altra semifinale è stata superata per 7-0 dal Canada, mentre le due potenze nordamericane disputeranno la finalissima.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Mar 16, 2018 3:32 pm

    Sledge hockey, Paralimpiadi PyeongChang 2018: USA troppo forti per l’Italia. Azzurri contro la Corea del Sud per uno storico bronzo!



    L’Italia è stata sconfitta nettamente dagli USA nella semifinale del torneo di sledge hockey alle Paralimpiadi Invernali di PyeongChang 2018. La nostra Nazionale non ha potuto nulla contro la corazzata a stelle strisce: i Campioni Paralimpici e del Mondo non ci hanno lasciato alcuno scampo, dominando per tutto l’incontro e imponendosi per 10-1. Gli azzurri ora affronteranno la Corea del Sud (ko contro il Canada per 7-0) nella finale che assegnerà la medaglia di bronzo: era l’obiettivo di Planker e compagni che sabato notte torneranno sul ghiaccio con la speranza di salire sul podio a cinque cerchi per la prima volta nella storia.

    Il match contro i fenomenali americani era già deciso in partenza, era davvero impossibile compiere il miracolo. I dominatori di questo sport sono volati subito sul 5-0 nel primo tempo (reti di Grove, Misiewicz, Roybal, Landeros, McDermott), nella seconda frazione Roybal, Landeros e Farmer hanno arrotondato il punteggio, nell’ultimo periodo sono arrivate anche le reti di McKee e Landeros intervallate dal gol della bandiera firmato da Valerio Corvino.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Sab Mar 17, 2018 10:08 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal conquistano l’oro nello slalom, quarta medaglia per la coppia azzurra



    Già campioni olimpici nello slalom gigante e medagliati sia in supergigante che in discesa, Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal hanno disputato quest’oggi l’ultima loro gara alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018, quella dello slalom speciale, andando a conquistare un’altra medaglia d’oro.

    Secondi al termine della prima manche, gli azzurri hanno realizzato una seconda prova perfetta, mettendo pressione al leader di metà gara, lo slovacco Miroslav Haraus (guida Maroš Hudík). Passato in svantaggio di tre decimi al secondo intertempo, Haraus ha commesso un grave errore, fermandosi completamente, prima di ripartire e saltare poi l’ultima porta, venendo dunque squalificato (aveva ottenuto il quinto tempo). Bertagnolli e Casal hanno così potuto esultare con il crono di 1’36″12, battendo di 1”42 gli slovacchi vinctiori del supergigante Jakub Krako / Branislav Brozman e di 1”90 i russi Valery Redkozubov / Evgeny Geroev, che avevano conquistato l’oro quattro anni fa a Sochi. Solo legno, invece, per i canadesi Mac Marcoux e Jack Leitch, già vincitori della discesa libera e medagliati di bronzo in slalom gigante.
    Fonte: OASport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Mar 18, 2018 9:13 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: quarto titolo per Marie Bochet, gli Stati Uniti vincono in rimonta nello sledge hockey



    La nona ed ultima giornata di competizioni alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018 ha visto l’assegnazione dei restanti sei titoli in paio, due nello sci di fondo, tre nello sci alpino e quello dello sledge hockey.

    Nello sci alpino, sono state assegnate le medaglie dello slalom femminile, prova non priva di colpi di scena. Nella gara ipovedenti, in particolare, la slovacca Henrieta Farkašová sembrava destinata a realizzare il pokerissimo di ori con la sua guida Natália Šubrtová, ma nella seconda manche ha dovuto cedere alla britannica Menna Fitzpatrick (guida Jennifer Kehoe), mentre l’altra rappresentante della Union Jack Millie Knight (guida Brett Wild) ha ottenuto il bronzo. Quarto oro per la francese Marie Bochet nella categoria standing, dove ha preceduto di oltre quattro secondi la canadese Mollie Jepsen e la tedesca Andrea Rothfuss. Distacchi abissali anche nella prova sitting, con la tedesca Anna-Lena Forster che ha battuto la giapponese Momoka Muraoka, già oro in gigante, e l’austriaca Heike Eder.

