Avanzi

Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    La testa nel pallone

    Condividere

    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 11, 2016 8:38 am



    La Pistoiese pareggia con la Carrarese 1 a 1!

    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Apr 17, 2016 8:06 am

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    La Pistoiese batte l'Arezzo per 3 a 0! PinguHop DoppioPingu

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Apr 17, 2016 8:10 am

    Il cambio di allenatore fa bene alla Pistoiese: 3-0 contro l'Arezzo



    La squadra ha lottato come non si vedeva da tempo

    Pistoia, 16 aprile 2016 - Il cambio di allenatore giova alla Pistoiese che con Valerio Bertotto in panchina espugna Arezzo con una prestazione vincente e convincente. Lo spirito degli arancioni sembrava decisamente rinnovato (chissà Alvini cosa avrà pensato): da tempo non si vedeva la squadra correre e lottare così, tenendo a bada l’Arezzo che nel primo tempo creava la prima vera palla gol nel recupero (superlativo Iannarilli su Mendicino).

    ARANCIONI, in gol con Mungo ma in offside dopo sei minuti, hanno trovato il vantaggio in maniera rocambolesca: cross di Colombo, Baiocco smanaccia malamente e la palla finisce in porta dopo essere carambolata su Sabatino. Tre minuti e arriva il bis: Vassallo lungo per Sinigaglia che crossa di prima per Colombo che da centro area, con Milesi e Sabatino troppo distanti, insacca di testa. Tanto gioco in verticale, un centrocampo dinamico e veloci ripartenze: la Pistoiese di Bertotto si presentava così ad Arezzo e sfiorava il terzo gol con Vassallo (poco cattivo al 26’) e Colombo (destro alto).

    ALL’INTERVALLO il vantaggio orange era doppio. La ripresa cominciava bene, al di là di una incursione di Sabatino terminata in angolo. Dopo sei minuti azione personale di Vassallo che si beve Carlini e crossa per Colombo che insacca in spaccata. In occasione del gol il capitano si è infortunato al braccio e al suo posto è entrato Merini che non giocava dalla gara di andata. Capuano ha provato a cambiare inserendo Varano (comunque propositivo) e Mariani ma questa Pistoiese era decisamente padrona del campo. POI BERTOTTO ha dato spazio ad Antonelli e Sammartino (al posto di un devastante Vassallo, tornato sui suoi livelli) e il finale non regalava più brividi. Al triplice fischio grande festa in casa Pistoiese per un successo molto importante in chiave salvezza.
    Fonte: La Nazione



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Apr 17, 2016 2:54 pm

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    La Juventus travolge il Palermo per 4 a 0! DoppioPingu DoppioPingu

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 18, 2016 8:25 am

    Juventus-Palermo 4-0: Khedira, Pogba, Cuadrado e Padoin. È +9 sul Napoli

    I quattro centrocampisti regalano ad Allegri tre punti che profumano di scudetto, ma c'è la tegola Marchisio: rottura del crociato, stagione finita

    Va bene, come direbbe Massimiliano Allegri scudetto è solo quando lo dice la matematica, ma al di là della scaramanzia di rito la vittoria della Juventus sul Palermo è stata la pietra tombale sul campionato. Nove punti di vantaggio sul Napoli a cinque giornate dalla fine: i cannibali sono a un passo dal quinto scudetto consecutivo. Ventitrè risultati utili di fila, un cammino impressionante. Questa è la Juve, capace di approfittare delle debolezze degli avversari. Da meno 11 alla festa: ormai manca veramente poco. La Signora ribadisce la sua forza anche in una giornata non al top. Inizia con andamento lento, ma poi chiude con un poker. Unico neo, l'infortunio di Marchisio.


    Il gol di Sami Khedira, che ha sbloccato la gara.

    VANTAGGIO E INFORTUNIO — Che sia più colpa del tepore primaverile o della sconfitta del Napoli in casa Inter è difficile dirlo, fatto sta che la Juventus nonostante il repentino vantaggio all'inizio non è quella famelica e agguerrita di sempre. Segna e poi s'accontenta, forse perché consapevole di essere troppo più forte. Eppure dopo il gol di Khedira ci si aspettava un'altra partita: al 10' delizioso assist di Pogba, stop di petto del tedesco e tiro di destro. Ecco il quinto gol in 17 partite, e chissà quanti ne avrebbe fatti senza i tanti acciacchi. A quel punto pensi: ora la Juve la chiude e la partita finisce in mezzora, invece non è così. Cinque minuti dopo si fa male Marchisio: rottura del legamento crociato anteriore, stagione finita e addio Europeo. Entra Lemina ma la squadra accusa il colpo. I bianconeri hanno l'occasione di raddoppiare al 28', quando il tiro di Pogba, sporcato da Sorrentino, finisce sulla traversa, e devono ringraziare San Barzagli se il Palermo non trova il pareggio subito dopo: Vazquez per Trajkovski, che supera Buffon e tira a botta sicura, ma davanti alla porta trova il difensore bianconero.

