Avanzi

Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    Giochi olimpici invernali

    Condividi

    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Sab Feb 17, 2018 9:48 am

    Sci alpino, Olimpiadi PyeongChang 2018: scelta l’Italia per il gigante maschile. Moelgg e De Aliprandini ci provano

    Domani domenica 18 febbraio si disputerà il gigante maschile alle Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018. Marcel Hirscher è il grande favorito della vigilia e insegue il secondo oro in questa rassegna a cinque cerchi dopo aver vinto la combinata. L’austriaco se la dovrà vedere soprattutto con Henrik Kristoffersen, l’Italia proverà a essere protagonista: gli azzurri partiranno come outsider con la remota speranza di poter lottare per il podio. Il tricolore non sventola in questa specialità addirittura dal 1992 quando Alberto Tomba trionfò ad Albertville realizzando una mitologica doppietta.

    Oggi è stato ufficializzato il quartetto italiano che si presenterà al cancelletto di partenza: Luca De Aliprandini, Florian Eisath, Manfred Moelgg, Riccardo Tonetti. Le chance migliori sono sicuramente riposte in Manfred Moelgg e Luca De Aliprandini: il 35enne altoatesino ha ottenuto in stagione il settimo posto ad Adelboden quando invece il 27enne nativo di Cles fu quarto. Florian Eisath è invece reduce dal positivo settimo posto di Garmisch.
    Fonte: OASport
    avatar
    Kim Winchester
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 58832
    Data d'iscrizione : 01.08.13
    Località : Lawrence, Kansas

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Kim Winchester il Sab Feb 17, 2018 1:53 pm

    Pattinaggio artistico, Olimpiadi invernali PyeongChang 2018: Yuzuru Hanyū centra la doppietta, sul podio Shōma Uno e Javier Fernández




    Dopo il team event e la gara delle coppie d’artistico, sono stati gli uomini i protagonisti di questi due giorni sul ghiaccio della Gangneung Ice Arena per la prosecuzione del programma di pattinaggio di figura ai Giochi Olimpici di PyeongChang 2018. Questo sabato abbiamo assistito infatti al free skating, al termine del quale sono state assegnate le medaglie a cinque cerchi.

    Campione mondiale ed olimpico in carica, il giapponese Yuzuru Hanyū è riuscito nell’impresa di confermarsi sul gradino più alto del podio. Il ventitreenne nipponico, esibitosi sulla colonna sonora di Seimei, ha realizzato una prestazione di altissimo livello nel segmento di gara odierno, macchiata solo da un paio di atterraggi sporchi sugli elementi di salto. Il suo programma libero è valso 206.17 punti, con 109.55 punti per gli elementi tecnici e 96.62 punti per le componenti del programma, portandolo ad un totale di 317.85 punti. Il pattinatore di Sendai scrive dunque la storia al termine di una stagione difficile, caratterizzata da un infortunio, diventando il primo a vincere due ori olimpici maschili dopo lo statunitense Dick Button, campione a St. Moritz 1948 e ad Oslo 1952.


    Come nella rassegna iridata dello scorso anno, il Giappone completa la doppietta con il secondo posto di Shōma Uno, che, nonostante una caduta, ha ottenuto 202.73 punti per il free skating, chiudendo con un totale di 306.90 punti (l’ultima doppietta in questa gara era stata fatta segnare dalla Russia nel 2002 con Alexei Yagudin ed Evgeni Plushenko). Eccellente risultato anche per il madrileno Javier Fernández López, reduce dalla vittoria del suo sesto titolo europeo consecutivo, che ha conquistato il bronzo con 197.66 punti di libero e 305.24 punti di totale: per la Spagna è la prima medaglia olimpica di sempre nel pattinaggio di figura e nelle discipline del ghiaccio in generale, la quarta nella storia delle Olimpiadi invernali, di cui due arrivate quest’anno (c’era infatti già stato il bronzo di Regino Hernández nello snowboardcross due giorni fa). Grazie all’iberico, il tecnico Brian Orser porta due atleti sul podio, con l’oro di Hanyū ed il bronzo dello stesso Fernández.



    Protagonista di questa gara olimpica è stato anche il cinese Jin Boyang, che chiude quarto con 297.77 punti, ma ad impressionare oggi è stato soprattutto lo statunitense Nathan Chen, che può mangiarsi le mani per il pessimo programma corto, che l’aveva relegato al diciassettesimo posto: l’atleta a stelle e strisce ha infatti fatto segnare il miglior libero in assoluto con 215.08 punti, ma soprattutto è diventato il primo pattinatore di sempre a completare sei quadrupli alle Olimpiadi, ottenendo un’incredibile valutazione di 127.64 punti nei technical elements. Nonostante la grande rimonta, Chen deve accontentarsi del quinto posto con 297.35 punti.

    Unico italiano presente in campo maschile, l’azzurro Matteo Rizzo ha chiuso il cerchio della sua avventura olimpica, completando un quarto programma di ottimo livello. Sulle musiche dei Beatles, il diciannovenne campione nazionale ha sfiorato i propri primati personali, meritando 156.78 punti per la sua prestazione odierna (80.86 di technical elements e 75.92 di components), per un totale di 232.41 punti. Diciannovesimo nel segmento di gara odierno, Rizzo ha guadagnato due posizioni per terminare al ventunesimo posto.




    Fonte: OAsport


    _________________

    Un MegaBacio alla mia cara APUMA, la mia Mishamiga ORANGE!   


     Improvise, adapt, and overcome!  
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 18, 2018 9:18 am

    Olimpiadi invernali Corea 2018: risultati della notte e gare LIVE. Gigante: oro Hirscher. Fondo: Italia 7^


    PyeongChang, 11esima giornata di gare.

    Hirscher domina lo slalom gigante davanti a Kristoffersen e Pinturault. Tonetti, 4° dopo la prima manche, out nella seconda. Sci di fondo: oro alla Norvegia nella staffetta 4x10km, Italia 7^. Sci acrobatico, slopestyle: vince il norvegese Braaten. Curling uomini, sorridono Svizzera e Giappone. Hockey donne, Corea ko.

    Ore 09.45 Pellegrino: "Molto deluso"
    "Sono molto deluso da questa mia prestazione, la mia condizione fisica è più che buona ma mi è mancato qualcosa a livello muscolare. Mi dispiace, era una gara in cui credevo molto" ha ammesso Federico Pellegrino, bronzo nella gara sprint, al termine della staffetta 4x10km di fondo in cui l'Italia ha chiuso settima. "Volevo molto di più da me stesso - ha aggiunto Pellegrino - adesso farò punto a capo e inizierò a pensare alla Team Sprint. Stasera faremo riunione e decideremo quale sarà la formazione migliore". Resta da chiarire la situazione di Dietmar Noeckler, ritiratosi nella 15 chilometri, che farà un nuovo test in pista: da definire se sarà lui il compagno di Pellegrino oppure se sarà Francesco De Fabiani.

    Ore 09.00 sci di fondo: Norvegia d'oro
    Successo della Norvegia e settimo posto per l'Italia nella staffetta 4x10 km di fondo. Maicol Rastelli, Francesco De Fabiani, Giandomenico Salvadori e Federico Pellegrino hanno concluso la prova a due minuti e 35 secondi dai vincitori. Argento ai russi senza bandiera e bronzo alla Francia.

    Le gare della notte
    Il gigante uomini ha scelto il suo re, così come lo slopestyle di sci acrobatico. Emozioni anche da hockey su ghiacco e curling, mentre si è svolta la prima prova della discesa femminile. Ecco com'è andata la notte olimpica di PyeongChang.



    Sci alpino, gigante uomini: Hirscher oro. Cade Tonetti
    Marchel Hirscher centra il bis olimpico conquistando lo slalom gigante. Sulla pista dello Yongpyong Center, il campione austriaco, già vincitore dell'oro in combinata, ha chiuso in 2'18''04, amministrando il vantaggio accumulato al termine della prima manche e portando a casa il titolo più atteso. Dietro al fenomeno austriaco un fantastico Henrik Kristoffersen, autore di una clamorosa rimonta, che ha fatto segnare il miglior tempo della seconda manche (+1''27). Podio completato dal francese Alexis Pinturault (+1''31). Grande rammarico per l'italiano Riccardo Tonetti, quarto dopo la prima manche, caduto mentre era in piena lotta per una medaglia. L'azzurro è entrato lungo di linea nel muro centrale, provando ad aggredire le porte ma ha toccato con lo scarpone interno ed è uscito. 13° Manfred Moelgg, primo degli italiani, seguito da Florian Eisath. Fuori per una caduta nella prima manche Luca De Aliprandini.