    Il programma dell’ultima giornata dello sci di fondo prevedeva lo svolgimento delle due staffette. Quella mista ha visto il successo dell’Ucraina (Iurii Utkin / Ruslan Perekhoda, Liudmyla Liashenko, Yuliia Batenkova-Bauman, Oksana Shyshkova / Vitaliy Kazakov), che ha preceduto di cinquanta secondi il Canada, mentre la medaglia di bronzo è andata alla Germania. Successo della Francia, invece, nella prova Open, con la squadra composta da Benjamin Daviet (che ha svolto due frazioni), Anthony Chalençon / Simon Valverde e Thomas Clarion / Antoine Bollet. I Bleus hanno preceduto la Norvegia ed l’Ucraina, ma a quest’ultima squadra è stata penalizzata a causa di un cambio anticipato, cedendo il bronzo al Canada del leggendario Brian McKeever, forse alla sua ultima gara paralimpica in carriera, ed oramai a quota sedici medaglie, di cui tredici d’oro.

    Impegnata ieri nella finale per il bronzo, la squadra azzurra di sledge hockey è stata sconfitta per 1-0 dalla Corea del Sud padrona di casa, in un match deciso a tre minuti dalla fine da Jang Dong-Shin. Quest’oggi, invece, è stata assegnata la medaglia d’oro tra Stati Uniti e Canada: i canadesi sono passati in vantaggio nel primo periodo con Billy Bridges, ma gli statunitensi hanno raggiunto il pareggio a pochi secondi dalla fine del tempo regolamentare grazie a Declan Farmer. Lo stesso Farmer ha poi regalato la vittoria alla nazionale a stelle e strisce all’overtime.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Lun Mar 19, 2018 9:09 am

    Paralimpiadi invernali PyeongChang 2018: l’Italia torna nella geografia paralimpica, dimenticata la delusione di quattro anni fa



    Si sono conclusi domenica i Giochi Paralimpici di PyeongChang 2018, che per i colori azzurri hanno significato soprattutto il ritorno dell’Italia nel medagliere, dopo lo “zero” che aveva caratterizzato la spedizione negativa di quattro anni fa a Sochi 2014.

    I protagonisti di questa rassegna sono stati naturalmente Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal, capaci di conquistare quattro delle cinque medaglie italiane nella dieci giorni di gare, con due ori, un argento e un bronzo. Già eccellenti lo scorso anno ai Mondiali di Tarvisio, dove conquistarono una medaglia di ogni colore, i due giovani sciatori hanno addirittura migliorato il bottino iridato, entrando nella storia dello sport paralimpico nazionale. L’ultima atleta a vincere quattro medaglie in una stessa edizione delle Paralimpiadi invernali era infatti stata Silvia Parente nel 2006, anche lei sciatrice ipovedente, accompagnata dalla guida Lorenzo Migliari. Entrambi classe 1999, Bertagnolli e Casal sono solamente all’inizio della loro esperienza sportiva e potranno continuare a scrivere pagine importanti anche in futuro.

    Diverso il discorso per l’altro medagliato azzurro, Manuel Pozzerle, argento nello snowboardcross, che a trentanove anni ha coronato il suo sogno iniziato ancor prima dell’incidente motociclistico, visto che il veronese praticava lo snowboard sin da ragazzo. In pochi anni (l’ingresso in nazionale risale al 2014, ma non in tempo per partecipare alle Paralimpiadi di Sochi), Pozzerle ha scalato le gerarchie internazionali, conquistando podi ai Mondiali ed in Coppa del Mondo, fino all’apoteosi paralimpica. Meno fortunato, invece, l’altro snowboarder Jacopo Luchini, ventisettenne che ha chiuso quarto per pochi centesimi nella gara di slalom, dove per qualche istante ha sentito il profumo del bronzo.