    GOLEADA — Bianconeri svagati e senza il solito istinto killer, mentre i rosanero prendono coraggio. Ballardini si mette a specchio (3-5-2) e lascia Gilardino in panchina, la squadra risponde bene, ci crede e lotta più di tante altre transitate allo Stadium negli ultimi mesi. Non a caso prima dell'intervallo sfiora di nuovo l'1-1 con Chochev (tiro deviato da Khedira). Il festival degli errori bianconeri va avanti per un'altra ventina di minuti nella ripresa, poi la Juve cambia marcia e la partita prende un'altra piega. Su angolo di Cuadrado (al 25') Pogba firma il decimo gol stagionale (eguagliato il record dell'anno scorso) con un tocco di sinistro sul secondo palo (palla spizzata da Morata - entrato al posto di Dybala - sul primo palo). Ballardini toglie Goldaniga, inserisce La Gumina e passa al 4-3-3, ma i bianconeri dilagano: 3-0 di Cuadrado di destro. La difesa del Palermo fa acqua e nel finale c'è gloria anche per Padoin, che segna il 4-0 su suggerimento di Morata (imbeccato da Pogba). Nel Palermo Vazquez è l'unico che prova a fare qualcosa, la Juve è un'orchestra dove tutti sanno alla perfezione ciò che devono fare. Bene anche Dybala, al rientro dopo quasi un mese, che non segna e non fa magie ma comunque si sacrifica parecchio.
    Fonte: La Gazzetta dello Sport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 18, 2016 8:32 am

    Juve, per Marchisio rottura del crociato: addio Europeo

    Torsione del ginocchio durante un contrasto con Vazquez: il centrocampista della Nazionale lascia il campo con le mani al volto e il club conferma: "Sarà operato nei prossimi giorni". Lui dice: "Sto male ma sono i rischi del mestiere..."


    Marchisio alza subito il braccio dopo il contrasto con Vazquez.

    "Appena rientrato a casa. La notizia della risonanza non può che farmi star male, ma questi sono i rischi del nostro mestiere. Ho forza e tanta voglia di tornare bene e il prima possibile". A parlare, tramite il suo profilo Instagram, è Claudio Marchisio, e la "notizia della risonanza" a cui si riferisce è quella della rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, riportata oggi dal 30enne centrocampista della Juve e della Nazionale durante il match col Palermo. "La risonanza magnetica effettuata ha confermato il sospetto clinico della rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro - si legge nel comunicato ufficiale della Juventus -. Nei prossimi giorni il calciatore sarà sottoposto a intervento chirurgico". I tempi di recupero sono di almeno sei mesi: stagione finita e addio Europeo.

    GLI AUGURI DEL MILAN — Tantissimi gli auguri al centrocampista bianconero arrivati in queste ore in rete, dal tweet del suo allenatore Allegri alla nota del Milan sul proprio sito ufficiale: "Un grosso in bocca al lupo al calciatore della Nazionale italiana e della Juventus Claudio Marchisio - scrivono i rossoneri -, dopo il grave infortunio subito oggi durante la gara con il Palermo. Bravo ragazzo, ottimo giocatore, tanti auguri di pronta guarigione a Claudio Marchisio!".

    L'INFORTUNIO — Il centrocampista della Juve e della Nazionale è uscito in barella al 15' del primo tempo durante la gara con il Palermo allo Stadium. Marchisio è finito a terra dopo un movimento innaturale del ginocchio in un contrasto con Vazquez. Mani al volto per il giocatore, uscito tra gli applausi dello stadio, mentre dalle immagini televisive il labiale di Gigi Buffon è inequivocabile: "Ma porca p...".
    Fonte: La Gazzetta dello Sport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Gio Apr 21, 2016 8:29 am

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    La Juventus batte la Lazio per 3 a 0! PinguHop PinguHop PinguHop

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Gio Apr 21, 2016 8:32 am

    Juventus-Lazio 3-0, Mandzukic gol, Dybala ne fa 2: scudetto più vicino

    Sblocca il croato, poi i biancocelesti restano in dieci per l'espulsione di Patric e l'argentino ritrova la rete dopo 40 giorni firmando una doppietta: Allegri a +9 sul Napoli, lunedì può già essere campione. Prima sconfitta per Simone Inzaghi