    Aliprandini: "Ho preso una bella botta..."
    Grande amarezza per Luca De Aliprandini, caduto a due porte dal traguardo dopo una fantastica discesa fantastico: “'Ho preso una bella botta e mi fa abbastanza male, ma per fortuna non dovrebbe essere nulla di serio - ha detto l'azzurro -. E’ un peccato per la gara, bisogna provarci in questo tipo di gare. Vengo da un periodo un po’ strano in cui ho alternato il mio miglior risultato in Coppa del mondo ad Adelboden e il mio peggior risultato a Garmisch. Mi sentivo bene nella parte alta, mentre in quella centrale non pensavo di aver fatto così bene, quindi ho tirato perché volevo fare una bella manche e purtroppo è andata così“.

    Sci alpino, discesa donne: Vonn vola nella prima prova. Goggia quinta
    Lindsey Vonn ha reliazzato il miglior tempo nella prima prova della discesa olimpica femminmile di Jeongseon. La statunitense ha completato il percorso in 1'41"03 e precede l'austriaca Ramona Siebenhofer di 0''18, terza posizione per l'altra statunitense Alice McKennis a 0''53. Quinta posizione per Sofia Goggia a 0''70. La bergamasca su questa pista si impose in Coppa del Mondo e dopo avere archiviato il supergigante, è focalizzata sulla gara di mercoledì: "La pista è bella e simile a quella dell'anno scorso - racconta -, ci sono solo due punti dove cambia un pochino, mi sembra leggermente più lenta, è una neve da spingere a tutta e bisogna stare sul pezzo, sia nella prima traversa dove lo sci sbatte, che nella parte sotto, dove i dossi alleggeriscono tanto. Oggi ho sciato molto tranquilla, facendo le linee giuste ma senza spingere, anche dall'ultima porta al traguardo mi sono rialzata". Il resto della squadra azzurra vede Nadia Fanchini 14^ (con salto di porta), Johanna Schnarf 19^ , Federica Brignone 24^ , Nicol Delago 26^ (con salto di porta) e Marta Bassino 38^ (con salto di porta). Queste ultime due hanno affrontato l'allenamento in vista della combinata prevista venerdì 23 febbraio. Non ha preso il via Ester Ledecka, fresca vincitrice della medaglia d'oro nel supergigante di sabato. Lunedì 19 febbraio è previsto la seconda prova ufficiale sempre alle ore 11 locali, le 3 in Italia.

    Sci acrobatico, slopestyle: oro per Braaten
    Oystein Braaten ha conquistato l'oro nella finale dello slopestyle maschile di sci acrobatico. Il norvegese ha chiuso con 95 punti, frutto della run 1, precedendo lo statunitense Nick Goepper (93.60) e il canadese Alex Beaulieu-Marchand (92.40). Quarto posto per il britannico Woods (91.00), solo settimo il leader di Coppa del Mondo, lo svizzero Andri Ragettli.

    Curling uomini, vincono Svizzera e Giappone
    In attesa del match che vedrà l'Italia opposta alla Gran Bretagna (ore 12.05), si sono disputati tre match validi per il 7° turno del round robin maschile. Vittorie della Norvegia contro la Danimarca 10-8, del Giappone contro gli Stati Uniti 8-2 e della Svizzera sul Canada per 8-6.

    Hockey donne, sconfitta per la Corea
    Niente da fare per la Nazionale coreana di hockey ghiaccio femminile, che si è presentata unita a questi Giochi invernali. Al Kwandong Hockey Centre, in un match valido per i piazzamenti dal quinto all'ottavo posto, la Corea ha ceduto 2-0 alla Svizzera.

    Cio, superato il milione di biglietti venduti
    "Siamo soddisfatti per la presenza di pubblico. Per la vendita di biglietti le cifre sono eccellenti". Lo ha detto Christophe Dubin, direttore esecutivo dei Giochi Olimpici, intervenendo a una conferenza stampa al Media press centre. "Finora abbiamo avuto 692.000 spettatori totali - ha aggiunto Sung Baik You, portavoce del comitato organizzatore - ed è stato superato il milione di biglietti venduti, oltre le nostre migliori previsioni. Le temperature miti, l'assenza di vento e il bel tempo faciliteranno l'afflusso". "Sui buchi nelle tribune dello sci alpino - ha aggiunto - posso dire che il cambio date delle gare in coincidenza con il Capodanno lunare ha fatto si che molti spettatori abbiano chiesto il rimborso dei biglietti. Per i posti vuoti nei palazzetti, in particolare al pattinaggio artistico maschile, invece stiamo cercando di capire le ragioni. A volti ci sono dei posti riservati che non vengono utilizzati".

    Il Cio celebra Ester Ledecka
    "E' una storia fantastica. Adesso è lei la 'regina' dei Giochi. Se vince anche nello snowboard è ancora più incredibile". Così Mark Adams, portavoce del Cio, ha commentato la vittoria a sorpresa nel supergigante di sci alpino - valido per le Olimpiadi di Pyeongchang - della giovane ceca Ester Ledecka, ventiduenne campionessa di snowboard, che era partita con il pettorale numero 26 e ha superato per un centesimo l'austriaca Anna Veith.
    Fonte: Sport.Sky


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 18, 2018 9:44 am

    Giochi: Ledecka, una famiglia di artisti

    Papà rockstar e compositore, fratello Jonas disegnatore fumetti

    PYEONGCHANG, 18 FEB - Una canzone dedicata alla figlia prodigio. Ester Ledecka campionessa olimpica in superg ai Giochi di PyeongChang, lei che prima di tutto è una regina dello snowboard: e suo papà, Janek Ledecky, musicista molto famoso nella Repubblica Ceca, è pronto a trasferire in un nuovo brano l'emozione provata per l'oro conquistato a sorpresa dalla 22enne di Praga. "Adesso avrà anche lei tanti fan - racconta il 55enne genitore - Non ci sono parole per descrivere quanto sono orgoglioso. Questa medaglia l'ha meritata perché ha una dedizione totale allo sport. Scrivere una canzone per mia figlia? E' un'ottima idea". Ledecka, che ora cercherà di bissare l'oro ma nello snowboard, la sua prima disciplina, indossa le tute create da suo fratello Jonas, ex snowboarder, ora disegnatore di fumetti. "Ha fatto delle tute speciali sia da sci che da snowboard, con Ester in versione super eroe. Insomma una famiglia tuttofare, il fratello fa le tute, la sorella vince la gara e io scrivo la canzone".
    Fonte: Rai.It


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 18, 2018 3:33 pm

    PyeongChang 2018, doping: positivo atleta russo, fresco bronzo nel curling

    La notizia riportata dalla stampa russa. Aleksander Krushelnitckii ha da poco vinto una medaglia nel doppio con la moglie Anastasia Bryzgalovoy

    PYEONGCHANG - Un atleta russo è risultato non negativo a un test antidoping alle Olimpiadi di PyeongChang. Si tratta di Alexander Krushelnytsky, medaglia di bronzo nel curling misto insieme alla moglie Anastasia Bryzgalovoy. La notizia è stata anticipata dal sito russo Sport Express, poi confermata dalla stessa delegazione russa e da ambienti vicini al Cio.

    Il primo flacone avrebbe rilevato la presenza del meldonium, sostanza che costò la squalifica di 15 mesi a Maria Sharapova, ora si attende il risultato delle controanalisi nella notte italiana. "Oggi il quartier generale della nostra delegazione" ha confermato Konstantin Vybornov, addetto stampa della squadra, "ha ricevuto una notifica ufficiale dal Cio su una possibile violazione delle regole antidoping. Non rendiamo noto il nome dell'atleta, né lo sport prima dei risultati dell'apertura del campione B, che saranno annunciati entro 24 ore".

    La Russia è stata esclusa da questi Giochi invernali dopo lo scandalo delle manipolazioni dei test antidoping di Sochi 2014, e 169 atleti sono stati ammessi individualmente sotto la sigla OAR (Olympic Athletes from Russia) dopo aver affrontato una selezione del Cio in base a criteri di estraneità al doping. Il meldonium è stato prodotto per curare problemi cardiaci, è in vendita nei paesi dell'est ma non ha ricevuto il via libera della Food and Drug Administration negli Stati Uniti. La Wada lo ha inserito nella lista delle sostanze proibite il 1° gennaio 2016, ma è ancora aperto il dibattito, alimentato da molti scienziati, sulla reale utilità della sostanza ai fini sportivi.
    Fonte: La Repubblica


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Lun Feb 19, 2018 3:38 pm

    Olimpiadi invernali 2018, pattinatrice finisce a seno nudo

    Imbarazzo alle Olimpiadi invernali 2018. La pattinatrice francese Gabriella Papadakis aveva appena iniziato la sua esibizione in coppia, quando il costume le si è sfilato di dosso lasciandola a seno nudo di fronte all'intero stadio. Papadakis ha raccontato di essersi accorta subito di quello che stava accadendo e di aver "pregato", mentre continuava imperterrita la sua esibizione con il partner Guillaume Cizeron. Nonostante l'impasse, i due francesi sono comunque riusciti a piazzarsi secondi in vista della prova di danza di domani. "Il mio peggiore incubo alle Olimpiadi - ha detto l'atleta -. Mi sono detta 'devi andare avanti'. E' quel che abbiamo fatto, e dobbiamo essere orgogliosi, realizzare una grande performance con quel che succedeva". I due debuttanti olimpici, due volte campioni del mondo e favoriti per l'oro, hanno eseguito un numero di samba-rumba-samba sulle note di due successi di Ed Sheeran, aggiudicandosi un punteggio di 81.93, dietro i canadesi Tessa Virtue e Scott Moir che hanno ottenuto un punteggio record di 83.67. Non è il primo 'incidente' simile alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang: un gancio del costume della pattinatrice artistica sudcoreana Yura Minha ha infatti ceduto a pochi secondi dall'inizio del suo numero di coppia.
    Fonte: Quotidiano.Net


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mar Feb 20, 2018 9:26 am

    Olimpiadi invernali 2018, il programma di martedì 20 febbraio

    Cappellini-Lanotte provano la rimonta per il bronzo, staffette da medaglia per short track e biathlon. L’Italia del curling sfida la Svezia capolista e poi la Norvegia


    Anna Cappellini e Luca Lanotte.

