Avanzi

Avanzi

spettacolo a 360 gradi con incursioni in altro


    JAVIER BARDEM

    Condividi
    avatar
    annika
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 135038
    Data d'iscrizione : 26.05.12
    Età : 20

    JAVIER BARDEM

    Messaggio Da annika il Dom Set 08, 2013 9:20 am

    JAVIER BARDEM




    Dopo tanta fatica ce l'ha fatta. Proviene da una delle famiglie più cinematografiche della penisola iberica: i Bardem. Non era pronto a sbaragliare la concorrenza, ma era semplicemente pronto a fare quello per cui era nato e destinato da un cognome piuttosto ingombrante. Eppure è andato più lontano di chiunque altro e noi siamo fieri di lui, anche se non fa parte della nostra nazione. Ma è come se lo fosse. Un look ancora più mediterraneo di quello di Antonio Banderas - che in una qualche maniera gli ha aperto lo strada -, un misto di vecchio e nuovo sulla sua pelle, un'irresistibile voglia di essere come un toro nell'arena e ammazzare una volta per tutte il torero e poi una grande potenza sessuale in grado di risvegliare tempeste ormonali di gentili e generose signore, scatenano ovvi duelli con i rivali. In una parola, Javier Bardem è sorprendente, siderale e affascinante. Si muove di fronte alla macchina da presa come un idolo di culto, facendo breccia nell'immaginario degli spettatori in una maniera così dirompente da far slittare leggermente il cuore dalla parte destra. Come ha fatto a diventare il primo attore spagnolo nominato agli Oscar? Non in pompa magna. Gli è bastato infilare degli slip neri, sdraiarsi sulla sabbia accanto ad Andrea Di Stefano e ridere. Da quel momento in poi, si sono tutti innamorati di lui, uomini e donne.
    Javier Bardem ha la capacità molto rara di rapire dal di dentro il proprio personaggio con l'intento di sviscerarlo come e meglio può, attraverso un'introspezione profondissima. Si introduce dentro il suo ruolo come se questo fosse una sua seconda pelle e risulta essere fantastico sotto ogni punto di vista, che sia di fronte a una pellicola comica e allegra o a una più dolorosa e drammatica. Verve e qualche strizzata d'occhio a un pubblico che non è solamente femminile - non dimentichiamo i fedelissimi che lo hanno seguito fin dagli esordi - e boom, il gioco è fatto. E ogni volta che stringe nelle mani un premio, in quelle circostanze da "semplice" umano diventa un vero e proprio supereroe per i nostri occhi, un uomo dotato di abilità straordinarie. Fattezze da vero e proprio toro che sa amplificare la carica drammatica di una parte in maniera ottimale.


    Le origini e gli esordi


    Il giovane Bardem proviene da una famiglia d'arte: suo nonno era infatti l'attore Rafael Bardem, lui stesso è il nipote del regista Juan Antonio Bardem e sua madre è la nota attrice spagnola Pilar Bardem. All'appello non mancano neanche i fratelli, anche loro impegnati nel campo della recitazione: Carlos e Monica Bardem. Ultimogenito e più giovane membro di questa nota famiglia di attori, muove i suoi primi passi respirando l'aria del cinema iberico, seguendo la madre - a due anni dalla sua nascita i suoi genitori si separano - nelle sue numerose apparizioni filmiche e televisive.
    Trasferitosi a Madrid, fa il suo debutto a soli 4 anni, nella serie televisiva El Pícaro (1974) di Fernando Fernán Gómez, proprio accanto alla donna ed è sempre accanto a lei che esordisce cinematograficamente, ormai adulto ne Il poderoso influjo de la luna (1980) di Antonio del Real. Nel mezzo, un adolescente Bardem si allena con il rugby, entrando a far parte della nazionale spagnola e lo studio di belle arti alla Escuela de Artes y Officios, dove sogna di diventare pittore (anche se lavora come operaio e come stripper per pagarsi gli studi).


    Tra Bigas Luna e Pedro Almodòvar



    Abbandonata la scuola, a cambiargli la vita arriva il regista Juan José Bigas Luna che totalmente ammaliato dalla mascolinità taurina di Bardem lo impone come interprete principale di molte delle sue pellicole erotico alimentari, fra le quali spicca Prosciutto, prosciutto (1992) con Stefania Sandrelli. Notato da Pedro Almodóvar, il niño terribile de La Mancha, lo impone in Tacchi a spillo (1991) e poi in Carne tremula (1997).
    Man mano che la sua filmografia prosegue, Bardem raccoglie consensi e premi, tanto per cominciare i due Goya vinti come miglio attore non protagonista per Días contados (1994) e come miglior attore protagonista per Boca a boca (1995). Dall'esaltante incontro con il regista Mario Barroso arriva al toccante Prima che sia notte (2000) dove interpreta un gay cubano fra contadini che assomigliano a Sean Penn e travestiti e militari che hanno l'aria di Johnny Depp. E la critica e il pubblico non rimarranno indifferenti di fronte alla sua performance: in primis, Javier Bardem stringe per le mani la Coppa Volpi al Festival di Venezia come miglior attore, poi si gode una candidatura ai Golden Globe nella stessa categoria e per chiudere in bellezza una nomination agli Oscar che lo porterà a essere il primo interprete spagnolo a essere nominato dall'Academy in quella categoria.