    Juve, sempre Juve, solo Juve. Ancora una vittoria, la numero 23 nelle ultime 24 giornate. Lo schiacciasassi bianconero non conosce soste. E così il quinto scudetto consecutivo è sempre più vicino: col il Napoli a -9, manca solo la matematica che però potrebbe arrivare già al prossimo turno. Anche contro la Lazio la squadra di Allegri vince senza neanche faticare più di tanto. Ci mette solo un po' di tempo per sbloccarla, ma più per la bravura di Marchetti che per propri demeriti. Risolvono Mandzukic e Dybala, gli stessi marcatori della finale di Supercoppa di Shanghai che aveva aperto la stagione. Lì segnarono un gol per parte alla squadra biancoceleste, stavolta invece Dybala fa una doppietta dopo il gol del croato e l'espulsione di Patric che lascia la Lazio in dieci, così finisce 3-0. Si ferma la squadra di Inzaghi dopo le convincenti prove contro Palermo ed Empoli. Troppo ampio il divario con i bianconeri, anche a causa delle numerose assenze cui deve far fronte il nuovo tecnico. Che si presenta a Torino senza Candreva, Klose e gli altri infortunati di lungo corso.

    SBLOCCA MANDZUKIC — Il primo tempo è un monologo bianconero, anche se la Lazio tiene palla più dei padroni di casa. Ma quando gli juventini se ne impossessano sono sempre dolori per la retroguardia ospite. Eppure il gol del vantaggio (meritatissimo) arriva solo a sei minuti dall'intervallo. Lo realizza Mandzukic che ribatte in rete un tiro-cross di Pogba sugli sviluppi di uno dei tanti angoli calciati dalla formazione di casa (Lulic protesta per una presunta spinta ai suoi danni da parte del francese, che però non sembra esserci). Ma in precedenza erano state almeno altre cinque le palle-gol create e non sfruttate dalla Juve. Occasioni nitide non capitalizzate un po' per la bravura di Marchetti un po' per la scarsa lucidità dei giocatori juventini. Dybala e Pogba, in particolare. Sui quali il portiere della Lazio compie, è vero, dei mezzi miracoli (due volte sull'argentino e due volte sul francese), favoriti però dalle conclusioni poco "cattive" dei due bianconeri. Prima del gol di Mandzukic ci prova anche Alex Sandro, il cui missile dal limite dell'area sfiora l'incrocio dei pali. Juve, quindi, in totale controllo della gara, come da copione. E la Lazio? Resta a metà strada tra la tentazione di giocarsela a viso aperto (davanti avrebbe qualità per tenere testa ai campioni d'Italia) e la necessità di proteggere una difesa che come sempre dà pochissime garanzie. Ne viene fuori una prestazione poco convincente, con il solo Keita che prova a combinare qualcosa dalla metà campo in su.

    LA CHIUDE DYBALA — La ripresa comincia con un cambio nella Lazio: Milinkovic (al rientro dopo l'infortunio) prende il posto di Parolo. Ma non c'è neanche il tempo di capire se il nuovo ingresso possa servire a qualcosa che la partita viene chiusa nel giro di una manciata di minuti. Prima i biancocelesti restano in dieci per l'espulsione di Patric (somma di ammonizioni; lo spagnolo aveva rischiato il rosso diretto poco prima dell'intervallo per una brutta entrata su Mandzukic), quindi la Juve si porta sul 2-0 con Dybala che trasforma un rigore concesso per il fallo di Gentiletti su Bonucci. Inzaghi è costretto a fare subito un altro cambio, inserendo Basta per Felipe Anderson. Ma, nonostante l'accorgimento, l'inferiorità numerica pesa troppo. E così la Juve ha vita facile anche a triplicare. Segna ancora Dybala che sfrutta un assist di Khedira, che poi qualche minuto più tardi lascia il posto a Sturaro. Successivamente esce anche Dybala che viene rilevato da Zaza. La partita scivola via senza altre emozioni. La Lazio non ha la forza di reagire e la Juve non infierisce. Inzaghi spende l'ultimo cambio per far rifiatare Biglia: al posto dell'argentino entra Cataldi. L'ultima sostituzione di Allegri riguarda invece Pogba che viene rilevato da Asamoah. Finisce in accademia tanto che Mazzoleni (giustamente) non concede recupero.
    Fonte: La Gazzetta dello Sport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Gio Apr 21, 2016 8:40 am

    Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  
    Quasi cento …. Olandesina!



    Sono le 00.00 del 21 aprile 2016, la Pistoiese compie adesso 95 anni, ma non li dimostra! Cento …  di questi giorni vecchio cuore arancione!
    Fonte: USPistoiese1921.it


    Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Apr 24, 2016 8:06 am

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    La Pistoiese ha battuto Teramo per 2 a 1! DoppioPingu

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Apr 24, 2016 8:11 am

    Pistoiese super: battuto il Teramo



    Pistoia, 23 aprile 2016

    - PISTOIESE: Iannarilli; Antonelli, Priola, Pasini, D'Orazio; Damonte, Mungo, Gargiulo; Sinigaglia, Colombo, Vassallo (88' Dondoni). A disp.: Marchegiani, Lanini, Sammartino, Romiti, Petriccione, Merini, Anastasi, Romolini. All. Bertotto.
    - TERAMO: Narduzzo; Brugaletta, Caidi, Speranza, Cecchini; Di Paolantonio, Amadio, Cruciani (83' Calderaro), Palma (62' Moreo); Forte, Petrella (28' Perrotta). A disp.: Tonti, Scipioni, Prezioso, Paolucci, Cenciarelli, Tini, Palestini, Fratangelo, Monni. All. Vivarini.
    - Arbitro: Catona di Reggio Calabria.
    - Reti: 3' Sinigaglia, 12' Cruciani, 29' Mungo.