    Anna Cappellini e Luca Lanotte ci credono. Dopo uno splendido programma corto (primato stagionale con 76.57 punti), la coppia azzurra è quinta e cerca un libero da favola sulle note da Oscar de “La Vita è bella” per coronare il sogno di centrare l’agognata medaglia olimpica, unica lacuna di un ricchissimo palmares. Se il duello per l’oro sembra un discorso ristretto ai canadesi Virtue/Moir (83.67 record mondiale nel corto) e ai francesi Papadakis/Cizeron (81.93), alle loro spalle la lotta è apertissima tra le cinque coppie che inseguono.

    All’ora di pranzo italiana poi, ci sono due staffette che vogliono far sognare. Scatterà qualche minuto prima il quartetto del biathlon nella prova mista, in cui cogliemmo il bronzo già quattro anni fa a Sochi: Lisa Vittozzi (a Sochi al suo posto c’era Karin Oberhofer), Dorothea Wierer, Lukas Hofer, Dominik Windisch. Quest’ultimo è stato il primo a centrare una medaglia per l’Italia a PyeongChang nella sprint maschile.

    Dopodiché sarà il turno del quartetto azzurro dello short track, anch’esso già di bronzo agli ultimi Giochi Olimpici. Cina, Corea del Sud e Canada saranno le avversarie dell’Italia nella lotta alle medaglie in una finale fotocopia di quella che si tenne quattro anni orsono all’Iceberg Skating Palace. Arianna Fontana e compagne sono pronte a sfrecciare un’altra volta sul ghiaccio sudcoreano.

    Ultime due partite per l’Italia del curling, che chiude la sua seconda avventura olimpica nella storia sfidando prima la capolista Svezia e poi la Norvegia.

    IL PROGRAMMA DI MARTEDI’ 20 FEBBRAIO

    FINALI
    Oggi
    PATTINAGGIO FIGURA
    Ore 2 danza libero con Cappellini/Lanotte, Guignard/Fabbri

    FREESTYLE
    Ore 2,30 (D) halfpipe

    BIATHLON
    Ore 12,15 staffetta mista con Italia

    SHORT TRACK
    Ore 12,23 staffetta (D) con Italia

    COMBINATA NORDICA
    Ore 11 e 13,45 (U) con Pittin, Runggaldier, Kostner, Buzzi

    QUALIFICAZIONI
    Oggi
    CURLING
    Ore 1,05 (U) Italia-Svezia
    Ore 6,05 (D)
    Ore 12,05 (U) Italia-Norvegia

    HOCKEY GHIACCIO
    Ore 4,10 (U,D)
    Ore 8,40 (U)
    Ore 13,10 (U)

    FREESTYLE
    Ore 5 (U) halfpipe

    COMBINATA NORDICA
    Ore 11 (U) con Pittin, Runggaldier, Kostner, Buzzi

    SHORT TRACK
    Ore 11 (U) 500 m con Confortola
    Ore 11 (D) 1000 m con Fontana, Mascitto

    BOB
    Ore 12,50 (D) due 1ᵃ e 2ᵃ manche
    Fonte: La Stampa


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mar Feb 20, 2018 9:31 am

    Sci alpino, Olimpiadi PyeongChang 2018: Stefano Gross inforca e si procura uno stiramento. Recupero lampo per lo slalom?



    Non arrivano buone notizie per lo sci alpino italiano alle Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018. Stefano Gross ha inforcato durante un allenamento, riportando uno stiramento al gluteo e all’adduttore.

    Sarà dunque corsa contro il tempo per tentare un recupero lampo in vista dello slalom di giovedì, come ha dichiarato l’altoatesino alla Fisi: “La pista sembra molto impegnativa, ci sarà da valutare un po’ la neve, che qui è spesso diversa da una pista all’altra, comunque, in genere, parecchio aggressiva. Le mie sensazioni di giorno in giorno andavano migliorando. Oggi, purtroppo, al primo giro ho fatto un’inforcata abbastanza secca che mi ha provocato uno stiramento del gluteo e dell’adduttore. Sto cercando di recuperare con la fisioterapia per riuscire a fare due giri mercoledì e per vedere se starò meglio prima della gara di giovedì“.

    Nella stagione in corso Gross non è mai riuscito a conquistare una top5 in Coppa del Mondo, concludendo però per sette volta tra i migliori dieci (City Event inclusi).

    In slalom saranno presenti anche Manfred Moelgg, Riccardo Tonetti ed il giovane Alex Vinatzer, reduce dall’argento ai Mondiali juniores tra i rapid gates.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    Kim Winchester
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 58832
    Data d'iscrizione : 01.08.13
    Località : Lawrence, Kansas

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Kim Winchester il Mar Feb 20, 2018 1:54 pm

    L’Italia ha vinto la medaglia d’argento nella staffetta dello short track alle Olimpiadi invernali
    Lucia Peretti, Arianna Fontana, Cecilia Maffei e Martina Valcepina sono arrivate seconde dopo le squalifiche di Cina e Canada

          

    La squadra italiana del pattinaggio short track femminile formata da Lucia Peretti, Arianna Fontana, Cecilia Maffei e Martina Valcepina ha vinto la medaglia d’argento nei 3.000 metri di staffetta all’Alpensia Biathlon Centre di Pyeongchang. La medaglia d’argento è arrivata dopo la squalifica delle squadre cinese e canadese per delle irregolarità avvenute nel corso della gara. L’oro è andato alla Corea del Sud, il bronzo ai Paesi Bassi.


    Con l’argento di oggi, Arianna Fontana ha ottenuto la sua seconda medaglia ai Giochi coreani e la sua settima olimpica nello short track, che la rende ufficialmente l’atleta donna con più medaglie olimpiche nella storia della disciplina (1 0ro, 2 argenti, 4 bronzi). È inoltre la terza volta negli ultimi dodici anni che la staffetta femminile dello short track sale sul il podio olimpico. Per l’Italia invece è la settima medaglia alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang, la seconda d’argento.


    Fonte: Il Post


    _________________

    Un MegaBacio alla mia cara APUMA, la mia Mishamiga ORANGE!   


     Improvise, adapt, and overcome!  
    avatar
    Kim Winchester
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 58832
    Data d'iscrizione : 01.08.13
    Località : Lawrence, Kansas

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Kim Winchester il Mar Feb 20, 2018 2:07 pm

    Olimpiadi, la staffetta mista azzurra del biathlon vince il bronzo



    Vittozzi, Wierer, Hofer e Windisch eguagliano il 3°posto di Sochi: è l'ottava medaglia dell'Italia. Oro alla Francia (per Fourcade è il terzo), argento alla Norvegia. Giallo per il ricorso tedesco


    Eguagliamo il bronzo di Sochi 2014 dopo una gara straordinaria dove abbiamo sognato di arrivare primi e pure avuto l'incubo di stare giù dal podio. Un altro bronzo, quello che ci fa capire di poter stare nell'elite del biathlon. L'oro va alla Francia trascinata da Fourcade, per lui terzo successo in queste Olimpiadi, l'argento alla Norvegia staccata di 20"9 e poi noi a 26"9 . Quattro anni fa finimmo dietro a Norvegia e Repubblica Ceca. Allora fu la settima medaglia, cabala gratificante prima di cominciare e dopo aver ricordato che il nostro medagliere qui in Corea era fermo a sei prima di oggi. Ora è l'ottava perché nel frattempo è arrivato l'argento della staffetta di short track. E arriva tra i brividi: la Germania fa ricorso, Windisch avrebbe tagliato la strada a Pfeiffer. Il cambio di corsia in effetti c'è, ma l'azzurro sembra avere la luce necesaria per farlo. La pensa così anche la giuria che dopo venti minuti conferma il risultato. E la gioia azzurra espolde di nuovo.