    Un plauso va fatto anche ai ragazzi dello sledge hockey, a loro volta quarti con onore, dopo aver perso per 1-0 contro i padroni di casa della Corea del Sud: quinta in occasione delle ultime tre rassegne iridate, la squadra azzurra ha comunque ottenuto un risultato di grande prestigio, dimostrando nuovamente di essere tra le migliori compagini del panorama internazionale, squadre nordamericane a parte. Ricordiamo, inoltre, che l’Italia non era in precedenza mai andata oltre il sesto posto ai Giochi Paralimpici.

    In tutto questo, non possiamo però dimenticare di sottolineare anche una mancanza importante nella squadre italiana, ovvero l’assenza completa della componente femminile. Forse avrebbe meritato la convocazione Melania Corradini, argento nel supergigante standing a Vancouver 2010 e quattro volte medagliata mondiale, anche se i suoi risultati recenti sono stati decisamente meno brillanti. La trentenne di Cles sarebbe comunque stata un’ambasciatrice degna per lo sport paralimpico femminile, ma i difficili criteri di selezione sono stati rispettati fino in fondo, senza eccezioni. I prossimi quattro anni dovranno dunque servire a colmare questa lacuna in vista di Pechino 2022.
    Fonte: OASport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 143420
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Lun Mar 19, 2018 9:13 am

    PyeongChang, festa finale: “Vi siete spinti oltre le possibilità umane

    Fuochi d'artificio alla cerimonia di chiusura di PyeongChang 2018, spenta la fiamma paralimpica. Un'edizione da record: la più seguita, la più partecipata e la più vista dell'intera storia delle Paralimpiadi invernali. Il presidente Ipc Parsons loda gli atleti: “Avete dimostrato che con una mente solida e un cuore ancora più forte si possono ottenere risultati incredibili

    PYEONGCHANG – Dopo dieci giorni di sport, si è spenta la fiamma paralimpica di PyeongChang 2018: con la cerimonia di chiusura nello Stadio Olimpico della città coreana è calato il sipario sulla dodicesima edizione dei Giochi paralimpici invernali. Un'edizione da record, la più seguita, la più partecipata e la più vista dell'intera storia delle Paralimpiadi invernali. La conferma di una crescita continua e costante del movimento paralimpico mondiale, che diventa sempre più grande e più conosciuto.

    E' l'inno sudcoreano ad aprire la serata, mentre viene issata la bandiera del paese: una canzone folk coreana, "Arirang", ricorda i momenti di gioia e di dolore durante le Paralimpiadi invernali, tributando un omaggio a tutti gli atleti, ai volontari, al personale e a tutta la popolazione della provincia coreana di Gangwon. Sfilano le squadre e gli atleti, è un tripudio di bandiere: per l'Italia è Giacomo Bertagnolli, due medaglie d'oro, una d'argento e una di bronzo a far sventolare il tricolore. C'è il passaggio di consegne simbolico, con la bandiera paralimpica che viene consegnata a Chen Jining, sindaco di Pechino, città ospitante dei Giochi Paralimpici Invernali del 2022.

    Nel suo discorso, il presidente del Comitato organizzatore di PyeongChang 2018, Lee Hee-beom, menziona lo sciatore Sin Euu Hyun, vincitore del primo oro coreano alle Paralimpiadi invernali, e Daniel Cnossen, statunitense, in rappresentanza di tutti gli atleti. “Ricorderemo per sempre nei nostri cuori le storie degli atleti paralimpici”, dice prima di ricordare l'ingresso congiunto, il 9 marzo scorso, della torcia paralimpica ad opera di un atleta della Nord Corea e di un atleta della Sud Corea. E auspica uno “spirito di pace” che si estenda anche oltre la penisola coreana.