    Grande vittoria della Pistoiese che vede più vicina la salvezza. Grande primo tempo della PIstoiese che chiude in vantaggio 2-1 meritatamente. Al 3' gran sinistro di Sinigaglia che dal vertice destro ha azzeccato l'angolino opposto. Poi raddoppio sfiorato di testa da Colombo in due occasioni prima del pareggio siglato Cruciani su calcio di punizione (una pennellata precisa). Il Teramo è cresciuto ma ben presto la Pistoiese è tornata padrona del campo. Pasini al 24' ha sfiorato la rete che è arrivata poco dopo con Mungo, bravo a saltare sopra Brugaletta su imbeccata di Sinigaglia. Stessa azione poco dopo con cross di Antonelli ma incornata che scheggia il palo. Nel finale Pasini rischia su Forte ma lo mura ottenendo addirittura fallo a favore.

    Nella ripresa i tirmi sono calati ma era sempre la Pistoiese a fare la gara. Poi è cresciuto il Teramo, vicino al gol in un paio di occasioni (con Forte e Di Paolantonio) ma alla fine a esultare sono stati gli arancioni.
    Fonte: La Nazione



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    thomas
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 98694
    Data d'iscrizione : 20.05.12
    Età : 133
    Località : Transilvania

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da thomas il Dom Apr 24, 2016 8:50 pm

    soddisfazioni Fiorentina 1 - 2 Juventus soddisfazioni

    festeggiare festeggiare festeggiare festeggiare festeggiare festeggiare








    _________________

    Juventino nel cuore
    “La morte è la morte. C'è sempre stata. Che sia per un attacco di cuore, cancro o uno zombie. Che differenza c'è?”
    avatar
    thomas
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 98694
    Data d'iscrizione : 20.05.12
    Età : 133
    Località : Transilvania

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da thomas il Dom Apr 24, 2016 9:02 pm



    _________________

    Juventino nel cuore
    “La morte è la morte. C'è sempre stata. Che sia per un attacco di cuore, cancro o uno zombie. Che differenza c'è?”
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 25, 2016 8:03 am

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    La Juventus batte la Fiorentina 2 a 1! DoppioPingu

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 25, 2016 8:08 am

    Fiorentina-Juventus 1-2: decide Morata, scudetto già domani?

    I bianconeri passano al Franchi: Kalinic risponde a Mandzukic, poi ci pensa lo spagnolo, entrato per Dybala, e Buffon para un rigore. Se il Napoli non batte la Roma sarà festa

    Forse stasera anche Massimiliano Allegri la smetterà di parlare di matematica e pronuncerà la parolina magica: scudetto. Domani, se Higuain e soci non faranno lo stesso risultato dei bianconeri, sarà festa davanti alla televisione per il quinto scudetto di fila, impresa storica e incredibile dopo la falsa partenza iniziale. Neanche un'avvelenata Fiorentina è riuscita a fermare la Signora, che sale a 24 vittorie su 25 partite. La forza di questa squadra è indiscutibile ed è tutta nel 2-1 di Morata e nella parata da rigore di Buffon: pareggio e risposta immediata, perché non vincere non è contemplato nel manuale della Signora.

    MARIO GRANDI NUMERI — Le sfide tra Fiorentina e Juventus raramente diventano partite banali. Figuriamoci adesso, con i bianconeri a un passo dallo scudetto e i viola vogliosi di ben figurare dopo le ultime partitacce. Così il Franchi si trasforma subito in un'arena caliente. Al solito 3-5-2 di Allegri, che rispetto all'ultima cambia solo Lemina (regia) ed Evra (a sinistra), con Mandzukic ancora spalla di Dybala, l'ex juventino Sousa risponde con un 3-4-2-1, con un centrocampo di palleggiatori e Kalinic davanti a Bernardeschi e Ilicic. I muscoli della Signora contro il fraseggio della Viola. La Fiorentina gioca bene e attacca di più, la Juve dà la sensazione di attendere che passi la buriana per poi colpire al primo momento di stanchezza. Nella fase centrale del primo tempo c'è un gol annullato per parte: vistoso il fuorigioco di Khedira (imbeccato deliziosamente da Mandzukic), molto dubbio quello di Bernardeschi, che al replay pare in linea con i difensori bianconeri. Bernardeschi è pericoloso anche poco dopo, con un tiro deviato da Barzagli e poi messo in angolo da Buffon. La Juve fino a poco più di cinque minuti dalla fine è tutta in un bolide di Dybala (deviato in angolo), ma quando hai cervello come Pogba e Khedira e un finalizzatore come Mandzukic tutto può cambiare in un istante. Ci pensa ancora Mario, l'uomo dei gol pesanti: al 39' piattone chirurgico in corsa del croato dopo sponda di testa di Paul e splendido passaggio del tedesco. Agnelli con la tuta della Juve esulta in tribuna incurante degli insulti. Poco prima dell'intervallo altra occasione viola: Alonso scappa a Rugani, colpisce fuori ma poi finisce a terra e chiede il rigore. La trattenuta c'è, il penalty ci può stare anche dalle immagini non sembra che il giocatore viola sia troppo penalizzato.