    E allora rivediamola la gara. Sei chilometri per Vittozzi e Wierer, 7,5 invece per Hofer e Windisch. Due spari a testa, in piedi e proni. Al primo poligono è uno spettacolo Lisa Vttozzi, veloce e precisa: zero penalità e di nuovo in piedi con 5"8 di vantaggio sul Kazakistan e 6"2 sulla Francia. Gruppo di quattro, secondo poligono e la ragazza di Pieve di Cadore è un'altra volta infallibile. Una furia se non si trattasse di colpi di fucile.  Resistono Germania e Francia: al primo cambio, è il turno della Wierer che non è da meno della sua compagna: zero penalità al primo poligono. Se ne va con la tedesca Dahlmeier alle costole, ma intanto semina la francese Bescond. Dopo la terza piazzola Italia, Germania incollate, più staccata la Francia. Quarta, prima giù dal podio virtuale, la Bielorussia a 24"6. Ci illudiamo e il secondo tiro congela gli entusiasmi, Wierer  ne sbaglia due, con la prima ricarica è un fulmine ma con la seconda un po' meno. La  Germania vola via, Dorothea molla un po' nella sciata e cambia con 29"9 di ritardo dai tedeschi e con poco più di 3" di vantaggio sulla Bielorussia. Tocca agli uomini, in pista Hofer, talento puro ma facile all'emozione: non succede allo sparo da  terra. Pulito. Germania avanti di 33", noi ci teniamo la Bielorussia a 18. La pista è un serpentone nel bosco, si sentono le urla di incitamento dei tecnici azzurri, tensione molto alta. Hofer  ne scentra uno, si rifà con la ricarica ma ci facciamo superare dalla Francia. Due trenini, noi e  <i cugini>; la Norvegia con la Bielorussia.


    Si cambia da secondi, è tutto nelle gambe, nel cuore e della mira di Dominik Windisch, già medaglia di bronzo nella sprint. La  Francia mette in campo le roi Fourcade, la Norvegia Svendsen. Siamo in tre per due medaglie. Windisch ne sbaglia uno, la Francia se ne va a caccia della Germania e comincia un'altra gara.  Decide l'ultimo poligono: Windisch non è precisom due errori e li rimedia subito, il tedesco Pfeiffer si imbarca, Francia, Norvegia e Italia, Ma la Germania è incollata. Lo sforzo di Windisch  per  staccarsi  non dà esito, i muscoli vanno ma gli sci un po' meno e allora l'azzurro scivola quarto. Si va allo sprint: Windisch come un falco piomba su Pfeiffer e se lo mangia. Può urlare al cielo la sua gioia. Sua e di tutta la staffetta.




    Fonte: La Stampa


    _________________

    Un MegaBacio alla mia cara APUMA, la mia Mishamiga ORANGE!   


     Improvise, adapt, and overcome!  
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mer Feb 21, 2018 9:44 am

    Olimpiadi invernali 2018. Kim Jong-un oro in propaganda, ma i nordcoreani sono tutti ultimissimi

    Il modello è la Ddr. Le voci sulle punizioni agli atleti. Storicamente la Corea del Nord ha conquistato solo due medaglie. A Pyeongchang si salvano solo i pattinatori di figura

    La decisione di mandare ai Giochi un gruppone di 550 musiciste, majorettes, la sorella, il novantenne presidente onorario e 22 atleti ha fatto conquistare a Kim Jong-un l’alloro olimpico in almeno due specialità: geopolitica e propaganda. Ma ora, come per tutte le nazionali, è tempo di bilanci sul campo e le prestazioni dei campioni venuti dal Nord non sono state proprio brillantissime. Sono arrivati tutti ultimissimi, ad eccezione della coppia di pattinatori di figura. E sulla stampa americana (tv Fox News in testa) riprendono a circolare voci incredibili su feroci punizioni al rientro in patria.

    Di certo, oltre che essere personalmente un grande sportivo (da divano davanti alla tv), Kim ha ordinato ai suoi gerarchi di trasformare la Nord Corea in potenza dello sport. Vorrebbe replicare il modello Germania orientale, che faceva incetta di medaglie olimpiche d’estate e d’inverno. Pyongyang ha anche lanciato un canale televisivo all-sport per far conoscere al «felice popolo» le specialità ginniche. In un discorso del 2015 il supremo Maresciallo proclamò: «Entriamo in una nuova età dell’oro, applichiamo il nostro spirito rivoluzionario allo sport perché solo vittorie alle Olimpiadi e ai campionati mondiali possono far sventolare la bandiera della nostra Repubblica popolare nei cieli di altri Paesi in tempo di pace».

    Secondo le testimonianze di atleti nordcoreani fuggiti, gli allenamenti in Sud Corea sono una passeggiata rispetto al rigore del Nord. Choi Hyun-mi, pugile, ricorda regimi di preparazione brutali, affrontati da quando fu selezionata all’età di 11 anni come probabile olimpionica per Pechino 2008. «Tutto era competizione, cercavamo di eliminarci l’una con l’altra, ci svegliavamo prima dell’alba per allenarci più della compagna di branda. Quando si faceva la doccia, l’ultima a finire doveva pulire e la prima che arrivava a mensa cercava di mangiare il più possibile, anche le razioni delle altre».

    Però, la Nord Corea con i suoi 25 milioni di abitanti e i suoi atleti statali, in nove Olimpiadi invernali, da Innsbruck 1964, ha conquistato solo un argento e un bronzo. La Germania Est, che aveva 16 milioni di abitanti, fu in testa al medagliere ai Giochi di Sarajevo 1984, e seconda in altre quattro edizioni. Risultati dei ragazzi di Kim a Pyeongchang: in finale, 13esimi solo la coppia del pattinaggio di figura. La squadra unificata di hockey femminile, «rinforzata» da 12 nordiste, ha perso sempre, miglior risultato l’1-4 subito dal Giappone. Nello short-track Choe Un Song è caduto goffamente in allenamento il primo giorno ed è arrivato ultimo nella sua manche di qualificazione dei 1.500. Nello sci Kim Ryon Hyang è arrivata 54esima su 54 nello slalom e 67esima su 67 nel gigante. Nella 10 km cross country Ri Yong Gum 89esima su 90. Nel gigante maschile Choe Myong Gwang ha evitato l’ultima posizione, 74esimo e penultimo. Davanti al connazionale Kang, posizione 75. Ieri sera, nella batteria dei 500 short-track il nordcoreano Jong è caduto faccia a terra due volte. Fine dell’avventura.

    Il Maresciallo si sarà roso il fegato davanti alla tv? Medita davvero di punire i suoi sportivi? Nel 1966 si disse che gli eroici calciatori che avevano battuto gli azzurri di Fabbri a Middlesbrough e sfiorato l’impresa nei quarti con il Portogallo di Eusebio, finirono comunque in campo di lavoro per non aver portato a casa la Coppa Rimet. Sono solo assurde sciocchezze della propaganda sudista, dicono i profughi sportivi come la pugile Choi. Arrivederci a Tokyo 2020 allora, sempre che Kim non si appassioni di nuovo alla specialità non olimpica del lancio di missili.
    Fonte: Il Corriere della Sera


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    Kim Winchester
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 58832
    Data d'iscrizione : 01.08.13
    Località : Lawrence, Kansas

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Kim Winchester il Mer Feb 21, 2018 10:05 am

    Olimpiadi, Goggia oro storico in discesa. Argento Mowinckel, bronzo Vonn



    Sofia regala all'Italia la prima medaglia più preziosa nella discesa femminile a cinque cerchi. E' il nono podio azzurro a PyeongChang. La Brignone cade ma stanotte farà la combinata.





    Immensa Sofia Goggia. È oro olimpico in discesa, il primo femminile per l'Italia nella specialità più prestigiosa, il secondo dopo quello di Zeno Colò a Oslo 1952. A Jeongseon, in una giornata che passerà alla storia, la bergamasca ha preceduto di 9/100 la norvegese Ragnhild Mowinckel e di 47/100 la statunitense Lindsey Vonn, in un ideale passaggio di consegne tra regine della velocità. È il giorno di gloria della più coraggiosa delle azzurre, quella delle "goggiate", quella che di natura rischierebbe sempre tutto e che nelle ultime due stagioni ha costruito, grazie all'enorme e paziente lavoro degli allenatori azzurri, una stabilità tecnica su cui poggiare le sue vittorie. È, anche, il trionfo di una ragazza che allo sci affianca mille altri interessi, che cita i classici e viaggia nel mondo, una polivalente nella vita.