    Il richiamo di Hollywood

    Hollywood gli punta gli occhi addosso: John Malkovich lo convince a essere protagonista del suo esordio alla regia con Danza di sangue (2002), mentre recita con Tom Cruise in Collateral (2004). Ma forse la soddisfazione più grande ce l'ha nello stringere un nuovo Goya grazie alla pellicola I lunedì al sole (2002). Ma quando sembra che Bardem abbia veramente avuto tutto, sbagliamo: Alejandro Amenábar gli chiede di essere protagonista del suo nuovo film Mare dentro (2004), lui accetta e fa il miracolo. Il sex symbol spagnolo si piega per un tema delicato e fragile come quello dell'eutanasia, trasformandosi in Ramón, giovane uomo che per un tuffo in mare mal calcolato è costretto a stare per 28 lunghissimi anni in un letto come tetraplegico. È incredibile come Bardem riesca a disegnare con così profonda umanità la fame dietro le quattro mura, la vita in un letto che è una tomba e una vita che non è più una vita. È semplicemente sublime, per cui meritevole di una nuova Coppa Volpi, di un nuovo Goya, di un'altra candidatura al Golden Globe e di un European Film Award come miglior attore dell'anno.
    Ormai considerato un attore storico, diventa membro della giuria del Festival di Cannes nel 2005, poi si fa dirigere da autori di serie A come Milos Forman in L'ultimo inquisitore (2006), Emir Kusturica in Promise Me This (2007), i fratelli Ethan e Joel Coen con Non è un paese per vecchi (2007) e Woody Allen per Vicky Cristina Barcelona (2008), rubando persino il ruolo di Fiorentino Ariza a Johnny Depp per L'amore ai tempi del colera (2007). Lo troviamo poi in Mangia prega ama (2009) di Ryan Murphy con Julia Roberts e protagonista in Biutiful (2011) del talentuoso regista portoghese Alejandro Gonzales Inarritu. Viene poi diretto da Malick in To the Wonder, in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, e da Sam Mendes in Skyfall; è poi attesissimo il The Counselor di Ridley Scott che lo vede al fianco di un cast stellare (Brad Pitt, Michael Fassbender, Cameron Diaz e Penelope Cruz)



    Premi & Nomination

    BAFTA 2013
    Nomination miglior attore non protagonista per il film Skyfall di Sam Mendes

    Premio Oscar 2011

    Nomination miglior attore per il film Biutiful di Alejandro González Iñárritu

    BAFTA 2011

    Nomination miglior attore per il film Biutiful di Alejandro González Iñárritu

    Festival di Cannes 2010
    Premio miglior attore per il film Biutiful di Alejandro González Iñárritu

    Golden Globes 2009
    Nomination miglior attore in un film brillante per il film Vicky Cristina Barcelona di Woody Allen

    Golden Globes 2008

    Nomination miglior attore non protagonista per il film Non è un paese per vecchi di Ethan Coen, Joel Coen

    Golden Globes 2008
    Premio miglior attore non protagonista per il film Non è un paese per vecchi di Ethan Coen, Joel Coen

    Premio Oscar 2008

    Nomination miglior attore non protagonista per il film Non è un paese per vecchi di Ethan Coen, Joel Coen

    Premio Oscar 2008
    Premio miglior attore non protagonista per il film Non è un paese per vecchi di Ethan Coen, Joel Coen

    Golden Globes 2005

    Nomination miglior attore in un film drammatico per il film Mare dentro di Alejandro Amenábar

    Festival di Venezia 2004

    Premio coppa volpi migliore interpretazione maschile per il film Mare dentro di Alejandro Amenábar

    Golden Globes 2001

    Nomination miglior attore per il film Prima che sia notte di Julian Schnabel

    Festival di Venezia 2000
    Premio coppa volpi migliore interpretazione maschile per il film Prima che sia notte di Julian Schnabel

    Premio Oscar 2000
    Nomination miglior attore per il film Prima che sia notte di Julian Schnabel mymovies


    _________________


    DIETRO OGNI PROBLEMA C'E' UN' OPPORTUNITA'
    (GALILEO GALILEI)
    Non curante, ma non indifferente





    avatar
    annika
    La Famiglia prima di tutto!
    La Famiglia prima di tutto!

    Messaggi : 135038
    Data d'iscrizione : 26.05.12
    Età : 20

    Re: JAVIER BARDEM

    Messaggio Da annika il Mer Set 11, 2013 7:36 pm



    _________________


    DIETRO OGNI PROBLEMA C'E' UN' OPPORTUNITA'
    (GALILEO GALILEI)
    Non curante, ma non indifferente






      La data/ora di oggi è Lun Ott 15, 2018 10:18 pm