    Il rigore parato al 90' da Gigi Buffon a Nikola Kalinic.

    SIGNORA ESAGERATA — La ripresa inizia con i tifosi della Fiorentina che urlano "venduto" all'arbitro e i dirigenti bianconeri costretti a cambiare posto per il clima decisamente poco amichevole. Sousa perde Ilicic dopo 8 minuti (pregevole il passaggio per Bernardeschi in occasione del gol annullato) e riparte un po' demoralizzata: difficile non esserlo quando giochi contro una squadra cui basta un'azione per segnare. Mandzukic è ispirato e lo dimostra con la gran palla per Pogba, che se ne va da solo ma poi tira fuori davanti a Tatarusanu. Buffon invece respinge prima su Zarate e poi su Kalinic. L'argentino è scatenato e ci riprova poco dopo, ma davanti ha sempre Buffon. Dopo il primo giallo di Rugani in Serie A (un evento) arriva anche il pari viola: al 37' palla persa da Bonucci (pressato da Bernardeschi) e rete di Kalinic. La festa del Franchi non dura nemmeno un minuto: al 38' Morata riporta la Juve davanti (ancora Mandzukic decisivo con il passaggio per Evra, il cui tiro respinto viene messo in rete dallo spagnolo). Ma la Fiorentina non è ancora doma: al 45' rigore per fallo (inesistente) di Cuadrado (appena entrato) su Kalinic: palla sul dischetto, ma l'attaccante viola si fa ipnotizzare da Buffon. Non è un caso che nella partita decisiva ci sia anche la firma del capitano. Ultimi palpitanti attimi nel recupero per una traversa colpita da Kalinic. La Juve è così, non perdona. Adesso è pronta a sedersi sul divano. Con una bottiglia di champagne in frigo, naturalmente.
    Fonte: La Gazzetta dello Sport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 25, 2016 8:15 am

    Serie A, Fiorentina-Juventus: Buffon e Mandzukic super. Le pagelle



    La squadra di Allegri vince al Franchi 2-1

    FIRENZE - Nel posticipo domenicale della trentacinquesima giornata della serie A, la Juventus ha sbancato il Franchi 2-1. Ormai lo scudetto è ad un passo. Queste le pagelle della gara:

    BUFFON 7,5
    Un grande salvataggio di piede su un'incursione di Bernardeschi. Sul gol di Kalinic non può fare niente, sul rigore invece fa il fenomeno.

    BARZAGLI 6
    Sempre preciso e pulito negli interventi.

    BONUCCI 5
    Comanda la difesa da leader, ma regala l'1-1 alla Fiorentina.

    RUGANI 6,5
    Gioca con la tranquillità di un veterano. Prende la sua prima ammonizione in serie A, questa sì che è una notizia.

    LICHTSTEINER 6
    Più bravo in copertura che in fase di spinta. (Dall'88' CUADRADO sv)

    KHEDIRA 6,5
    Buona personalità, forse gli manca un po' di velocità al momento della conclusione. Inizia l'azione del gol.

    LEMINA 6,5
    Novità in regia, diligente e prezioso in mezzo al campo. Con i piedi ci sa fare.

    POGBA 7
    Un po' impreciso in avvio, poi regala l'assist per il gol di Mandzukic. Cresce tanto nella ripresa.

    EVRA 6,5
    Attento in difesa, spinge quando può.

    DYBALA 6
    Ci prova al 21' da fuori area, qualche accelerazione delle sue. Lotta e corre anche in copertura. Utile anche quando non segna, (Dal 70' MORATA 7 Un tocco, un gol. Ancora una volta decisivo)

    MANDZUKIC 7,5
    Regala assist a Khedira e Pogba. Un paio di spunti interessanti, poi il gol che sblocca la gara. Il migliore con Buffon. (Dall'84' ASAMOAH sv)

    ALL. ALLEGRI 7
    Bene come sempre in fase difensiva, mette in campo una squadra equilibrata e cinica in attacco.
    Fonte: Tuttosport



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    Frau Blucher
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 70569
    Data d'iscrizione : 17.05.12
    Età : 18