    LA GARA — L'Italia dello sci torna a festeggiare un oro dopo quello di Giuliano Razzoli in slalom nel 2010. Per l'azzurra, già bronzo iridato in gigante nella scorsa stagione a St Moritz, è il coronamento di due stagioni eccezionali, che l'hanno vista esplodere fino a conquistare venti podi in Coppa e quattro vittorie, dopo aver passato anni a combattere con gli infortuni e la sfortuna. Dopo la delusione del superG, in cui aveva buttato via una medaglia sicura per un errore nella parte centrale, la bergamasca ha avuto la forza di mantenere la fiducia e di trovare l'aspetto positivo in quella giornata. In pista l'azzurra ha costruito la propria vittoria nella parte centrale del tracciato, dove ha disegnato linee coraggiose mantenendo un'altissima velocità. Partita con il pettorale 5, al traguardo ha fatto un sorriso di soddisfazione, che si è allargato man mano che le avversarie scendevano e le arrivavano alle spalle. Prima tra tutte Lindsey Vonn, partita con il pettorale 7: l'americana, con tutta probabilità all'ultima olimpiade, al traguardo ha indicato l'azzurra nell'angolo del leader, un gioco che le due, dominatrici della stagione, portano avanti dalla scorsa stagione. Poi tra le due è arrivato l'abbraccio. La sola ad aver messo davvero a rischio l'oro della bergamasca è stata Ragnhild Mowinckel: già argento in gigante, la norvegese era in vantaggio nei primi tre intermedi (0"07 al terzo) e all'ultimo rilevamento aveva solo 4/100 di ritardo. Al traguardo ha pagato 9/100.

    LE ALTRE AZZURRE — Sono uscite Federica Brignone,, Nadia Fanchini e Nicol Delago. Federica Brignone, vittima di una caduta nella parte alta del tracciato, è stata portata precauzionalmente a fare degli esami per una "tirata" al ginocchio sinistro: per fortuna si tratta solo di una botta. La valdostana ha possibilità di podio nella combinata di questa notte sarà regolarmente al via. Buone notizie anche sul fronte maschile Stefano Gross, che aveva riportato uno stiramento all'adduttore in allenamento, stanotte dalle 2.15 sarà al cancelletto per lo slalom maschile.

    Fonte: La gazzetta dello Sport


    _________________

    Un MegaBacio alla mia cara APUMA, la mia Mishamiga ORANGE!   


     Improvise, adapt, and overcome!  
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mer Feb 21, 2018 2:55 pm

    Olimpiadi Invernali Pyeongchang 2018: il medagliere e tutti i podi di mercoledì 21 febbraio. Sofia Goggia ci regala l’oro!

    Proseguono le gare alle Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018: di seguito tutti i podi e i risultati delle gare di mercoledì 21 febbraio.

    SCI ALPINO:
    Discesa libera femminile:

    1) Sofia Goggia (Italia)
    2) Ragnhild Mowinckel (Norvegia)
    3) Lindsey Vonn (USA)

    SCI FREESTYLE:
    Ski cross maschile:

    1) Brady Leman (Canada)
    2) Marc Bischofberger (Svizzera)
    3) Sergey Ridzik (OAR)

    HOCKEY:
    Femminile:

    La Finale per l’oro è in programma domani: Canada vs USA
    3) Finlandia

    SCI DI FONDO:
    Team sprint femminile:

    1) USA
    2) Svezia
    3) Norvegia

    SCI DI FONDO:
    Team sprint maschile:

    1) Norvegia
    2) OAR
    3) Francia

    SPEED SKATING:
    Staffetta femminile:

    1) Giappone
    2) Paesi Bassi
    3) USA

    SPEED SKATING:
    Staffetta maschile:

    1) Norvegia
    2) Corea del Sud
    3) Paesi Bassi

    BOB:
    Bob a femminile:

    1)Buckwitz/Jamanka (Germania)
    2) Meyers Taylor/Gibbs (USA)
    3) Humphries/George (Canada)

    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Gio Feb 22, 2018 9:42 am

    Olimpiadi invernali 2018: slalom maschile vince Myhrer, italiani delusi

    Furi nella prima manche il favorito Hirscher, nella seconda sbaglia pure Kristoffersen. Ma Moeelgg quarto nella prima manche non ne approfitta e finisce dodicesimo

    Doppia sorpresa nello slalom maschile olimpico, vinto dallo svedese Myhrer sullo svizzero Zenhausern e l’austriaco Matt. Il favoritissimo Marcel Hirscher è uscito già nella prima manche, quando peraltro era in ritardo rispetto al norvegese Kristoffersen, destinato a vincere la prima manche. La seconda sorpresa riguarda proprio il giovane talento “norge”: è saltato nella seconda discesa ed è come se avesse sbagliato un gol a porta vuota; quante altre volte, infatti, capiterà che Hirscher non completi la gara e non lo faccia da dominatore? Marcel, tra l’altro, ha compromesso una occasione storica: quella di eguagliare le tre medaglie d’oro in una edizione dei Giochi conquistate da Toni Sailer, Jean Claude Killy e Janica Kostelic. A Pechino 2022, casomai decida di arrivare, potrà riprovarci. Intanto potrebbe partecipare, sabato 24, al Team Event, dove l’Austria è tra le favorite.

    Male l’Italia
    Purtroppo anche lo slalom ha detto malissimo sul fronte maschile dell’Italia dello sci. Annotiamo l’ennesima delusione e le zero medaglie della spedizione. Mafred Moelgg ci è però andato vicino: dopo la prima manche era quarto, a sei centesimi dalla virtuale medaglia di bronzo. Ma nella discesa bis Manfred è andato pianissimo e ha concluso dodicesimo. Saltati Tonetti e il giovanissimo Vinatzer, l’Italia ha mandato al traguardo un solo altro atleta, Stefano Gross: si è piazzato sedicesimo. Per lui l’attenuante di uno stiramento muscolare rimediato in allenamento, ma visti i risultati della stagione difficilmente lo avremmo visto emergere.
    Fonte: Il Corriere dello Sport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    Kim Winchester
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 58832
    Data d'iscrizione : 01.08.13
    Località : Lawrence, Kansas

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Kim Winchester il Gio Feb 22, 2018 12:02 pm

    Olimpiadi 2018, short track: Fontana di bronzo nei 1000 metri
    Terza medaglia per la nostra portabandiera a Pyeongchang





    Ancora Arianna Fontana, la nostra portabandiera concede il tris alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018! Dopo l'oro nei 500 metri e l'argento nella staffetta 3000 metri, vinta anche la medaglia di bronzo nella gara dei 1000 metri di short track: l'azzurra, con il tempo di 1'30''656, ha chiuso davanti alle coreane Choi e Shim (che si sono eliminate a vicenda) ma dietro all'olandese Schulting (1'29''778) e alla canadese Boutin (1'29''956). Per la Fontana è l'ottava medaglia olimpica, per l'Italia la decima in questi Giochi Olimpici



    "Sapevo che tra le coreane non ci fosse buon feeling - le parole della Fontana - non mi aspettavo l'olandese così forte: ho voluto aspettare la fine per fare piccoli sorpassi un po' alla volta. Questo bronzo vale tantissimo perché arriva nella distanza in cui faccio più fatica: incredibile". Così sul futuro: "Io alla prossima Olimpiade? Quattro anni sono lunghi, non ho ancora pensato a cosa farò. Deciderò a tempo debito". Il conto delle medaglie sale a otto: "Dopo Sochi non avrei mai pensato di rifare un'Olimpiade così, ce l'ho fatta e sono davvero soddisfatta. Sono state due settimane incredibili, c'è ancora un po' di rammarico per i 1500 metri ma fare quattro finali era il mio obiettivo".

    Fonte: PremiumSportHD


    _________________

    Un MegaBacio alla mia cara APUMA, la mia Mishamiga ORANGE!   


     Improvise, adapt, and overcome!  
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Gio Feb 22, 2018 6:43 pm

    MEDAGLIERE 22 Febbraio 2018.


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Feb 23, 2018 9:28 am

    Pattinaggio artistico, Olimpiadi Invernali PyeongChang 2018: Carolina Kostner, niente magia. La Regina è quinta, trionfa Alina Zagitova!



    La magia non è riuscita a una monumentale Carolina Kostner. La Regina del Ghiaccio era chiamata a una rimonta leggendaria per recuperare dalla sesta posizione con cui aveva concluso il programma corto ma nel libero commette qualche sbavatura di troppo e non riesce a risalire la china. La missione medaglia era quasi impossibile per la più grande pattinatrice italiana di tutti i tempi e alle Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018 si è dovuta accontentare della quinta posizione (212.44 il punteggio complessivo, 139.29 nel segmento di gara con ben 75.65 di components).

    La 31enne inseguiva una medaglia che sarebbe stata leggendaria, sarebbe diventata una delle meno giovani capaci di salire sul podio a cinque cerchi nel pattinaggio artistico ma sul ghiaccio sudcoreano non c’è stato nulla da fare. Non sono bastate la classe, l’eleganza e l’espressività per permettere all’altoatesina di conquistare la seconda medaglia olimpica dopo il bronzo di Sochi 2014. Alla sua quarta partecipazione ai Giochi, Carolina è comunque riuscita a incantare e ha emozionato per l’ennesima volta anche se il risultato finale non è probabilmente quello che si aspettava. Da Torino 2006 (dove è stata la nostra portabandiera) è sulla cresta dell’onda: ci ha regalato gioie, medaglie, trionfi a cui non eravamo abituati. Quella di oggi potrebbe essere stata l’ultima recita olimpica per Carolina che potrebbe pensare al ritiro ma nell’imminente futuro ci sono i Mondiali di Milano.