    Fa riferimento al grande fisico Stephen Hawking, scomparso mercoledì 14 marzo, il discorso del presidente del Comitato paralimpico internazionale, Andrew Parsons: “Un uomo, un genio, un pioniere, fonte di ispirazione per tutti noi. Alla cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Londra 2012, Hawking aveva osservato che siamo tutti diversi e che non esiste un essere umano standard. Ci aveva esortato a guardare le stelle e non i nostri piedi. Negli ultimi 10 giorni – dice Parsons - le stelle hanno brillato qui a PyeongChang. E mentre Hawking ha messo alla prova i limiti della sua immaginazione, voi paralimpici vi siete spinti oltre i confini delle possibilita umane”. “Le vostre prestazioni, che sfidano la logica, hanno posto l'attenzione del mondo non su ciò che vi è successo in passato, ma su ciò che vi motiva e vi spinge verso il futuro. Avete dimostrato – dice ancora Parsons - che con una mente solida e un cuore ancora più forte, potete ottenere risultati incredibili. In definitiva, avete riscritto la teoria del tutto e dato un nuovo scopo al mondo del possibile. Ogni generazione ha la possibilità di cambiare il mondo. Orgogliosi paralimpici, questo è il vostro momento di essere modelli di riferimento e catalizzatori per una società più inclusiva”.

    Dichiarati ufficialmente chiusi i dodicesimi Giochi invernali paralimpici, la Bae Hui Gwan Band, gruppo composto da musicisti con disabilità, sale sul palco per allietare il pubblico prima del gran finale con la pop star sudcoreana Ailee. La cerimonia di chiusura allo Stadio Olimpico di PyeongChang diventa – come da tradizione - una grande festa di balli e musica, per la gioia del pubblico di casa. Fra i fuochi di artificio, cala il sipario. Ma le Paralimpiadi non si sposteranno di molto: appuntamento prima a Tokyo 2020 per l'edizione estiva, poi a Pechino 2022 per quella invernale.
    Fonte: SuperAbile


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    Kim Winchester
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 58326
    Data d'iscrizione : 01.08.13
    Località : Lawrence, Kansas

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Kim Winchester il Mer Mar 21, 2018 11:29 pm

    Il medagliere finale


    • Stati Uniti d’America: 13 ori, 15 argenti, 8 bronzi

    • NPA (Atleti Paralimpici Neutri): 8 ori, 10 argenti, 6 bronzi

    • Canada: 8 ori, 4 argenti, 16 bronzi

    • Francia: 7 ori, 8 argenti, 5 bronzi

    • Germania: 7 ori, 8 argenti, 4 bronzi

    • Ucraina: 7 ori, 7 argenti, 8 bronzi

    • Slovacchia: 6 ori, 4 argenti, 1 bronzo

    • Bielorussia: 4 ori, 4 argenti, 4 bronzi

    • Giappone: 3 ori, 4 argenti, 3 bronzi

    • Olanda: 3 ori, 3 argenti, 1 bronzo

    • Svizzera: 3 ori

    • Italia: 2 ori, 2 argenti, 1 bronzo

    • Regno Unito: 1 oro, 4 argenti, 2 bronzi

    • Norvegia: 1 oro, 3 argenti, 4 bronzi

    • Australia: 1 oro, 3 bronzi

    • Finlandia: 1 oro, 2 bronzi

    • Corea del Sud: 1 oro, 2 bronzi

    • Nuova Zelanda: 1 oro, 2 bronzi

    • Croazia: 1 oro, 1 bronzo

    • Cina: 1 oro

    • Kazakistan: 1 oro

    • Austria: 2 argenti, 5 bronzi

    • Spagna: 1 argento, 1 bronzo

    • Svezia: 1 argento

    • Belgio: 1 bronzo

    • Polonia: 1 bronzo



    _________________

    Un MegaBacio alla mia cara APUMA, la mia Mishamiga ORANGE!   


     Improvise, adapt, and overcome!  

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Lun Set 24, 2018 9:37 am