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da Frau Blucher il Lun Apr 25, 2016 9:44 am

    thomas ha scritto:   soddisfazioni Fiorentina 1 - 2 Juventus soddisfazioni

    festeggiare  festeggiare  festeggiare          festeggiare  festeggiare  festeggiare







    Hai dormito bene, vedo risata risata risata risata


    _________________
    avatar
    thomas
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 98694
    Data d'iscrizione : 20.05.12
    Età : 133
    Località : Transilvania

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da thomas il Lun Apr 25, 2016 2:37 pm

    Frau Blucher ha scritto:
    thomas ha scritto:   soddisfazioni Fiorentina 1 - 2 Juventus soddisfazioni

    festeggiare  festeggiare  festeggiare          festeggiare  festeggiare  festeggiare







    Hai dormito bene, vedo risata risata risata risata

    Almeno ho una mamma che mi coccola, chioccia ma sempre mamma è!! risata risata risata risata risata risata bravobambino bravobambino bravobambino


    _________________

    Juventino nel cuore
    “La morte è la morte. C'è sempre stata. Che sia per un attacco di cuore, cancro o uno zombie. Che differenza c'è?”
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Lun Apr 25, 2016 3:19 pm

         
    Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader

    Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader

    LA JUVENTUS E' CAMPIONE D'ITALIA!

    Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader

    Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader  Cheerleader
         


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    thomas
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 98694
    Data d'iscrizione : 20.05.12
    Età : 133
    Località : Transilvania

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da thomas il Lun Apr 25, 2016 8:08 pm



    _________________

    Juventino nel cuore
    “La morte è la morte. C'è sempre stata. Che sia per un attacco di cuore, cancro o uno zombie. Che differenza c'è?”
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Mar Apr 26, 2016 8:45 am

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader



    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Mag 01, 2016 2:39 pm

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    La Juventus batte il Carpi per 2 a 0! DoppioPingu

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader

    Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader Cheerleader


    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    APUMA
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 122186
    Data d'iscrizione : 25.05.12
    Età : 17
    Località : Dark Side of the Moon, Heaven

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da APUMA il Dom Mag 01, 2016 2:46 pm

    Juventus-Carpi 2-0: i bianconeri non fanno sconti


    Zaza esulta dopo il gol del 2-0

    Non una delle migliori uscite dei campioni d'Italia, ma con un gol per tempo di Hernanes e di Zaza, gli emiliani capitolano. Solita partita generosa degli ospiti, ma non basta per portare a casa punti. Per i piemontesi è la venticinquesima vittoria nelle ultime 26 gare

    TORINO - La Juventus non fa sconti e contro il Carpi conquista la quindicesima vittoria consecutiva, la venticinquesima nelle ultime ventisei gare. I bianconeri non disputano una grande partita allo Stadium, ma con un gol per tempo di Hernanes e di Zaza, piegano la resistenza degli emiliani, autori comunque di un match dignitoso che fa ben sperare per gli ultimi due incontri-salvezza.

    CARPI ATTENTO, POCHE OCCASIONI - Allegri nel suo 3-5-2 schiera Rugani, Bonucci ed Evra in difesa con Cuadrado e Alex Sandro esterni. In attacco Mandzukic e Morata. Castori risponde col 3-5-1-1 che è più un 5-3-1-1 con Verdi che supporta la punta avanzata Mbakogu. Esterni sono Gagliolo e Sabelli. Il Carpi, come spesso fa, si chiude dietro non concedendo spazi a una Juventus comunque meno precisa dal solito. Le occasioni sono poche. Al 6' gran lancio di 60 metri di Bonucci e tiro al volo in area di Pogba che Belec respinge. Al quarto d'ora perfetto cross dalla sinistra di Alex Sandro con colpo di testa di Morata: pallone di poco sul fondo. Il Carpi ha l'unica chance con Verdi che al 21', servito da Crimi, impegna Buffon con un destro incrociato. Sul corner seguente deviazione doppia di Mbakogu e Suagher ma sfera out.

    LA SBLOCCA HERNANES - Manduzkic fa il solito prezioso lavoro sporco anche se oggi il croato appare più nervoso del solito rimediando anche una ammonizione per proteste. L'attaccante bianconero ha una sola occasione di testa alla mezz'ora ma non trova la porta. Porta che invece pesca Hernanes al 42' quando colpisce al volo di destro su un assist di Asamoah e con la complicità di Belec realizza il primo gol in bianconero in campionato.

    IL CARPI CI PROVA - A inizio secondo tempo Morata, toccato duro da Romagnoli in avvio di match, lascia il posto a Zaza. Il Carpi deve pareggiare e disputa una prima parte di ripresa discreta con la Juventus invece che non riesce più a imbastire azioni offensive. Dopo 4' Sabelli ci prova dal limite ma prima trova Alex Sandro e poi conclude sul fondo. Castori verso il ventesimo decide che è giunto il momento di Lasagna: esce Martinho. Alla mezz'ora gran tiro di Porcari appena entrato in campo al posto di Crimi: un destro che dà alla palla un grande effetto lasciando Buffon immobile. Ma pallone sul fondo.