    La Kostner, esibitasi sulle note de L’apres-midi d’un faune di Debussy, ha purtroppo messo le mani a terra sul triplo flip e l’atterraggio dal triplo toe-loop non è stato dei migliori, il triplo lutz si distingue per la sua unicità tecnica, brava sulle trottole ma le avversarie si sono rivelate complessivamente superiori in una finale dall’altissima caratura tecnica.

    Alina Zagitova è la nuova Campionessa Olimpica. La 15enne russa, fresca Campionessa d’Europa, è riuscita a battere la connazionale Evgenia Medvedeva al termine di un duello al cardiopalma. La Campionessa del Mondo è scesa sul ghiaccio per ultima, doveva recuperare 1.31 punti alla rivale ma non ci è riuscita: ha infatti realizzato lo stesso punteggio della compagna nel libero e si è così arresa. Finisce 239.57 a 238.26 in favore della millennial che si consacra e conferma la propria imbattibilità stagionale regalando agli atleti Olimpici di Russia la prima medaglia d’oro in questa difficile edizione dei Giochi.

    La medaglia di bronzo finisce al collo della canadese Kaetlyn Osmond che ha eseguito un programma libero davvero straordinario: oggi la nordamericana non ha sbagliato nulla (78.87 nel segmento) e con un complessivo 231.02 è riuscita a battere la giapponese Satoko Miyahara (222.38). La 22enne, vicecampionessa del mondo in carica, è riuscita così a conquistare la prima medaglia individuale ai Giochi ma si tratta della terza complessiva visto che la scorsa settimana aveva vinto l’oro nel team event migliorando l’argento di Sochi 2014.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Feb 23, 2018 9:33 am

    Sci alpino, Olimpiadi Invernali PyeongChang 2018: si chiude con il Team Event! L’Italia prova a stupire



    Si chiude domani il programma dello sci alpino alle Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018. Sarà una chiusura, però, con una prima volta assoluta, visto che si disputerà il Team Event, disciplina che non ha mai assegnato medaglie olimpiche nelle edizioni precedenti.

    Un format diverso rispetto al solito e anche avvincente: le nazioni partecipanti si sfideranno secondo un tabellone ad eliminazione diretta, dagli ottavi fino alla finale. All’interno di ogni scontro, poi, ci saranno quattro sfide singole di slalom parallelo. Ogni squadra, infatti può schierare quattro atleti, due uomini e due donne, che si sfideranno in quattro sfide uno contro uno (donne contro donne e uomini contro uomini). A passare il turno sarà il team che avrà vinto più run e in caso di parità sarà il tempo totale a decretare la vincitrice.

    Svezia grande favorita per la vittoria finale, vista la straordinaria abilità di alcuni suoi atleti nel parallelo. Inoltre la nazionale scandinava arriva anche dai due ori in slalom di Frida Hansdotter e André Myhrer e vuole fare tripletta. Svezia che aveva vinto proprio lo scorso anno nelle finali di Aspen davanti alla Germania e alla Francia, altra nazione molto competitiva e che ha vinto la medaglia d’oro agli ultimi Mondiali. Non vanno ovviamente dimenticati la Svizzera, gli Stati Uniti, l’Austria e tra le possibili sorprese può spuntare la Slovacchia, già argento lo scorso anno nella rassegna iridata.

    Ci sarà anche l’Italia, ma questo è un format di gare che non ha mai dato grandi soddisfazioni ai colori azzurri. Il quartetto sarà composto da Irene Curtoni, sicuramente la miglior specialista (terzo posto nel parallelo di Courchevel), Chiara Costazza, Riccardo Tonetti ed Alex Vinatzer. Spicca ovviamente la scelta del giovane 18enne, che avrà l’occasione di rifarsi dopo l’uscita nello slalom e di fare ancora più esperienza a livello olimpico.
    L’Italia ha chiuso al quarto posto ad Aspen, mentre ai Mondiali è arrivato il ko ai quarti contro la Slovacchia. La speranza è avere un buon tabellone e anche un po’ di fortuna nel corso della gara.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Sab Feb 24, 2018 10:03 am

    Olimpiadi invernali 2018, Ester Ledecka da leggenda: 2 ori in 2 sport agli stessi Giochi

    Con la vittoria nello slalom gigante parallelo di snowboard la ceca, che aveva già trionfato nel superG dello sci alpino, diventa la prima a trionfare in più discipline

    Bis d’oro in due sport diversi per la ceca Ester Ledecka e automatico ingresso nella leggenda. La 22enne atleta originaria di Praga dopo aver vinto a sorpresa l’oro in supergigante (sci alpino), oggi sulle nevi di Phoenix Snow Park a PyeongChang ha conquistato anche quello dello slalom gigante parallelo (snowboard). In finale la Ledecka ha preceduto di 46 centesimi la tedesca Selina Joerg.

    Lo snowboard è lo sport che Ester pratica da più anni. Nella storia olimpica esiste un precedente con un atleta capace di vincere ben tre ori nella stessa edizione dei Giochi invernali. Bisogna ritornare indietro al 1924 alle Olimpiadi di Chamonix quando il norvegese Thorleif Haug vinse sia nello sci nordico (nella 18 e 50 chilometri) che nella combinata nordica.
    Fonte: Il Corriere della Sera


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 25, 2018 9:17 am

    Perché la Norvegia va così forte alle Olimpiadi invernali?

    Ha poco più di 5 milioni di abitanti, ma è la più vincente di Pyeongchang e della storia delle Olimpiadi invernali: c'entra il suo approccio “socialista” allo sport


    Il norvegese Haavard Lorentzen festeggia l'oro vinto nei 500 metri del pattinaggio di velocità

    La delegazione norvegese si è presentata alle Olimpiadi Invernali di Pyeongchang come una delle favorite per il primo posto nel medagliere finale e con l’obiettivo di ottenere 30 medaglie, tra cui almeno 10 d’oro. A un giorno dal termine delle gare è prima e il suo medagliere conta già 38 medaglie complessive — dieci in più della Germania, seconda classificata — e 13 ori. Con ogni probabilità, nelle ultime 48 ore di Pyeongchang 2018 gli atleti norvegesi riusciranno a raggiungere 40 medaglie olimpiche, 14 in più di quelle ottenute in Russia quattro anni fa: sarebbe il primo paese a riuscirci nella storia dei Giochi invernali.

    Un risultato straordinario e oltre ogni previsione, poiché pur trattandosi di un paese scandinavo in cui gli sport invernali sono le attività più diffuse e praticate, la Norvegia non raggiunge nemmeno i 6 milioni di abitanti e il budget assegnato ogni anno alle sue federazioni sportive non è nemmeno paragonabile a quello dei grandi paesi europei e nordamericani: è un decimo di quello britannico, per esempio.

    Nel medagliere complessivo di tutte le edizioni dei Giochi olimpici invernali aggiornato al termine di Sochi 2014, la Norvegia è al primo posto con un totale di 329 medaglie. Gli Stati Uniti, secondi, ne hanno 281. I successi norvegesi negli sport invernali non sono quindi una novità. Il paese scandinavo vanta i più grandi atleti della storia, alcuni dei quali sono presenti a Pyeongchang. Come Marit Bjørgen, la “regina dello sci di fondo”. A 37 anni e alla quinta Olimpiade in carriera, il suo obiettivo in Corea del Sud era quello di superare il connazionale Ole Einar Bjørndalen, l’atleta più vincente nella storia dei Giochi olimpici invernali, che vanta tredici medaglie di cui otto d’oro (tutte nel biathlon). Ci è riuscita: ha vinto due bronzi, un argento e un oro, arrivando a 14 medaglie olimpiche in carriera.


    Maiken Caspersen e Marit Bjorgen con i bronzi vinti nella sprint classica dello sci di fondo.

    Ma oltre allo sci di fondo, dove la Norvegia è in testa al medagliere, i suoi atleti hanno vinto medaglie in quasi ogni altra disciplina. Hanno occupato interamente alcuni podi e vinto le gare più importanti e attese delle Olimpiadi. Hanno ottenuto risultati sorprendenti nelle prove in cui non erano favoriti e sono in testa anche nel medagliere del salto con gli sci. Il successo dell’Olimpiade sudcoreana — influenzato anche dall’esclusione di molti atleti russi — è da imputare principalmente al sistema messo in piedi negli anni dal comitato olimpico norvegese, che risulta particolare per molti aspetti.

    Con il costante miglioramento delle strutture e dei collegamenti con i centri abitati, si stima che in Norvegia il 93 per cento dei ragazzi sotto i 12 anni pratichino regolarmente per più di un anno degli sport invernali. Fino a quell’età non viene richiesto loro niente, per quanto riguarda i risultati, e possono praticare gli sport con il solo scopo ricreativo nei circa 11.000 club sportivi sparsi per il paese. Il comitato olimpico e le federazioni si limitano a renderli sempre accessibili a tutti. Superati i 12 anni di età, i ragazzi più talentuosi e promettenti passano sotto la supervisione dell’organizzazione Olympiatoppen, che ha il compito di formare i migliori atleti norvegesi e mette a loro disposizione preparatori, allenatori e tecnologie avanzate nelle sue diverse sedi.