    MA ZAZA LA CHIUDE - Al minuto 34 si rivede la Juventus in attacco: traversone di Lichtsteiner e Mandzukic sfiora di testa anticipando anche Bonucci, ma palla sul fondo. Passa un minuto e la Juventus la chiude: cross dalla destra di Pogba e Zaza anticipa di testa Romagnoli insaccando alla destra di Belec. Quello dell'ex Sassuolo è un gol che tarpa definitivamente le ali al Carpi che ora dovrà solo pensare ai prossimi decisivi due impegni: in casa contro la Lazio e a Udine. Due partite per restare in Serie A.

    Juventus-Carpi 2-0 (1-0)
    Juventus (3-5-2): Buffon 6,5; Rugani 6, Bonucci 6,5, Evra 6; Cuadrado 5,5 (dal 29′ s.t. Lichtsteiner 6), Pogba 6,5, Hernanes 6,5, Asamoah 6,5 (dal 40′ s.t. Sturaro sv), Alex Sandro 6,5; Mandzukic 6, Morata 5,5 (dal 1′ s.t. Zaza 6,5). (Rubinho, Audero, Barzagli, Padoin, Lemina, Khedira, Pereyra, Dybala). All. Allegri 6,5.
    Carpi (5-3-1-1): ) Belec 5,5; Sabelli 6, Zaccardo 6, S. Romagnoli 5, Suagher 6, Gagliolo 6; Crimi 6,5 (dal 29′ s.t. Porcari 6), Cofie 5,5, Martinho 5,5 (dal 20′ s.t. Lasagna 5,5); Verdi 6 (dal 39′ s.t. De Guzman sv); Mbakogu 5,5. (Colombi, Poli, Letizia, Daprelà, Pasciuti, Di Gaudio, Mancosu, Franchini). All. Castori 6.
    Arbitro: Irrati di Pistoia.
    Reti: Hernanes al 42′ p.t.; Zaza al 35′ s.t.
    Ammoniti: Mandzukic (J) e Bonucci (J) per proteste, Martinho (C), Crimi (C), Rugani (J), Pogba (J), Lichtsteiner (J) per gioco scorretto, Hernanes (J) per c.n.r.
    Angoli: 5-2.
    Recuperi: 3′ p.t , 3′ s.t.
    Spettatori: 40.316, incasso: € 1.754.753, abbonati: 24.776.
    Fonte: La Repubblica



    _________________
    L'Organizzazione è ciò che distingue i Dodo dalle bestie! By la vostra APUMA sempre quì!
    Non sempre "Sempre e per sempre" è per sempre!!!
    Salva una Pianta, mangia un Vegano!
    Un Mega Bacio alla mia cara Hunterus Heroicus KIM, Mishamiga in Winchester!

    La Fretta è nemica della Perfezione!
    avatar
    thomas
    Un Angelo veglia su di te!
    Un Angelo veglia su di te!

    Messaggi : 98694
    Data d'iscrizione : 20.05.12
    Età : 133
    Località : Transilvania

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da thomas il Dom Mag 01, 2016 9:23 pm



    _________________

    Juventino nel cuore
    “La morte è la morte. C'è sempre stata. Che sia per un attacco di cuore, cancro o uno zombie. Che differenza c'è?”
    avatar
    annika
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 116855
    Data d'iscrizione : 26.05.12
    Età : 19

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da annika il Mar Mag 03, 2016 11:48 am

    Leicester, una città in festa fino all'alba. Ranieri: "Sono vecchio, titolo indimenticabile"


    A migliaia, a decine di migliaia, le auto hanno incendiato la notte di Leicester. La festa è durata fino all'alba, quando il gigantesco corteo di automobili si è disperso, la gente è rientrata nelle case e stamattina c'è stato un faticosissimo risveglio. I giocatori e Ranieri si radunano tutti stamattina al campo di allenamento, c'è la seduta di lavoro programmata, ci saranno altri brindisi assonnati