    Kjetil Jansrud e Aksel Lund Svindal, argento e oro nella discesa libera.

    Fin qui nulla di così particolare: soltanto un sistema perfezionato negli anni che fornisce a tutti i ragazzi uguali possibilità di successo, come succede anche in altri paesi. Il successo della Norvegia alle Olimpiadi è reso unico da una visione “socialista” dello sport, come ha recentemente spiegato al Guardian Morten Aasen, ex atleta olimpico che ora ha un incarico nel comitato olimpico nazionale: «Siamo un paese ricco ma crediamo nel modo socialista di fare le cose. Il successo arriva dal lavoro intenso e dallo stare assieme».

    Per gli sport olimpici estivi e invernali norvegesi il budget complessivo annuale è di poco più di 11 milioni di euro. Per fare un paragone, nell’ultima ripartizione dei fondi il Comitato Olimpico Nazionale Italiano ha distribuito 145 milioni di euro. Fra gli sport invernali, la Norvegia non stanzia alcun finanziamento per bob, skeleton e slittino, discipline ritenute troppo costose anche per partecipazioni olimpiche senza particolari ambizioni. I premi e i rimborsi spese sono minimi, e infatti molti degli atleti presenti a Pyeongchang hanno un’attività lavorativa che nel corso dell’anno affiancano agli allenamenti e alle competizioni.


    Havard Bokko, Sindre Henriksen, Simen Spieler Nilsen e Sverre Lunde Pedersen con l’oro vinto nel pattinaggio di velocità.

    Dalla riduzione dei costi deriva anche il concetto di cameratismo spesso citato da atleti e dirigenti. Per le trasferte estere o per i ritiri, le varie delegazioni norvegesi sono solite prenotare alloggi poco costosi e stanze in grado di contenere più persone, e questo vale anche per gli atleti più vincenti e famosi. Alcuni compagni di squadra arrivano a condividere stanze da letto per 250 giorni all’anno, motivo per cui l’aspetto verso cui i dirigenti prestano maggior attenzione è il comportamento degli atleti: talvolta basta anche un solo episodio spiacevole o controverso per essere allontanati dal gruppo. «Pensiamo che non ci sia nessuna buona spiegazione sul perché una persona debba comportarsi da stronzo per essere un buon atleta. Non avremo mai quel tipo di cose nella nostra squadra» ha detto qualche giorno fa Kjetil Jansrud, medaglia d’argento nella discesa libera e bronzo nel supergigante.
    Fonte: Il Post


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 25, 2018 9:37 am

    Cos’è successo nell’ultima giornata di Olimpiadi invernali

    Che è già finita: la Germania ha superato per qualche ora la Norvegia nel medagliere, poi è arrivata la “regina dello sci di fondo


    La squadra di hockey degli atleti olimpici russi festeggia l'oro vinto in finale contro la Germania.

    L’ultima giornata di gare dei XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang è già finita. Le uniche quattro gare in programma si sono tenute nella notte e nelle prime ore del mattino. La Germania, con l’oro e l’argento vinto nel bob-a-quattro e poi con l’argento nell’hockey maschile, ha superato per qualche ora la Norvegia in testa al medagliere. Ma nell’ultima gara delle Olimpiadi di Pyeongchang, la 30 chilometri di tecnica classica con partenza in linea dello sci di fondo, la norvegese Marit Bjørgen, che nel corso della manifestazione è diventata l’atleta più vincente nella storia dei Giochi invernali, ha vinto il suo secondo oro in Corea del Sud. È arrivata così a 15 medaglie olimpiche personali, e ha riportato definitivamente la Norvegia al primo posto del medagliere con 39 medaglie complessive: un risultato storico e oltre ogni aspettativa per il paese scandinavo.

    Dalle 11 alle 14, presso lo Stadio Olimpico di Pyeongchang, si terrà la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi coreane, che si concluderà con il passaggio di consegne tra il comitato organizzatore coreano e quello di Pechino 2022, dove si terrà la prossima edizione. Ci sarà poi la consueta sfilata delle delegazioni che vi hanno partecipato, e per l’Italia la portabandiera sarà la pattinatrice Carolina Kostner, che a Pyeongchang ha disputato probabilmente la sua ultima Olimpiade.

    Ore 1.05 (CET)
    Curling – Finale (femminile)
    Gangneung Curling Arena

    La finale femminile del curling è stata vinta dalla Svezia, che ha battuto 8-3 la squadra sudcoreana. In questo modo la Svezia ha rimediato all’oro perso a sorpresa ieri nella finale maschile, che invece è andato agli Stati Uniti.

    Ore 2.30
    Bob – Bob a quattro
    Jeongseon Alpine Centre

    Sono arrivate altre due medaglie per la Germania, che ora è al primo posto nel medagliere della disciplina con 3 ori e 1 argento. Nella prova finale del bob-a-quattro due squadre tedesche si sono piazzate al primo e al secondo posto. Terza è arrivata la squadra sudcoreana. Le due medaglie vinte stanotte hanno permesso alla Germania di sorpassare temporaneamente la Norvegia in testa al medagliere.


    I tedeschi Thorsten Margis, Martin Grothkopp, Candy Bauer e Francesco Friedrich con l’oro vinto nel bob.

    Ore 5.10
    Hockey su ghiaccio – Finale (maschile)
    Gangneung Hockey Centre

    La squadra degli atleti olimpici russi ha battuto 4-3 la Germania ed è tornata alla vittoria in un torneo olimpico per la prima volta da Albertville 1992 (anche allora non si chiamava Russia ma “Squadra Unificata ai Giochi olimpici”). Per la Russia è la nona medaglia olimpica nell’hockey e la settima d’oro nella storia dei Giochi invernali: solo il Canada ne ha vinte di più.


    Gli atleti russi cantano l’inno dopo la vittoria del torneo olimpico.

    Ore 7.15
    Sci di fondo – Mass start 30 chilometri classico (femminile)
    Alpensia Biathlon Centre

    Ha vinto la norvegese Marit Bjørgen, la “regina dello sci di fondo”. A 37 anni e alla quinta Olimpiade in carriera, il suo obiettivo in Corea del Sud era quello di superare il connazionale Ole Einar Bjørndalen, l’atleta più vincente nella storia dei Giochi olimpici invernali, che vanta tredici medaglie di cui otto d’oro (tutte nel biathlon). Ci era già riuscita: aveva vinto due bronzi, un argento e un oro, arrivando a 14 medaglie olimpiche in carriera. Questa notte ha vinto un altro oro, per un totale di 15 medaglie olimpiche in carriera di cui cinque vinte a Pyeongchang. La medaglia d’argento è andata alla finlandese Krista Parmakoski, il bronzo alla svedese Stina Nilsson.


    Marit Bjørgen taglia il traguardo con la bandiera norvegese.
    Fonte: il Post


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 25, 2018 2:58 pm

    Olimpiadi invernali 2018: il medagliere finale

    Nessun paese ha mai vinto tante medaglie quante ne ha vinte la Norvegia in Corea del Sud; l'Italia ha chiuso dodicesima e può dirsi soddisfatta


    Il canadese Samuel Girard con la medaglia d'oro vinta nel pattinaggio di velocità.

    Le ultime gare delle Olimpiadi di Pyeongchang si sono tenute questa notte e hanno chiuso definitivamente il medagliere dei XXIII Giochi olimpici invernali. Lo ha vinto la Norvegia, che con 39 medaglie ha superato il record di 37 medaglie stabilito dagli Stati Uniti a Vancouver nel 2010: un risultato storico e oltre ogni aspettativa per il paese scandinavo. Per la prima volta nella storia dei Giochi invernali inoltre, trenta diversi paesi hanno ottenuto delle medaglie.

    Il paese ospitante, la Corea del Sud, ha stabilito il suo record di risultati e ha chiuso al settimo posto. È stata una edizione tutto sommato positiva anche per l’Italia, che ha chiuso al dodicesimo posto con 10 medaglie di cui 3 d’oro: a Sochi, quattro anni fa, l’Italia concluse con 8 medaglie, nessun oro e in ventiduesima posizione finale. Qui il medagliere completo.

    Quattro anni fa la Russia terminò i Giochi invernali al primo posto nel medagliere con 33 medaglie e 13 ori (molte medaglie furono però revocate in seguito allo scandalo doping). La Norvegia arrivò seconda con 26 medaglie e 11 ori mentre la Germania fece peggio di quanto ha fatto nelle prime sette giornate a Pyeongchang. Dopo la Norvegia, i risultati più rilevanti sono arrivati proprio dalla delegazione tedesca, che ha sfiorato la prima posizione nel medagliere finale e ha concluso i Giochi con gli stessi ori della Norvegia.
    Fonte: Il Post


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Dom Feb 25, 2018 4:43 pm

    La fine delle Olimpiadi invernali, in foto

    Cosa si è visto alla cerimonia di chiusura di Pyeongchang 2018, compresi i seri funzionari nordcoreani



    I Giochi olimpici invernali di Pyeongchang sono terminati oggi, dopo diciassette giorni di gare a cui hanno partecipato 2.952 atleti di 92 paesi diversi. Hanno gareggiato in 15 discipline, nella prima Olimpiade invernale che avuto in programma più di 100 gare con delle medaglie in palio. La delegazione italiana è stata composta da 121 atleti – 48 donne e 73 uomini –, la più numerosa di sempre dopo quella che si presentò a Torino 2006 (lì furono 179). Ha vinto 10 medaglie (2 in più di Sochi 2014) di cui 10 d’oro (a Sochi non ne arrivò nemmeno uno).

    La cerimonia di chiusura si è svolta quando in Italia erano le 12.00 allo Stadio Olimpico di Daegwallyeong (in Corea del Sud erano le otto di sera). C’è stata la consueta sfilata delle delegazioni che vi hanno partecipato, e per l’Italia la portabandiera è stata la pattinatrice Carolina Kostner, che a Pyeongchang ha disputato la sua ultima Olimpiade (senza riuscire a vincere una medaglia). La cerimonia si è conclusa poi con lo spegnimento del braciere olimpico e con il passaggio di consegne tra il comitato organizzatore coreano e quello di Pechino 2022, dove si terrà la prossima edizione dei Giochi.

    Fonte: Il Post


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mar Feb 27, 2018 9:31 am

    Paralimpiadi Invernali PyeongChang 2018: quando iniziano? Il programma e le date

    Le Paralimpiadi Invernali di PyeongChang 2018 si svolgeranno dal 9 al 18 marzo. Dieci giorni di gare appassionanti, avvincenti ed emozionanti con tanti Campioni provenienti da tutto il mondo che si fronteggeranno per conquistare le ambite medaglie a cinque cerchi. Tanti eroi della vita quotidiana, esempi per tutti pronti a risplendere sulla neve e sul ghiaccio della Corea del Sud.

    Gli sportivi diversamente abili si cimenteranno in sei sport e si contenderanno ben 80 titoli. Tante Nazioni partecipanti tra cui anche l’Italia, presente soltanto con un contingente di 26 atleti ma che spera di conquistare un paio di medaglie: l’obiettivo è cancellare il pesante zero di Sochi 2014. Le Paralimpiadi Invernali di PyeongChang 2018 scatteranno venerdì 9 marzo con la Cerimonia d’Apertura, poi il via alle gare: tutti i giorni ci sarà spazio per una cospicua distribuzione di titoli in tutti gli sport. Dal 9 al 18 marzo (cioè un paio di settimane dopo i Giochi Olimpiadi che si sono conclusi il 25 febbraio) ci sarà spazio per sci alpino, sci nordico, biathlon, hockey, curling, snowboard.

    La Cerimonia d’Apertura è prevista per venerdì 9 marzo, dal giorno seguente si assegneranno le medaglie. Sabato 10 marzo con 12 titoli (è la giornata più ricca, 6 dall’alpino e 6 dal biathlon), poi domenica 11 ancora sei titoli di alpino e 2 di sci di fondo, si incomincia la settimana con 5 titoli dallo snowboard e ancora 4 dal fondo, martedì 12 con 6 titoli dal biathlon e 6 dall’alpino, scorpacciata mercoledì 14 con 6 ori per il fondo e 3 per l’alpino che sarà l’unica disciplina ad assegnare medaglie giovedì 15, venerdì 16 spazio ancora al biathlon (6) e allo snowboard (5), weekend conclusivo con le Finali di curling e hockey ma anche con tanto sci di fondo (8) e gli ultimi titoli di alpino (6).

    Le Paralimpiadi Invernali di PyeongChang 2018 incominceranno venerdì 9 marzo e si concluderanno domenica 18 marzo. L’intera manifestazione sarà trasmessa in diretta tv su Eurosport, previste alcune ore in chiaro sui canali Rai, consuete dirette streaming su Eurosport Player e sul sito della Rai.
    Fonte: OASport


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Mar Feb 27, 2018 9:36 am

    Olimpiadi Invernali PyeongChang 2018: Italia sesta per numero di top ten! Azzurri tra le grandi potenze, meglio del medagliere



    L’Italia ha concluso le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018 con il dodicesimo posto nel medagliere finale: 10 medaglie (3 ori, 2 argenti, 5 bronzi) raccolti in sei sport differenti. Un bottino estremamente positivo per la nostra Nazionale che si è ben comportata sulla neve e sul ghiaccio della Corea del Sud. Gli azzurri sono rimasti a lungo in lotta per un posto nella top ten, sono tornati a vincere dei titoli come non succedeva da 8 anni e hanno raggiunto il traguardo della doppia cifra che ci mancava addirittura da Torino 2006.

    C’è però un’altra classifica che deve essere presa in considerazione: quella del numero di piazzamenti in top ten ottenuti nelle 102 gare in programma. Ebbene in questa speciale classifica l’Italia è sesta: 55 top ten raccolte dagli azzurri che fanno meglio di Francia (53), Giappone e Austria (52), Corea del Sud (39), Svezia (44), Paesi Bassi (40) cioè tutte Nazioni che ci hanno preceduto nel medagliere classico. E facciamo meglio anche degli atleti olimpici di Russia (53) che nel medagliere ci sono arrivati subito dietro.

    Sono numeri importanti che certificano la profondità del movimento, magari non sempre in grado di vincere o di salire sul podio ma di piazzarsi onorevolmente con una certa costanza. La classifica è stata vinta dalla Germania (93) che ha preceduto di due lunghezze la Norvegia (91, ma gli scandinavi hanno vinto il medagliere). Terzi gli USA (89) appena davanti al Canada (86), quinta la Svizzera (57) che ha appena fatto meglio dell’Italia.
    Fonte: OASport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 145943
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 18
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da APUMA il Ven Mar 09, 2018 9:41 am

    Paralimpiadi invernali 2018, l'Italia in pista senza donne

    Ventisei gli atleti azzurri in gara chiamati a riscattare l'assenza di podi di Sochi 2014. Ma non ci sono quote rosa

    Seul, 9 marzo 2018 - E' giusto segnalare subito un’anomalia. Meglio ancora: una differenza sostanziale sulla quale sarà il caso di sviluppare una riflessione svincolata dalla cronaca nuda e cruda. All’Olimpiade invernale di Pyeongchang, l’Italia della neve e del ghiaccio ha espresso il meglio grazie alle sue donne. Le medaglie d’oro di Sofia Goggia in discesa, di Arianna Fontana nello short track e di Michela Moioli nello snowboard hanno legittimamente alimentato la convinzione che qualcosa sia cambiato e stia cambiando nella cultura profonda di un Paese finalmente avviato a valorizzare l’altra metà del cielo. In breve. Quando lo sport è donna, una nazione si rende conto di essere in fuga dal pregiudizio, dalle imbarazzanti appartenenze a modelli di pensiero che simboleggiavano una civiltà arcaica e triste (tradotto: le ragazze stiano in casa a fare la calza, eccetera eccetera). Per questo, è triste constatare che alle Paralimpiadi invernali 2018, che vengono inaugurata oggi, l’Italia non ha iscritto nemmeno una donna. Zero. Significa che persino Luca Pancalli, generoso presidente del movimento paralimpico azzurro, deve continuare a fare i conti con una realtà non semplice. E ci sta di auspicare, d’intesa con il diretto interessato, che sarebbe poi sempre Pancalli, che questa sia l’ultima volta. Fra quattro anni, a Pechino nel 2022, di italiane Paralimpiche in gara dovranno essercene tante. In caso contrario, lo stupore odierno si tradurrebbe in sgomento.

    Tornando a bomba, come direbbe dalla sponda nord della Corea il paffuto Kim Jong-un, i Giochi che oggi vengono inaugurati saranno agonisticamente difficili per gli azzurri. Scontiamo un atavico problema in infrastrutture, reclutamento, promozione. Non per caso al movimento paralimpico ‘invernale’ fin qui sono mancati personaggi trainanti, figure popolari come Alex Zanardi e come Bebe Vio. E il volano dei Campioni è indispensabile, per mettere benzina nel motore della macchina paralimpica. La squadra di hockey non può aspirare a una medaglia. Sinceramente, già un piccolo progresso rispetto al sesto posto di quattro anni fa accontenterebbe atleti e tecnici. Considerando che a Sochi nel 2014 non trovammo ospitalità nel medagliere, segnando un record negativo dopo oltre trent’anni, ecco, se almeno un podio saltasse fuori tra sci alpino e snowboard, be’, sarebbe una gran cosa. Ma è difficile...
    Fonte: Quotidiano.Net


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Giochi olimpici invernali

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Sab Nov 17, 2018 8:02 pm