    LEICESTER - Che notte. A migliaia, a decine di migliaia, le auto hanno incendiato la notte di Leicester. La città che ora è al centro dell'Inghilterra, o dell'Europa. Città predestinata in questo anno di grazia 2016, ricco di segnali, di simbolismi. Ad esempio, mentre il Leicester City si aggiudicava la vittoria in Premier League, un altro figlio di Leicester, Mark Selby, vinceva la finale del campionato del mondo di snooker, e festeggiava ostentando una bandiera della squadra di calcio. Era proprio destino, era il loro anno. Così via, tutti in strada a festeggiare. Non aspettavano altro. La città aveva sonnecchiato per tutta a giornata di lunedì, del resto era anche un giorno di festa. Ma appena è finita la partita tra Chelsea e Tottenham, il popolo si è gettato in strada. A piedi, sulle prime. Con cortei nelle vie pedonali del centro, e cori, e canti. Ma poi soprattutto in automobile. Dopo un'ora dalla fine della partita si è formato via via un unico corteo, mai visto da queste parti, ha intasato all'inizio le vie del centro ed è arrivato, quasi senza soluzione di continuità, fino al King Power Stadium, a tre chilometri dal centro, dove i tifosi del Leicester avevano fissato il punto d'incontro. La città si è bloccata in fretta. Non si passava più, nel frastuono di clacson e fumogeni. Festa di popolo come poche, e popolo vario, multirazziale e multicolore come a Leicester, dove ci sono una sessantina di paesi rappresentati, ed era facile, nella notte della festa, vedere Hare Krishna che cantavano lodi per il Leicester City, o arabi, africani, thailandesi, pakistani, indiani, cinesi, italiani, polacchi, chiunque. Il fiume di auto si è spostato anche verso la casa James Vardy, il centravanti e uomo del destino, dove si erano radunati tutti i giocatori per assistere alla partita. Nella villa di Vardy ovviamente non si poteva entrare, ma i tifosi hanno fatto ala comunque, perché anche quello era un punto sensibile delle celebrazioni: con la sua stagione straordinaria, Vardy è stato il simbolo dell'annata. L'altro grande simbolo, Claudio Ranieri, è rimasto in casa sua, non si è visto in giro. Si sa che appena terminata la partita, il tecnico ha telefonato tra gli altri a Guus Hiddink, allenatore del Chelsea, ringraziandolo per l'impegno che la sua squadra aveva mostrato nella partita col Tottenham, che in effetti è stata rissosa e scorretta oltre ogni dire, con il Chelsea che sembrava doversi giocare l'onore, ma anche questo è calcio inglese. Ranieri ha poi confessato di essere "orgoglioso" della sua squadra e della sua impresa, mentre gli arrivavano complimenti dall'Italia e dall'Inghilterra: "Sono contento per Claudio, un grande tecnico e una persona di enorme classe", ha detto tra gli altri John Terry. 
     A fatica, verso l'alba, il gigantesco corteo di automobili si è disperso, la gente è rientrata nelle case, e stamattina c'è stato un faticosissimo risveglio. I giocatori si radunano tutti stamattina al campo di allenamento, c'è la seduta di lavoro programmata, ci saranno altri brindisi assonnati. E'  il primo giorno del Leicester campione d'Inghilterra, dopo 132 anni di storia.

    LA GIOIA DI RANIERI - E Ranieri lo festeggia così mentre si prepara all'allenamento con la squadra: " "Se avessi vinto questo all'inizio della mia carriera, forse avrei potuto dimenticarlo. Ma ora sono vecchio e posso ricordarlo . Sono felice- per i tifosi, il presidente, tutta la comunità di Leicester. Non so quale sia il nostro segreto: I giocatori hanno dato cuore e anima. E' il modo in cui giocano. Ora andiamo avanti. Vogliamo migliorare, e molto".  Claudio Ranieri è arrivato stamattina al campo di allenamento del Leicester "come fosse un normale giorno di lavoro:Ma non lo è...'". Così il sito del Leicester City commenta la prima foto scattata oggi al tecnico romano dopo il trionfo. Cartellina rossa sotto il braccio, giacca chiara, cravatta: ecco Ranieri appena sceso dalla macchina, salutato da una rara giornata inglese di sole. Ranieri ha raccontato la vigilia dell'evento, e si è trattato del racconto di una tipica domenica italiana, se fosse stato di domenica invece che di lunedì. "Ho pranzato con mia madre e sono rientrato verso le 7". Poi, malgrado alla vigilia avesse messo in dubbio di voler guardare il match decisivo dei rivali del Tottenham, si è piazzato davanti alla tv. "Alle 8 ho guardato la partita" Chelsea-Tottenham, ha ammesso. "Oggi mi sente bene - le sue altre parole - come potete immaginare. E adesso vogliamo gioire tutti insieme".

     







    La Repubblica ,foto Daily Mail


    _________________

    DIETRO OGNI PROBLEMA C'E' UN' OPPORTUNITA'
    (GALILEO GALILEI)
    Non curante, ma non indifferente


    avatar
    annika
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 116855
    Data d'iscrizione : 26.05.12
    Età : 19

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da annika il Mer Mag 04, 2016 9:22 pm




    risata risata risata risata risata risata


    _________________

    DIETRO OGNI PROBLEMA C'E' UN' OPPORTUNITA'
    (GALILEO GALILEI)
    Non curante, ma non indifferente



    Contenuto sponsorizzato

    Re: La testa nel pallone

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Ven Nov 17, 2017 9:23 pm